•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Roberto
via e-mail

Mi sto riavvicinando al mondo Mtb dopo un po’ di tempo e ho scoperto il vostro lavoro “eccezionale”. Grazie, specialmente per i bike test molto accurati. Vista la vostra competenza vorrei approfittarne e chiedervi un test comparativo tra queste 3 top di gamma in carbonio: Specialized Enduro 29, Scott Genius Lt e Santa Cruz Bronson C.
Personalmente mi sarebbe di aiuto nella scelta della mia prossima bici, ma credo anche che soddisferebbe la curiosità di molti.
Inoltre non riesco a comprendere alcune scelte per biciclette top di gamma come nel caso della Specialized S-Works Enduro 29: premetto che sono assolutamente innamorato di questa bici, leggo e rileggo tutte le caratteristiche della bici, ma quando arrivo alla forcella e leggo che la bici è dotata di forcella Rock Shox Pike 160 mm RCT3 ecc..ecc… poi arriviamo alla caratteristica Solo Air: Solo Air?
Ero seduto altrimenti sarei caduto: perché Solo Air e non Dual Position Air, come mi sarei aspettato per una bicicletta con ruote da 29” e corsa da 160 mm, che sicuramente in salita gioverebbe a qualsiasi biker?
Non credo che dipenda dal maggior prezzo della Dual Position Air, per una bici che di listino sfiora gli 8000€.
C’è qualcosa di tecnico che non conosco o non capisco al quale certamente voi potrete dare risposta. Un saluto e grazie per il vostro lavoro.

Risposta di Simone Lanciotti
Iniziamo dalla risposta più facile, quella sulla forcella Rock Shox Pike della S-Works Enduro 29. La scelta del Solo Air non dipende da un fatto di costi, ma, come Specialized dichiara, da un migliore rendimento di questa versione rispetto a quella a corsa variabile. E’ una scelta proprio della casa costruttrice.
Per quanto riguarda il confronto di queste tre biciclette, intanto le presentiamo a chi ancora non le conoscesse:

La Specialized S-Works Enduro 29: qui il test.
La Specialized S-Works Enduro 29: qui il test.
La Scott Genius Lt 700: qui il test.
La Scott Genius Lt 700: qui il test a Davos.
Santa Cruz Bronson C: qui il video del montaggio della bici.
Santa Cruz Bronson C: qui il video del montaggio della bici e qui il test completo.

La Scott Genius Lt è l’unica a non essere stata provata sui sentieri sui quali testiamo tutte le bici, ma l’esperienza che abbiamo fatto a Davos ci ha permesso comunque di maturare un’idea ben precisa su come vada questa bici.

La Scott Genius Lt è stata provata per due giorni interi sui sentieri alpini intorno a Davos, in Svizzera.
La Scott Genius Lt è stata provata per due giorni interi sui sentieri alpini intorno a Davos, in Svizzera.

Su questa, però, non possiamo esprimere un giudizio (o chiamalo voto se preferisci), ma possiamo però sbilanciarci nell’esprimere le nostre sensazioni in sella alla Genius Lt e alle altre due.
Fatta questa premessa doverosa, proviamo a definire i termini del confronto in 4 punti. Iniziamo dal primo.

1 – Le geometrie
L’analisi delle geometrie mette in evidenze le differenze fra le 3 bici. Facciamo parlare prima i numeri riferiti tutti alla taglia L. Per la Scott Genius Lt abbiamo riportato tra parentesi il valore corrispondente alla geometria con movimento centrale all’altezza maggiore.

Invertendo la bussolletta sul bilanciere della Genius Lt è possibile variare l'altezza da terra del movimento centrale e altre quote della geometria della bici.
Invertendo la bussolletta sul bilanciere della Genius Lt è possibile variare l’altezza da terra del movimento centrale e altre quote della geometria della bici.

Travel posteriore
Enduro 29: 155 mm
Genius Lt: 170 mm
Bronson C: 150 mm

Angolo di sterzo
Enduro 29: 67,5°
Genius Lt: 66,3° (o 66,8°)
Bronson C: 67° (con forcella da 150 mm)

Angolo piantone
Enduro 29: 75°
Genius Lt: 74 (o 74,5°)
Bronson C: 73°

Interasse
Enduro 29: 118,3 cm
Genius Lt: 120,3 cm (o 120,2 cm)
Bronson C: 116,4 cm

Lunghezza del carro
Enduro 29: 43,5 cm
Genius Lt: 44 cm
Bronson C: 44,3 cm

Lunghezza tubo orizzontale virtuale
Enduro 29: 61,7 cm
Genius Lt: 62,5 cm (o 62,3 cm)
Bronson C: 60,9 cm

La Santa Cruz Bronson C ha il tubo di sterzo più corto fra le 3 bici prese in considerazione: solo 11 cm nella taglia L.
La Santa Cruz Bronson C ha il tubo di sterzo più corto fra le 3 bici prese in considerazione: solo 11 cm nella taglia L.

Lunghezza tubo sterzo
Enduro 29: 12,0 cm
Genius Lt: 12,0 cm
Bronson C: 11,0 cm

Altezza movimento centrale
Enduro 29: 33,5 cm
Genius Lt: 34,6 cm
Bronson: 34,6 cm (o 35,1 cm)

La Enduro 29, quindi, ha un valore mediano di interasse, il carro più compatto delle tre (pur essendo una 29”), nonché il movimento centrale più vicino da terra.
La Bronson invece ha l’angolo piantone più sdraiato e il tubo di sterzo più corto e questo suona come un invito a montare una forcella da 160 invece di una da 150 mm. Delle tre è quella con l’interasse più compatto pur avendo il maggior valore di lunghezza del carro. La Bronson infatti si rifà con un tubo orizzontale virtuale molto compatto, anzi, il più compatto di questa terna di bici.
La Genius Lt dal canto suo è la Mtb a vantare il maggior valore di travel (170 mm), ma anche l’interasse di maggiore lunghezza.
Il tubo piantone della Genius Lt, però, è abbastanza “in piedi” (74° o 74,5°) e si colloca come valore a metà strada fra la Enduro 29 (75°) e la Bronson (73°). Vediamo come si traducono nella realtà questi numeri.

Se l'ammortizzatore Cane Creek della S-Works Enduro 29 avesse un maggiore freno in compressione il rendimento in salita di questa bici sarebbe migliore.
Se l’ammortizzatore Cane Creek della S-Works Enduro 29 avesse un maggiore freno in compressione il rendimento in salita di questa bici sarebbe migliore.

2 – Il rendimento in salita
La S-Works Enduro 29, se non fosse per la taratura tendenzialmente morbida dell’ammortizzatore Cane Creek, sarebbe un’arrampicatrice infaticabile. L’angolo piantone molto dritto, la compattezza dell’interasse unita a ruote da 29 pollici e una posizione piuttosto raccolta in sella rendono la salita (soprattutto offroad) un momento di piacere in sella alla Enduro 29.
Delle tre, pur essendo la più pesante (12,6 kg rilevati), è quella che permette l’assetto in sella più efficace e bilanciato.
La Bronson, grazie a un ammortizzatore dal tuning molto “cattivo”, ha un’efficienza di altissimo livello. Ci ha stupito la fermezza in salita del carro che rimane attivo e rapidissimo nell’assorbire gli impatti. Quando si imposta la posizione Climb dell’ammortizzatore Fox Float Ctd, il Vpp in termini di efficienza in salita e capacità di assorbimento dei colpi è un passo avanti agli altri due sistemi.

Il comando al manubrio TwinLoc gestisce simultaneamente forcella e ammortizzatore su tre livelli di compressione.
Il comando al manubrio TwinLoc gestisce simultaneamente forcella e ammortizzatore su tre livelli di compressione.

Scott, grazie al tuning del Fox Nude con Ctcd, riesce ad avere un’efficienza di livello anche superiore alla Bronson, ma non è in grado di filtrare altrettanto bene le asperità quando è selezionata la modalità Climb.

3 – Il rendimento in discesa
Sono tre mondi completamente differenti.
La S-Works Enduro 29 ha dei limiti altissimi e risulta penalizzata solo nei cambi di traiettoria per via del maggior peso delle ruote (per quanto di alto pregio). Per il resto è una vera bici da enduro che ha il pregio di una guidabilità in stile 26”, ma con un grip e una capacità di superamento degli ostacoli degni delle migliori 29 pollici.
Se in salita l’ammortizzatore Cane Creek Double Barrel Air Cs può penalizzare il rendimento, in discesa mostra una sensibilità e una fluidità sconosciute ai suoi rivali. Di sicuro un grosso vantaggio per il piacere di guida.
Le lodi che abbiamo espresso nel test di questa bici possono essere riassunte in questo concetto: è difficile raggiungere il limite tecnico della Enduro 29 perché molto spesso arriva prima quello del rider.
La Scott Genius Lt, invece, è la più confortevole e se vogliamo anche la più facile.
I 170 mm di travel sono davvero tanti, anche troppi in ambito enduro, ma servono a infondere sicurezza e permettono velocità molto elevate.
Il tuning dell’ammortizzatore, grazie a tanto travel, consente un feeling lineare e questo permette maggiore comfort e piacere di guida. Non è brusca nei cambi di traiettoria (ha l’interasse maggiore delle tre bici e un peso dichiarato di 12,4 kg), ma non è assolutamente lenta.

La rigidità torsionale del carro Vpp (grazie anche a cuscinetti a contatto angolare) è un discreto vantaggio in salita, ma soprattutto in discesa. La taratura dell'ammortizzatore in posizione Climb è molto frenata.
La rigidità torsionale del carro Vpp della Bronson C (grazie anche a cuscinetti a contatto angolare) è un discreto vantaggio in salita, ma lo diventa soprattutto in discesa. La taratura dell’ammortizzatore in posizione Climb è molto frenata.

La Santa Cruz Bronson C, invece, per quella che è stata la nostra esperienza di guida, è un animale da gara con una geometria che richiede una guida aggressiva e decisa. Delle tre è quella che si guida d’istinto perché tutta la geometria è studiata a tale scopo.
Il rendimento della sospensione Vpp è notevole, forse il migliore dei tre sistemi del confronto e grazie a un angolo piantone che sposta il baricentro all’indietro e a un tubo di sterzo corto (il più corto del lotto), la posizione del biker in sella è molto bassa.
Sulla Bronson si guida come dice lei e se avete manico vi accorgerete che ha dei limiti elevatissimi.

4 – L’agilità
Perché abbiamo inserito questa voce? Perché secondo noi è una caratteristica cruciale per una bici da all mountain-enduro. E’ facile andare veloci quando la strada è dritta, ma cosa succede se si deve cambiare traiettoria? Come si comporta la bici?
Quella che reagisce meglio e prima di tutte è la Bronson, ma questo giudizio è influenzato dal fatto che abbiamo provato la bici con ruote con cerchi in carbonio (Sram Roam 60) e un peso complessivo, pedali Shimano Xtr Trail inclusi, di 12,25 chili.
La leggerezza conta, è vero, ma in generale l’impostazione in sella e l’interasse corto (il più corto delle tre bici, 116,4 cm) la rendono una saetta nei cambi di traiettoria.
Subito dopo (e nemmeno tanto staccata) viene la Enduro 29, o meglio, la S-Works Enduro 29 che grazie alle ruote Roval Traverse Sl 29 Carbon (quindi con cerchio in carbonio) montate di serie e alla geometria (con interasse di 118,3 cm e movimento centrale bassissimo) assomiglia di più a una 26” che a una 29”. Il test di questa bici è stato per il sottoscritto un momento rivelatore che rimane tale anche a distanza di tempo e anche dopo aver provato altre bici.
In termini di agilità al terzo posto arriva la Scott Genius Lt che non possiamo definire una bici lenta in assoluto, ma piuttosto come la meno veloce rispetto alle tre citate.
L’interasse più lungo crea un piccolo gap rispetto alle altre bici che non squalifica di certo la Genius Lt in ambito agonistico.

Un carro compatto, un movimento centrale basso e ruote con cerchi in carbonio sono i motivi principali della grande reattività della Specialized S-Works Enduro 29.
Un carro compatto, un movimento centrale basso e ruote con cerchi in carbonio sono i motivi principali della grande reattività della Specialized S-Works Enduro 29.

In conclusione…
Le tre bici selezionate da Roberto sono tre punti di riferimento per il mercato e hanno prestazioni molto elevate.
La Genius Lt è la bici più facile e divertente e alla portata di una schiera di utenti molto ampia.
La Enduro 29 ha un limite tecnico-dinamico più elevato (e difficilmente raggiungibile), ma richiede ruote in carbonio per apprezzare gli incredibili benefici della geometria del telaio.
La Bronson Carbon è una macchina da gara, brusca, precisa e leggera, ma richiede un adattamento (o un miglioramento, secondo i punti di vista) del proprio stile di guida.
A voi la scelta adesso…

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti