•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

L’argomento diametro ruote crea un dibattito molto vivace che sta popolando la pagina facebook di MtbCult.it di numerosi interventi, alcuni diametralmente opposti fra loro. Molti hanno risposto direttamente alla domanda del post di facebook (26, 27,5 e 29 pollici: quale diametro sparirà? E perché?), altri invece hanno scritto le loro sensazioni in sella con i vari diametri di ruota.
Fra i tanti interventi abbiamo selezionato alcuni commenti ai quali secondo noi è opportuno e interessante dare una risposta.

La 29 pollici nel tecnico non mi piace
Giuseppe: io 29 prima impressione la prima volta che son salito negativa piaciuta per nulla sono troppo enormi e flettono leggermente che nel tecnico non ti permettono di stare ben in equilibrio
MtbCult: è vero, le ruote da 29 pollici flettono di più rispetto a quelle da 26 (il raggio della ruota è più lungo), ma questa flessione non è vista da tutti come un aspetto negativo. La ruota da 29″ tollera di più e alcune ruote poi sono meno precise di altre. Se vogliamo fare un paragone, è un po’ il feeling che si ha passando da una Mtb con forcella a doppia piastra tradizionale a una con forcella a doppia piastra con steli rovesciati. Sembra che la ruota anteriore vada per i fatti suoi e anziché seguire la traiettoria impostata ne faccia una sua, ma è soprattutto una questione di abitudine (e di qualità delle ruote o della forcella) e di preferenze.

Altro che diametro, servono gambe e manico
Fritz: Stiamo parlando del nulla cosmico… e di molto marketing. Sabato scorso a Selva il buon Paez si è divorato i singletracks più difficili con una 29″, per contro ho visto incapaci di ogni tipo volare nei fossi, agonizzare in salita o svenire in pianura, a prescindere dal diametro dei pneumatici. In bici serve manico e gamba, il resto sono solo chiacchiere da bar e ottimi pretesti per vuotare le tasche della gente
MtbCult: assolutamente vero che prima di tutto vengono gambe e manico: parliamo pur sempre di un mezzo da guidare in discesa e da pedalare in salita, ma se le capacità di guida e atletiche sono ben supportate dalla bici (e dal feeling che il biker ha con essa) è sicuramente meglio. Se è vero che non è la bici a far vincere il biker è anche vero che il biker senza la bici che lo fa sentire a proprio agio non vince.

La 27,5 è solo una strategia di marketing
Andrea: anche il mondo bici si sta adattando al mercato come il mondo auto, novità a raffica a costi sempre più elevati, ma attenzione i margini anche per chi vende sono calati e chi compra oggi cosa compra? se fino a ieri il futuro era 29 oggi è 27,5…tutto questo non giova per il mercato ne del nuovo ne dell’usato..io mi tengo la mia 26, quando vi chiarite le idee forse la cambio…bisogna pedalare e divertirsi il resto è solo mercato!
MtbCult: tutti i mercati puntano a vendere e ognuno ha le proprie strategie. E’ vero, come dice Andrea, che le strategie si somigliano ed è vero anche che oggi vendere bici è molto difficile. La crisi ha accentuato il problema dei margini di guadagno (sempre più risicati) dei rivenditori e per certi aspetti la 27,5 pollici è una strategia di marketing giustificata da contenuti tecnici ritenuti da alcuni marginali. Almeno a confronto con la 29 pollici. Le 29er hanno introdotto una grande novità, ovvero far conoscere agli utenti i benefici associati ad un diametro di ruota maggiore, e le 27,5 pollici vogliono diffondere questi vantaggi tecnici ad una schiera più ampia di utenti.
29 e 27,5 pollici presto smetteranno di pestarsi i piedi a vicenda come sta accadendo oggi (soprattutto nell’Xc) e ognuno dei due standard si collocherà sul mercato in base al travel della bici, all’utilizzo che si vuole fare di questa bici e allo stile di guida.
Quello che crediamo difficile è la convivenza di tre diametri di ruota ancora per lungo tempo.

Le 29er di oggi sono migliori di quelle di 4-5 anni fa
Clode: sono passato alle 29 nel 2008 e pensavo fosse la rivoluzione ma ho peggiorato il mio stile di guida e dove con il 26 passavo (vivo e guido principalmente sui tortuosi sentieri delle Dolomiti Agordine) con il 29 ero un impedito, così sono tornato al 26, ma ora aspetto con ansia il 27,5, forse la soluzione in campo enduro
MtbCult: una risposta breve a Clode e a tutti quelli che si sono “fermati” alle 29er di 4-5 anni fa: provatene una adesso, sono molto diverse e più raffinate. A prescindere dal prezzo.

Perché 3 diametri non possono convivere?
Vincenzo: Perché fare sparire una di queste? Quando c’è la possibilità di scegliere ad ognuno la propria!!!!!!
MtbCult: è una questione di costi di produzione: tre standard diventano impegnativi sia da produrre, sia da gestire in termini di magazzino e di vendite. Lo stato attuale di cose (ognuno può scegliere fra tre misure) potrebbe non durare ancora a lungo.

Fedele alla 26 pollici…
Sergio: avendo 2 bici da 26″ con “componenti intercambiabili”, rimango su questa dimensione… anzi, tengo d’occhio i mercatini per qualche occasione di chi passa a dimensioni maggiori… un appunto: quando si citano i vari marchi blasonati che propongono 27.5 o 29 perché dimenticate sempre MDE?
MtbCult: Mde ha creduto presto nella 27,5 pollici in ambito enduro. E noi lo spazio glielo abbiamo dato dal primo giorno

Se volete partecipare al dibattito scrivete qui oppure scrivete alla redazione e poneteci la vostra domanda.

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it