Marika Tovo: 4ª al mondiale anche grazie agli allenamenti in bike park

Daniele Concordia
|

Marika Tovo ha chiuso quarta, e prima italiana, al mondiale Xc U23 della Val di Sole.
Subito dopo l'arrivo ci abbiamo fatto quattro chiacchiere ed abbiamo scoperto dettagli interessanti, non solo sulla gara, ma anche sulla sua preparazione.
Sentite qui...

Marika Tovo



- Marika, un quarto posto mondiale ma ci hai hai provato fino all'ultimo. Quanto hai cercato la medaglia?
- Ci ho provato fino alla fine, ho dato davvero tutto, ma all'ultimo giro ho visto che la danese Bohe era più forte di me, di poco ma era più forte. Se l'è meritata.

- Dopo l'arrivo ti abbiamo visto dolorante: sei caduta?
- Non proprio, al primo giro ho preso male una pietra, sono scivolata ed ho sbattuto il ginocchio sulla forcella. Per fortuna sono rimasta in piedi.

- Ti abbiamo sentito mentre parlavi con il Ct Celestino e ci è sembrato di capire che ti stai concentrando in modo particolare sulla discesa in allenamento. E' così?
- Sì, sto facendo degli allenamenti specifici per la discesa, perché è da sempre il mio punto debole e posso migliorare tanto.

- Fai da sola o ti sta aiutando qualcuno in questo tipo di allenamenti?
- Mi sta aiutando Enrico Dal Fitto (ex downhiller, ndr), con lui giriamo in bike park, un po' a Paganella e un po' a Lavarone. E' un mio caro amico da anni e continuerò a lavorare con lui per colmare le mie lacune.

Marika Tovo

- E girando sui social abbiamo visto che stai utilizzando anche delle ginocchiere specifiche per l'Xc durante gli allenamenti. Visto che i percorsi sono sempre più tecnici, pensi che le protezioni saranno utilizzate anche in gara, prima o poi?
- Esatto, sto usando delle protezioni Dainese che sono perfette per il cross country, non a caso fanno parte di una linea specifica per la nostra specialità. Le utilizzerò soprattutto nelle prove percorso, perché i tracciati sono sempre più difficili, vicini all'enduro, quindi almeno in ricognizione è meglio salvare la pelle.

- Tornando alla gara mondiale, secondo te cosa ti è mancato per arrivare sul podio? Dove ti sei sentita più forte e meno forte?
- Semplicemente, le altre erano più forti, nel complesso e non in una sezione specifica. Ma sono soddisfatta, perché mentre le mie avversarie lavorano da inizio anno, io ho iniziato più tardi a causa dell'operazione per rimuovere la placca alla caviglia che mi ero rotta. Diciamo che, seriamente, mi sono preparata nell'ultimo mese e mezzo, quindi non posso chiedere di più.

I tifosi azzurri erano super caldi!

- E adesso?
- Si pensa all'anno prossimo, passerò elite ma non vedo l'ora.

- Resterai in KTM o hai altri programmi/contatti?

- Non ho altri programmi al momento, ma credo che resterò in KTM, perché è una grande famiglia, mi trovo bene e il primo anno elite serve tranquillità. Ovviamente, se arriveranno proposte interessanti valuterò.

Tra le donne U23 segnaliamo anche il 7° posto di Giada Specia, di seguito la classifica completa:

Classifica Donne U23 by Daniele Concordia on Scribd



Qui gli altri articoli sui mondiali Mtb.

Condividi con
Sull'autore
Daniele Concordia

Mi piacciono il cross country e le marathon, specialità per le quali ho un'esperienza decennale. Ho avuto un passato agonistico sin da giovanissimo, ho una laurea in scienze motorie e altri trascorsi professionali nell’ambito editoriale della bici.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
[sibwp_form id=1]
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right