scritto da Daniele Concordia in Biciclette,Test,Video il 08 Mag 2019

VIDEO TEST – In gara con la Cannondale F-Si Hi-Mod WC

VIDEO TEST – In gara con la Cannondale F-Si Hi-Mod WC
        
Stampa Pagina

RIVA DEL GARDA – Quale miglior occasione per testare a dovere una hardtail da gara come la Cannondale F-Si Hi-Mod WC, se non una delle Gran Fondo più toste e tecniche d’Italia?

Cannondale F-Si Hi-Mod WC




Okay, la Cannondale F-Si 2019 non è una novità assoluta, ve l’avevamo già presentata lo scorso anno ad Albstadt, dove avevamo avuto modo di raccontarvi anche le prime impressioni di guida.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

In fin dei conti, però, fino ad ora non avevamo mai avuto modo di testarla a dovere.
Quindi, dopo averci girato un po’ sui nostri sentieri di riferimento, abbiamo deciso di trarre le conclusioni finali sul campo, e che campo…

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Il percorso “Ronda Piccola” della Rocky Mountain Marathon di Riva del Garda (42 km e circa 1600 metri di dislivello), non lunghissimo, ma molto selettivo, ci ha aiutato a comprendere fino in fondo le caratteristiche, i pregi e i difetti della Cannondale F-Si Hi-Mod WC, un mezzo che ci ha accompagnato anche nel raggiungimento di un ottimo risultato, parlando di piazzamento vero e proprio…
Prima di entrare nei dettagli, guardatevi il video di questa esperienza:

Maggiori approfondimenti, insieme alle novità apportate sulla Cannondale F-Si 2019 li trovate in questo articolo.
Ora, invece, vogliamo concentrarci sulle sensazioni di guida e sugli altri spunti che a primo impatto non avevamo colto.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Partenza subito in testa…

Prima, però, riassumiamo i dettagli che caratterizzano la Cannondale F-Si Hi-Mod WC, ossia il modello utilizzato nel test:
– Telaio in carbonio BallisTec di ultima generazione ad alto modulo (peso 900 grammi).
– Foderi flessibili “SAVE Micro Suspension” con collarino reggisella a scomparsa.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

– Design “Asimmetric Integration” con carro Boost (compatibile per gomme fino a 2,35”).
– Perno passante posteriore con sgancio “ibrido” Speed Release.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

– Forcella Lefty Ocho Carbon con travel da 100 mm, rovesciata e monopiastra (peso 1446 grammi).
– Sgancio rapido pinza freno anteriore con sistema StopLock.
OutFront geometry rivisitata su richiesta dei riders.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

 

1 – DETTAGLI TECNICI
– Geometria: 9,5
La Cannondale F-Si Hi-Mod WC ha delle quote piuttosto moderne, ma non troppo estreme, studiate per mettere a proprio agio un po’ tutti, dai meno esperti ai riders più smaliziati.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Tuttavia, visto che parliamo di una fuoriserie da competizione, volendo essere pignoli potremmo dire che alcuni dettagli si potrebbero perfezionare.
Ad esempio, il piantone (73,1 gradi) sulle taglie più piccole come S e M potrebbe essere leggermente più in piedi.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Anche il rake molto avanzato della forcella (55 mm), sebbene trasformi questa Mtb in una vera schiacciasassi nei tratti scassati e veloci, a volte obbliga a guidare con un po’ più di irruenza nelle curve secche, soprattutto per via del front center maggiore.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Per il resto, nulla da dire: carro più corto, con reach bilanciato e top tube allungato rendono la Cannondale F-Si Hi-Mod WC ancora più performante della versione precedente, in tutte le situazioni.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

– Assetto in sella: 9
La Cannondale F-Si Hi-Mod WC ti mette subito a tuo agio.
Nel mio caso, è bastato regolare altezza e arretramento sella per trovare la posizione giusta, senza avvertire il bisogno di effettuare particolari personalizzazioni.
Il piantone da 73,1 gradi in taglia M, però, mi ha obbligato ad avanzare parecchio la sella, per questo motivo, a mio avviso sulle taglie più piccole si sarebbe potuto osare un po’ di più… Per quanto riguarda L e XL le quote potrebbero essere perfette.
In Cannondale giustificano questa scelta tecnica spiegando con la presenza del sistema SAVE: un piantone meno verticale permette al sistema reggisella-carro di flettere con maggior facilità.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Sulla bici in test, con un’altezza sella impostata a 72 cm, lo svettamento non era abbondante, ma tutto sommato questo dettaglio riduce il rischio di eventuali danni causati dall’eccessiva flessione…
Parlando invece di distanza tra sella e manubrio, lo stem da 80 mm si è rivelato perfetto, ma in alcune occasioni avrei preferito un’inclinazione maggiore di quella da 6° di serie.
Tuttavia, queste sono scelte e sensazioni molto personali. C’è da dire che la presenta di un attacco classico, senza standard proprietari, rende più facile la personalizzazione dell’assetto.
In generale, comunque, la posizione sia in salita che in discesa è decisamente performante senza il bisogno di stravolgere nulla.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Stem di serie da 80 mm con inclinazione di 6 gradi sul telaio taglia M

– Cura costruttiva: 9,5
I dettagli tecnici sono di pregio, così come la cura dei dettagli e la pulizia delle linee.
Il passaggio cavi è completamente integrato, la scomparsa del collarino reggisella rende il triangolo anteriore ancora più snello e il passaggio ruota posteriore è veramente abbondante: con gomme Schwalbe Racing Ralph da 29×2,25” montate su cerchio da 25 mm c’era ancora tanto spazio a disposizione.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Se proprio vogliamo trovare il pelo nell’uovo, a mio avviso manca un batticatena spesso e integrato di serie: nelle discese scassate la catena batte sul fodero basso e fa abbastanza rumore.
Sarebbe utile anche una protezione che protegga il top tube dagli eventuali urti del manettino in caso di caduta o trasporto in auto: i ragazzi di Cannondale Italia hanno applicato dello Shelter, ma da Cannondale ci aspettiamo più attenzione a questo dettaglio.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Molto intelligente e utile, invece, il sistema di sgancio rapido della pinza freno anteriore con sistema StopLock.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Il sistema StopLock è molto veloce, pratico ed intuitivo. Facilita non poco lo smontaggio della ruota anteriore, operazione molto frequente se si deve caricare la bici in macchina.

Stesso discorso per il perno passante posteriore Speed Release, un sistema ibrido che rende più immediato lo smontaggio e il montaggio della ruota.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Al posteriore troviamo lo sgancio Speed Release, un sistema ibrido che unisce la rigidità del perno passante alla praticità del quick release. La pinza freno è di tipo Flat Mount.

Per quanto riguarda la nuova forcella Lefty Ocho, ci è stato segnalato che alcuni utenti hanno riscontrato delle problematiche di vario tipo, ma sappiamo anche che Cannondale sta lavorando per risolverle e per sostituire in garanzia i prodotti difettosi tramite i Lefty Service Center.
Detto questo, durante il test noi non abbiamo riscontrato alcun problema. Altrimenti, come accaduto altre volte in passato, lo avremmo segnalato.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

La forcella Lefty Ocho è più sensibile della precedente, ma è sempre piuttosto progressiva. Per il setup di base si può partire dalla tabella presente sotto lo stelo, dove è indicata la pressione, ma anche il click del ritorno in base al peso del rider. In generale, questa forcella lavora con Sag superiore rispetto a quelle tradizionali da Xc (20% circa).

– Peso telaio e/o bici: 10
La Cannondale F-Si Hi-Mod WC pesa 8,9 chili con pedali Shimano XTR, gomme tubeless e liquido antiforatura. Un peso eccezionale, visto che si parla di una bici di serie, seppur top di gamma.
Agendo su alcuni componenti come attacco manubrio, piega e reggisella, volendo si potrebbe scendere di qualche grammo, ma a mio avviso non è così necessario…
Il telaio pesa 900 grammi nella versione Hi-Mod, 1100 grammi nella versione normale destinata ai modelli più economici.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

– Prezzo telaio e/o bici: 8
Se proprio dobbiamo trovare un difetto a questa bici, questo è il prezzo: parliamo di 8499€, una cifra piuttosto alta e non alla portata di tutti.
Trattandosi di una Mtb top di gamma, però, il prezzo potrebbe essere giustificato ed è allineato a quello dei marchi concorrenti di pari livello.
C’è di buono, che la Cannondale F-Si Hi-Mod WC non ha bisogno di upgrade, è già pronta per correre!
Inoltre, la gamma F-Si è composta da tanti altri modelli più accessibili…

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

– Garanzia sul telaio: 9,5
Telaio e forcella della Cannondale F-Si Hi-Mod WC sono coperti da una garanzia a vita, limitata al primo proprietario.
Per attivarla bisogna registrare la propria bici sul sito, cliccando qui.
Per altre informazioni sulla garanzia Cannondale cliccate qui.

Voto finale (da 1 a 10): 9,25

Cannondale F-Si Hi-Mod WC



2 – COMPORTAMENTO IN SALITA: 9,5
Arriviamo alle sensazioni e iniziamo da uno dei punti di forza della Cannondale F-Si Hi-Mod WC.
Sapevo già che questa hardtail mi avrebbe messo in condizione di dare il massimo in salita, sia per il peso veramente ottimo, sia per la reattività del telaio e l’assetto racing.
La Rocky Mountain Marathon prevede i primi 20 km quasi interamente in salita, prima su asfalto, poi su sterrato e muri cementati molto pendenti.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Bene, su asfalto la Cannondale F-Si Hi-Mod WC offre quasi il feeling di una bici da strada, è scattante e reattiva al massimo. Inoltre la forcella Lefty Ocho, più leggera e completamente bloccata con lockout attivato, permette di alzarsi sui pedali e rilanciare senza disperdere alcuna energia.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Il pomello posto sulla testa della forcella permette di fare un “fine tuning” della compressione…

Come dicevo prima, nei tratti più ripidi avrei preferito uno stem leggermente più basso, infatti un paio di volte la ruota anteriore si è alleggerita troppo, alzandosi di conseguenza.
Sull’ultima salita, quando ero più affaticato, ho avvertito la presenza delle pedivelle da 175 mm, troppo lunghe per le mie necessità: come ho detto nel video, a mio avviso sulla taglia M dovrebbe esserci la possibilità di scegliere tra le 170 o le 175. Sembra un dettaglio secondario, ma non lo è affatto…

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Sulle salite sconnesse, il carro è reattivo ma non troppo e mette in condizione il rider di spingere in modo efficace senza perdere il grip sulla ruota posteriore e senza affaticare la schiena.
La forcella a due posizioni (aperta o chiusa) sul fondo sconnesso a volte è troppo sensibile. Mi è mancata una posizione intermedia (pedal) da utilizzare in queste situazioni, oppure un maggior sostegno da tutta aperta. Ma parliamo di upgrade per palati fini… In generale si è comportata benone.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Il comando remoto della nuova Lefty Ocho è meccanico e non più idraulico…

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA: 9,5
Se in salita la Cannondale F-Si Hi-Mod WC è una scheggia, in discesa non è da meno.
Le geometrie molto aggressive, unite al design del telaio studiato per rendere il posteriore non troppo granitico e alla forcella ancora più performante (sensibilissima, ma anche più progressiva), nonostante la riduzione di peso, donano un feeling davvero disarmante.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Lo sterzo aperto e il rake avanzato permettono di mangiare qualsiasi ostacolo, ma allo stesso tempo il carro più corto fa sì che l’interasse non sia eccessivo, quindi la maneggevolezza è molto buona.
A mio avviso un rake più contenuto della forcella migliorerebbe il feeling nei trail più stretti e lenti, senza perdere troppo il carattere da schiacciasassi.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Alla Rocky Mountain Marathon ho avuto modo di testare la Cannondale F-Si Hi-Mod WC in condizioni davvero estreme, quasi esagerate per una marathon, ma ho potuto capire quali sono i suoi limiti. Dei limiti che, parlando del blocco telaio+forcella sono davvero alti, quasi impossibili da raggiungere nella maggior parte dei casi, perché la F-Si non è una semplice front, ma è qualcosa di più e solo provandola si riesce a comprendere a pieno di cosa si parla.
Per farvi capire meglio, la gara di Riva del Garda quest’anno includeva una discesa di circa 5 km quasi interamente in single track molto pendente su roccia viscida, in pratica un lungo rock garden ai limiti della percorrenza anche per via delle piogge dei giorni precedenti.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Bene, la Cannondale F-Si Hi-Mod WC non si è scomposta più di tanto, qualche difficoltà l’ho trovata solo per via delle gomme montate di serie (Schwalbe Racing Ralph e Racing Ray da 2,25”), che vanno abbastanza bene sull’asciutto, ma sulle rocce bagnate sono andate in crisi più di una volta, soprattutto la posteriore. C’è da dire, però, che non è questo il loro campo di utilizzo…
A mio avviso, comunque, una bestia come la Cannondale F-Si Hi-Mod WC andrebbe valorizzata con delle gomme più aggressive e versatili.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

La Schwalbe Racing Ralph Speed al posteriore ha mostrato i suoi limiti sulle discese rocciose e viscide. In particolare per quanto riguarda il comportamento in frenata…

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

La Schwalbe Racing Ray Speedgrip all’anteriore si è comportata sicuramente meglio, ma anche questa non è proprio una gomma da bagnato…

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO: 10
Sul misto e sui trail in cui bisogna rilanciare spesso l’azione, la Cannondale F-Si Hi-Mod WC dà il meglio di sé. La reattività è massima, la leggerezza si avverte anche in queste situazioni.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Stesso discorso sui tratti asfaltati in pianura, come quelli incontrati negli ultimi chilometri della Rocky Mountain Marathon: a testa bassa, pedalando di passo sono riuscito a viaggiare intorno ai 40 orari senza troppo sforzo. In pratica, velocità da bici da strada…
Anche in questo caso, però, uno stem più basso mi avrebbe aiutato ad assumere una posizione ancora più racing e performante.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

VOTO COMPLESSIVO (DA 1 A 10): 9,5

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Come avete visto nel video, alla fine abbiamo portato a casa anche un secondo posto assoluto…

Ecco la gara su Strava:

In conclusione…
La Cannondale F-Si Hi-Mod WC è una fuoriserie da Xc e marathon.
Una bestia da gara senza troppi compromessi, performante in ogni situazione e pronta per correre già uscita dal negozio, senza effettuare particolari upgrade.

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Allestimento di livello anche per quanto riguarda le ruote, che sono delle Enve M525 con cerchi in carbonio…

Nonostante ciò è molto intuitiva e facile da guidare, adatta non solo agli agonisti puri, ma anche dagli amatori meno esperti.
Il prezzo non è dei più economici, ma la qualità e la cura dei particolari sono massime, d’altronde parliamo del modello più pregiato della gamma F-Si…

Cannondale F-Si Hi-Mod WC

Per informazioni Cannondale.com

Qui tutte le Mtb Cannondale 2019.



voto:  9,5 / 10

PRO:

Peso, reattività e pedalabilità in salita, prestazioni in discesa, assetto racing, allestimento race ready di serie, forcella più sensibile ma anche più progressiva.

CONTRO:

Inclinazione piantone sulle taglie piccole, scelta pedivelle da 175 mm in taglia M, rake forcella forse troppo avanzato, gomme di serie poco versatili, prezzo elevato.

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche del telaio:
    Carbonio BallisTec ad alto modulo, Asimmetric Integration, carro Boost 12x142 mm con tecnologia SAVE Micro Suspension, passaggio interno dei cavi, movimento centrale BB30, perno Speed release, reggisella da 27,2 mm. Cinque taglie, dalla XS (ruote da 27,5") alla XL.
  • Travel:
    100 mm
  • Diametro ruote:
    29" (taglia XS solo 27,5")
  • Peso bici completa:
    8,9 chili con pedali
  • Angolo di sterzo:
    69 gradi
  • Angolo sella:
    73,1 gradi
  • Tubo orizzontale:
    60,6 cm in taglia M
  • Carro:
    42,7 cm
  • Interasse:
    111 cm in taglia M
  • Prezzo:
    8499€
        
Torna in alto