•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Quando è comparsa la campagna pubblicitaria su alcune riviste straniere che parlava del lancio di una nuova Santa Cruz il primo aprile, inizialmente si è pensato ad un pesce di aprile.
Poi però le voci di corridoio hanno iniziato a prendere piede sempre di più e si è capito che Rob Roskopp, il fondatore del marchio californiano, sta facendo sul serio.
Quali caratteristiche avrà questa nuova bici?
Si possono fare delle ipotesi, considerando che il team Santa Cruz Syndicate ha deciso di schierarsi al via di alcune prove dell’Enduro World Series e quindi c’è tutto l’interesse a mettere nelle loro mani qualcosa di nuovo e più recente rispetto alla Nomad.

Ed ecco l’altra domanda: si chiamerà ancora Nomad? Forse no, sul web circolano indiscrezioni in merito a questo, ma non sono al momento confermate. Nè confermabili prima del 1 aprile. Quindi, occorre aspettare.

La domanda più interessante, invece, è sul diametro di ruota: a Santa Cruz manca in catalogo solo la 27,5″.
E, considerando l’attuale partnership con Enve (che produce una versione di cerchio di questa misura del quale, fra l’altro, vi parliamo proprio qui), è possibile ipotizzare che il diametro sia proprio da 650B.

Travel: se verrà usata dai rider del team ufficiale nelle gare dell’Ews ci si dovrebbe aspettare un valore di almeno 150mm. Se non addirittura superiore.

Materiali: Santa Cruz ha dimostrato da anni di saper lavorare il carbonio. E anche l’alluminio. La doppia opzione potrebbe essere molto probabile.

Sospensione posteriore: il Vpp è l’ipotesi più accreditata se fossero confermate le altre ipotesi precedenti, cioè telaio da enduro e da competizione.

A questo punto non resta che aspettare il primo aprile.

Per informazioni santacruzbicycles.com

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it