•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Eurobike – Ks ha presentato delle interessanti novità per il 2015: Ks Lev Integra 272, Ks Lev 272 e un rivisitato Ks Lev Ci. Il marchio orientale ha presentato anche la famiglia Ether, composta da un attacco e un manubrio dedicati al mondo del trail riding e dell’enduro.

Lev Integra 272 e Lev 272
Il mercato delle hardtail, specialmente da 29”, è molto fiorente e sempre più case produttrici stanno equipaggiando i propri telai con passaggio cavi interno per il reggisella telescopico.
Le hardtail da 29” hanno sostituito in molti casi le vecchie full da 26” e spesso vengono utilizzate, oltre che per cross country, anche per un uso trail grazie alla loro leggerezza e capacità di superamento dell’ostacolo. Il Lev Integra 272, con 100 mm di travel, è la scelta ottimale per queste bici in quanto aumenta la comodità e il range di utilizzo del mezzo.

Il Ks Lev 272 Integra (a destra) con passaggio interno del cavo.
Il Ks Lev 272 Integra (a destra) con passaggio interno del cavo.

I biker abituati a girare con le rigide, specialmente in carbonio, sono molto sensibili agli spostamenti laterali della sella, anche di pochi mm: per questo Ks ha deciso di utilizzare un sistema idraulico, così da garantire il massimo delle performance e della rigidità.

Foto-28

In catalogo è presente anche un modello non Integra, per le bici sprovviste di passaggio cavi interno, mentre entrambi i modelli sono dotati di comando remoto al manubrio compatibile anche con lock-on Odi. I pesi sono di 532 gr per la versione con cavo esterno e 533 gr per la versione Integra.

Lev Ci e Lev Carbon
Il Lev Carbon era stato presentato l’anno scorso come reggisella dedicato ad un uso Xc, ma sempre più enduristi hanno trovato in questo reggisella ciò che cercavano: 65 mm sono quanto basta per togliere la sella d’intralcio nelle discese, e l’utilizzo della fibra di carbonio rendeva il seatpost molto leggero e appetibile per un uso racing.

La gamma Lev Ks Ci e Ks Carbon.
La gamma Lev Ks Ci e Ks Carbon.

Per il 2015 Ks ha presentato una versione aggiornata e ancora più leggera dedicata ad un pubblico Xc. Il travel resta di 65 mm, la testa e il corpo sono in carbonio e le viti in titanio, la guaina e il cavo (denominato Recourse Ultralight) sono ora più leggeri rispetto al passato.

Il cavo Recourse Ultralight al Teflon.
Il cavo Recourse Ultralight al Teflon.
Il comando remoto rinnovato.
Il comando remoto rinnovato.

Il sistema remoto Ks richiede poco sforzo per essere attivato e, quindi, l’utilizzo di un cavo in acciaio è risultato eccessivo. I tecnici Ks hanno sostituito il cavo in acciaio con uno al teflon e la guaina con una più leggera. il risultato finale è che cavo e guaina pesano 1/3 rispetto a quelli tradizionali. Un risultato che farà sicuramente piacere a chi è attento al responso della bilancia.
In caso di emergenza o di rottura del cavo è comunque possibile montare componenti standard.
Il comando remoto è stato rivisitato e ora è molto più piccolo e lavorato a macchina. Perde la compatibilità con i lock-on Odi, ma nel cross country vengono spesso utilizzate manopole leggere in spugna. Nel caso si voglia il comando compatibile con le manopole lock-on è possibile montarlo.

Foto-17

Anche per questo modello sono previste due versioni: Ci (436 gr per il seatpost e 16 gr per comando remoto) per passaggio cavi interno e Carbon (452 gr per il reggisella e 16 per il comando remoto) per i telai sprovvisti di tale opzione.

Attacco manubrio e manubrio Ether
Nella tradizione ciclistica, specialmente su strada, i biker sono abituati ad avere attacco, manubrio e seatpost della stessa marca per avere un kit completo. Ks ha quindi deciso di sopperire a questa mancanza presentando un nuovo attacco e un manubrio per completare la sua offerta.

Foto-29

Ks non si è limitata a costruire questi componenti, ma ha invece fatto una ricerca di mercato per vedere cosa il biker cerca in un cockpit confortevole. Ha scoperto che con l’aumentare dell’utilizzo dei reggisella telescopici, il biker assume una posizione variabile in sella, più Xc nelle salite e più Dh nelle discese.
Gli attacchi manubrio sono quindi dotati di un rise di 0° in modo da essere confortevoli sia in salita che in discesa e vengono in misure da 50 e 70 mm a seconda dell’utilizzo previsto (gravity o trail). Il processo costruttivo unisce il meglio della tecnologia oggi disponibile, gli attacchi vengono forgiati e poi lavorati a macchina per essere leggeri e rigidi.

Foto-4

Foto-9

I manubri seguono la stessa filosofia: uno da 720 mm e rise 0° per un uso trail (197 gr per la versione carbon e 252 gr per quella in alluminio) e uno da 780 mm con rise di 20° per un uso più gravity (207 gr carbon e 322gr alluminio).

Per informazioni kssuspension.com oppure 4guimp.it