• 158
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Le Pirelli Scorpion Mtb S Lite sono pensate per i fondi morbidi, come ad esempio quelli fangosi, ma anche per la sabbia ed in generale per i terreni sui quali servono dei tasselli pronunciati e distanti tra loro.
Parliamo quindi di un modello molto diverso dallo Scorpion Mtb H Lite che abbiamo già testato, sia come disegno che come campo di utilizzo.

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

Prima di entrare nei dettagli, guardatevi questo video nel quale parliamo delle Pirelli Scorpion Mtb S Lite, ma anche delle gomme più versatili della gamma, ossia le Scorpion Mtb M:




1 – DETTAGLI TECNICI
– Struttura del copertone: 10
Le Pirelli Scorpion Mtb S Lite utilizzate nel test hanno una carcassa da 120 TPI sull’intera superficie, con mescola anti-strappo ma senza rinforzo sul fianco. Le Pirelli Scorpion Mtb S (non Lite) hanno un ulteriore strato protettivo laterale, sempre da 120 TPI, che le rendono più resistenti e più adatte all’utilizzo con pressioni basse.
La particolarità di Pirelli è il fatto che, a seconda della sezione e quindi del tipo di utilizzo, cambia anche la struttura e il tipo di rinforzo laterale.
Ne parleremo tra pochissimo…

Scorpion Mtb S
Pirelli Scorpion Mtb S Lite
Scorpion Mtb S Lite

– Diametri e sezioni disponibili: 9,5
Le Pirelli Scorpion Mtb S e S Lite sono disponibili nel diametro da 29 pollici con sezioni di 2.2” (quella utilizzata nel test), 2.4” e 2.6”. Con le stesse sezioni le troviamo anche nel diametro da 27.5 pollici. Per i modelli da 29×2.6” e 27.5×2.4” e 2.6”, visto il campo di utilizzo prettamente Gravity, non è prevista la versione Lite.
Nel video non abbiamo menzionato questi ultimi modelli, perché sono disponibili da pochissimo e non avevamo ancora ricevuto aggiornamenti in merito.

Tornando sulle versioni da 2.4” sia tradizionale che Lite, sono pensate principalmente per un utilizzo trail e per questo le carcasse sono irrobustite sul fianco, ma strutturate diversamente: 60 TPI con rinforzo da 120 TPI per la 2.4” classica e 120 TPI con rinforzo da 120 TPI sulla 2.4” Lite.
La gamma Pirelli Scorpion Mtb, quindi, dopo una fase di assestamento, ora è molto più completa.

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

– Larghezza effettiva in mm: 10
Le Pirelli Mtb Scorpion S Lite da 2.2” usate nel test misurano circa 57 mm reali, su cerchi hookless in carbonio con canale interno di 24 mm. Rispetto alla sezione dichiarata di 55 mm, quindi, sono leggermente più larghe, ma non troppo abbondanti.
Visto il target di utilizzo (fondi morbidi e bagnati) questo è un giusto compromesso.

– Mescole disponibili: 10
La mescola è unica, anti-strappo e di tipo “SmartGrip” (ne avevamo parlato QUI). Questa mescola, realizzata da Pirelli in prima persona, è pensata per mantenere le prestazioni costanti nel tempo e per adattarsi a tutti i terreni.
La mescola SmartGrip è impiegata su tutta la superficie del battistrada, senza doppi, tripli o quadrupli strati. La stessa mescola è utilizzata sia sui modelli da duro come il Pirelli H (Hardpack), sia sugli altri modelli da misto e da morbido (Mixed, Soft e Rear), con dei “tuning” specifici sulla formula per personalizzarla al tipo di utilizzo. Sostanzialmente, però, la base è la stessa.
Nello specifico, le Pirelli Scorpion Mtb S Lite sono “soft” al punto giusto, offrono un ottimo grip su tutti i fondi, ma allo stesso tempo garantiscono anche una buona durata nel tempo.

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

– Peso: 8,5
Parliamo di circa 700 grammi per la Scorpion Mtb S tradizionale e di 666 grammi per la Scorpion S Lite, entrambe in versione da 29×2.2”.
I pesi dichiarati sono addirittura superiori (735 e 685 grammi).
Dei pesi non ultra leggeri, ma nemmeno troppo elevati, a mio avviso i giusti compromessi per viaggiare sicuri potendo contare su delle buone prestazioni in ogni situazione.
Ovviamente, il peso sale sulle versioni da 2.4” e 2.6”.

– Facilità di montaggio tubeless: 10
Il montaggio del modello Lite da 29×2.2” è stato facilissimo. Nessuna perdita d’aria o di lattice dal fianco, è bastato gonfiarle con il compressore senza smontare la valvola.
Così come le H Lite, anche queste sono abbastanza “dritte” quando si gira la ruota, un dettaglio non sempre scontato sulle gomme da Mtb…

– Prezzo: 9
Le gomme Pirelli Scorpion Mtb S e S Lite da 2.2” hanno un prezzo di listino di 49,90€.
Il prezzo sale per quelle da 2.4”, che costano 52,90€, mentre quelle da 29×2.6” e 27.5×2.4” e 2.6” costano 58,90€.
Diciamo quindi che, valutando la vasta scelta, la qualità dei prodotti e l’attenzione ai dettagli, i prezzi non sono eccessivi e paragonabili a quelli della concorrenza, se non inferiori…
Sul web, comunque, le gomme Pirelli si trovano anche a cifre più basse.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

2 – PRESTAZIONI
– Scorrevolezza su fondi compatti: 6
Parliamo di una gomma studiata per i fondi morbidi e fangosi in generale, ovviamente la scorrevolezza non è il suo forte e lo dimostra soprattutto su asfalto e sui terreni compatti, dove si avverte un certo attrito.
Tuttavia merita la sufficienza, perché esistono coperture di pari categoria ancora più specifiche e ancora meno scorrevoli.

– Scorrevolezza offroad: 7
I tasselli piuttosto sporgenti e distanziati tra loro, generano attriti anche sui fondi sterrati in cui serve scorrevolezza, ossia su quelli asciutti.
Sicuramente, in questo caso le sensazioni sono migliori rispetto a quelle su asfalto, ad esempio, perché il battistrada inizia ad entrare in simbiosi con il terreno.

– Trazione in salita: 9
Quando si parla di trazione, le Pirelli Scorpion Mtb S Lite iniziano a dire la loro.
Il battistrada molto pronunciato sa penetrare in ogni tipo di fondo e la mescola abbastanza morbida aiuta ancora di più in queste situazioni.
Di conseguenza, il grip è ottimo sia con l’asciutto che con il bagnato. Soltanto sui terreni viscidi e rocciosi (quindi con poco fango), i tasselli radi ed alti generano un po’ di precarietà perché non sono in grado di lavorare come si deve, ma questo accade anche con prodotti di altre aziende…
Anche per questo motivo, consiglio di utilizzare la Scorpion Mtb S o S Lite al posteriore solo in caso di fango veramente abbondante, in altre situazioni potrebbe risultare eccessivamente tassellata.

Pirelli Scorpion Mtb S Lite
L’abbinamento Pirelli Scorpion Mtb S Lite (anteriore) e M tradizionale (posteriore), potrebbe essere il giusto compromesso da utilizzare per tutta la stagione invernale.

– Trazione in frenata: 8
La trazione è ottima anche nelle fasi di arresto. Ma come ho già detto, questa gomma da il meglio di sé sui terreni morbidi. Sull’asciutto o sui fondi leggermente umidi, la frenata è migliore con gomme più versatili…

– Aderenza in curva: 9
La gomma anteriore è fatta per aggredire il terreno ed invida a “fidarsi”.
Sul bagnato, ma anche sui sentieri freschi, appena lavorati, i tasselli laterali così pronunciati permettono di fare delle pieghe al limite.
Per contro, sui fondi molto battuti la superficie di contatto minore necessità di più “irruenza” nelle entrate in curva.
In generale, se vi piace una copertura anteriore “rassicurante”, la Pirelli Scorpion Mtb S Lite potrebbe fare al caso vostro.

– Comportamento su terreni umidi-fangosi: 10
Il fango è il suo habitat naturale, c’è poco da dire.
I tasselli sono fatti per penetrare nel terreno e per scaricare il più possibile non appena la velocità aumenta.
Come ho accennato, sulle rocce viscide bisogna prestare più attenzione, ma la sezione non troppo contenuta aiuta ad affrontare questi tratti con più disinvoltura.

– Resistenza all’usura dei tasselli: 9
In generale, più i tasselli sono alti e morbidi, più si consumano presto, soprattutto se le gomme si utilizzano sui fondi di ogni tipo e non solo sul fango.
Io ho usato la Scorpion Mtb S Lite prevalentemente all’anteriore e dopo qualche uscita (in cui ho effettuato anche lavori specifici su asfalto, ad esempio) ha perso leggermente lo spigolo vivo, ma per il resto è rimasta intatta.
Posso dire, quindi, che i consumi sono molto buoni, per una gomma di questa categoria.

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

– Resistenza alle pizzicature e/o forature: 8
Questo disegno “aggressivo” invita a spingere a fondo in discesa e, soprattutto in inverno, i sentieri non sono quasi mai puliti… Nel mio caso, dopo un paio di uscite ho forato subito la S Lite che montavo sulla ruota posteriore, a causa di un impatto su una roccia (utilizzando pressioni non proprio basse, circa 1.6 bar per un peso di 64 chili).

Pirelli Scorpion Mtb S Lite

Da questo ho dedotto che al posteriore è meglio utilizzare una S, o comunque un altro modello, con fianco rinforzato, mentre all’anteriore può andar bene il modello Lite: si pagano 50-60 grammi sulla bilancia, ma si gira in sicurezza e ci si diverte di più…

Voto finale (da 1 a 10): 8,25

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,8

In conclusione…
Le gomme Pirelli Scorpion Mtb S Lite sono nate per il fango e per i fondi morbidi in generale, ma questa non era una novità…
A mio avviso danno il meglio se utilizzate sulla ruota anteriore, in inverno ma anche nelle mezze stagioni, se siete amanti dei tasselli pronunciati.
Al posteriore, invece, al 90 per cento dei casi possono risultare eccessivamente artigliate e poco scorrevoli. Se decidete di montarle, comunque, optate per la versione con fianco rinforzato.
Per concludere, se cercate delle gomme in grado di offrire tanto grip e sicurezza, anche a patto di perdere un po’ di scorrevolezza, queste Pirelli potrebbero fare al caso vostro.

Qui gli altri articoli che parlano di Pirelli.

Qui tutti gli altri articoli sulle gomme.

Per informazioni Velo.Pirelli.com



Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia