•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Salvo
via e-mail

Salve, volevo un consiglio: ho una Specialized Stumpjumper Ht Comp Carbon 26 del 2011 e faccio prevalentemente Xc. Volendo partecipare a delle gran fondo vorrei passare alle 27,5”, ma non so se il mio telaio è compatibile e, se lo fosse, trasformare una 26” in 27,5” porterebbe dei problemi?
Grazie.

Risposta di Simone Lanciotti
Generalmente questa trasformazione è possibile, ma occorre fare una serie di considerazioni, non tanto per verificarne la fattibilità, quanto per capirne la reale necessità.

La Specialized Stumpjumper Ht Comp Carbon 26 del 2011.
La Specialized Stumpjumper Ht Comp Carbon 26 modello 2011 del lettore.

Il maggiore diametro della ruota posteriore
Come abbiamo scritto in questo articolo, la differenza di diametro fra una ruota da 26 e una da 27,5 pollici non è di 1,5” e, nel caso di copertoni da 2,35” di sezione, abbiamo rilevato una differenza di 1,08” pari a 2,7432 cm.
Per tutte le considerazioni su vantaggi e svantaggi di una differenza così risicata di diametro ti rimandiamo al suddetto articolo.
Per la conversione di una hardtail 26” in 27,5”, invece, occorre considerare lo spazio per il passaggio ruota posteriore nei pressi del movimento centrale e sull’eventuale traversino di rinforzo sui foderi alti.
Considerato che con un copertone di 2,35” di larghezza (e quindi di dimensioni piuttosto generose) abbiamo misurato un incremento di diametro di 2,7432 cm rispetto alla ruota da 26”, nel caso di copertoni da Xc (e quindi con sezioni da 2,0-2,2”) la differenza di diametro fra ruote da 26 e da 27,5” dovrebbe essere inferiore a 2,7432 cm.
Per praticità, però, considereremo quest’ultimo valore, per avere una stima presumibilmente in eccesso.
Se il diametro della ruota aumenta di 2,7432 cm significa che il raggio aumenta di 1,3716 cm (ovvero 2,7432/2=1,3716) e quindi occorre verificare che fra la ruota posteriore e la scatola del movimento centrale ci sia uno spazio almeno pari a questo valore.
Stesso discorso per l’eventuale traversino di rinforzo sui foderi alti.
Da una foto della tua bici recuperata dagli archivi Specialized sembrerebbe esserci uno spazio sufficiente per una ruota da 27,5”. Il condizionale però è d’obbligo.
Per capire in maniera certa se c’è davvero spazio a sufficienza, l’unica soluzione possibile è prendere in prestito una ruota posteriore (con gomma) da 27,5 pollici e montarla sulla tua bici.

Se la ruota anteriore aumenta di diametro, anche la forcella, a parità di escursione, aumenta la sua altezza. Ne consegue che per evitare che il manubrio aumenti troppo la sua altezza da terra occorre accorciare il tubo di sterzo e rivedere la geometria dell'intero telaio.
Se la ruota anteriore aumenta di diametro, anche la forcella, a parità di escursione, aumenta la sua altezza. Ne consegue che per evitare che il manubrio aumenti troppo la sua altezza da terra occorre accorciare il tubo di sterzo e rivedere la geometria dell’intero telaio.

Il maggiore diametro della ruota anteriore
Passiamo adesso ad analizzare quali effetti una ruota di diametro maggiore comporta sull’avantreno di una Mtb.
E’ molto probabile che la Rock Shox Reba Rlt montata di serie sulla tua Specialized non abbia sufficiente spazio sotto l’archetto per il passaggio di una ruota di diametro maggiore.
Quindi, quasi certamente, dovrai cambiare forcella.
Ma una forcella compatibile 27,5” e con lo stesso valore di travel (90mm, valore peraltro insolito in aftermarket) molto probabilmente è anche più alta della tua Reba di serie e, seppur di pochi mm, ti trovi ad avere una geometria della bici un po’ differente.
Ovvero, se la ruota ha un diametro maggiore di 2,7432 cm significa che il mozzo anteriore (e lo stesso vale per il posteriore) si viene a trovare 1,3716 cm più alto da terra.
Cosa ne consegue?
1 – Il movimento centrale aumenta la sua distanza da terra di 1,3716 cm e ne deriva un cambiamento (ossia un peggioramento) del feeling con la guida: baricentro più alto, minore maneggevolezza.
2 – Se la forcella è più alta cambia anche l’angolo di sterzo: presumibilmente diminuisce da 70,5° a 70,3-70°, ma si hanno anche ripercussioni sull’altezza da terra del movimento centrale (aumenta), sull’inclinazione del tubo piantone (diminuisce) e sull’interesse (aumenta).

Se si volesse convertire una front da 26 a 27,5 pollici sarebbe il caso di assicurarsi di avere spazio sufficiente fra la ruota posteriore e la scatola del movimento centrale, come evidenziato dalla freccia gialla in alto.
Se si volesse convertire una front da 26 a 27,5 pollici sarebbe il caso di assicurarsi di avere spazio sufficiente fra la ruota posteriore e la scatola del movimento centrale, come evidenziato dalla freccia gialla in alto.

In conclusione…
La domanda che ci si pone, allora, è: alla luce dei cambiamenti (o squilibri) che si vanno a introdurre con una conversione del genere e considerando la reale differenza di diametro fra 26 e 27,5 pollici, vale davvero la pena togliere le ruote da 26”?
Un telaio hardtail per ruote da 27,5” ha una geometria ottimizzata per quel diametro di ruota.
Fra gli aspetti cruciali per una buona guidabilità di una bici una tale conversione ne va a toccare ben tre: angolo di sterzo, altezza del movimento centrale e interasse.
Chi progetta telai sa come bilanciarli in funzione dell’utilizzo della bici e la fase di definizione della geometria di un telaio non ha tempi brevi e non è mai da sottovalutare.
Il nostro consiglio, quindi, è di tenere la tua hardtail così com’è e di considerare semmai il passaggio a una bici da 27,5” o da 29”.
Se invece vuoi sperimentare qualcosa di nuovo e se i suddetti cambiamenti nella guida non ti preoccupano, allora procedi con la conversione.



Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti