•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mavic lo aveva annunciato qualche mese fa e proprio di recente vi avevamo mostrato i primi prototipi (chiamati all’epoca Crossmax Carbone) delle ruote con cerchi in carbonio. Oggi, finalmente, vengono svelate le nuove ruote Mavic Xa Pro Carbon, cioè le prime ruote del marchio francese con un cerchio in fibra di carbonio.

mavic xa
La nuova ruota Mavic Xa Pro Carbon. Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
La Mondraker Foxy Carbon Xr sulla quale sono state provate le Mavic Xa Pro Carbon. Foto Jeremie Reuiller

Questa nuova serie di ruote è pensata per un utilizzo trail riding e ha l’obiettivo di garantire un livello di solidità molto maggiore rispetto a ruote con cerchio in alluminio.
Contrariamente a quanto avevamo scritto nella prima stesura dell’articolo, le Xa Pro Carbon non sono per l’Xc, visto che Mavic sta lavorando proprio su una versione specifica, sempre con cerchio in carbonio, e altrettanto vale per l’enduro.
Quindi, ci saranno altre novità a breve, ma intanto possiamo dire che queste ruote segnano l’inizio di un nuovo corso per il marchio francese.
Le Mavic Xa Pro Carbon, però, non solo presentano un nuovo cerchio in fibra, ma hanno anche una costruzione più simmetrica della ruota.
Mavic infatti ha lavorato sull’inclinazione dei raggi (cioè sulla loro campanatura) al fine di arrivare a valori di tensione dei raggi più uniformi fra il lato sinistro e il lato destro della ruota (indicati con 50 e 80 nel disegno in basso).
Guardate l’immagine in basso:

mavic xa

Le nuove ruote Mavic fanno ricorso a un cerchio con le sedi delle nipples fortemente spostate da un lato, cioè con foratura asimmetrica.
E questo porta a dei vantaggi evidenti soprattutto sulla ruota posteriore, perché la differenza di tensione dei raggi sul lato ruota libera e dei raggi sul lato disco è minore rispetto ai modelli attuali di ruote Mavic.

mavic xa
Foto Jeremie Reuiller

Questo aspetto, unito all’incrocio in seconda dei raggi (su entrambe le ruote e su entrambi i lati del mozzo), inoltre, influisce anche sul comfort, cioè sulla capacità della ruota di assorbire sollecitazioni sul piano verticale.

mavic xa
Foto Jeremie Reuiller

Cerchio in fibra compatibile Ust
Per Mavic lo standard tubeless è una caratteristica irrinunciabile sulle proprie ruote e così accade anche per le nuove Xa Pro Carbon, sulle quali figura il canale centrale ribassato (per facilitare l’istallazione della gomma senza camera d’aria).
E per la prima volta Mavic è riuscita a creare un cerchio Ust senza uncini laterali (cioè di tipo hookless).
Questo aspetto è molto importante per la solidità di un cerchio in fibra di carbonio perché ne aumenta la resistenza agli impatti.
Senza dimenticare che l’Ust è riconosciuto come lo standard tubeless ufficiale dalle norme di sicurezza Iso e Etrto.
Per quanto riguarda le caratteristiche del cerchio, Mavic dichiara una larghezza interna di 26 mm, esterna di 32 mm e un profilo di 28 mm di altezza.
Di seguito le specifiche:

mavic xa

Da segnalare che i cerchi sono resi compatibili con gomme tubeless tramite un flap specifico di Mavic.
Il peso dei cerchi, sia in versione 27,5” che 29”, è molto contenuto.

Rigidità laterale
L’arrivo della fibra di carbonio rappresenta un cambiamento epocale in Mavic, soprattutto sul fronte della rigidità laterale che ora riesce ad arrivare, secondo le misurazioni del marchio francese, a livelli molto elevati.
Guardate il grafico in basso:

mavic xa

Da ciò si evince che le Mavic Xa Pro Carbon sono molto più rigide delle attuali Crossmax Xl e questo ne altera in modo significativo il comportamento sui sentieri.
Se i modelli attuali sono un compromesso ben bilanciato fra rigidità e capacità di flessione a seguito degli impatti, le nuove ruote portano in dote la tipica rigidità di un cerchio in carbonio.

mavic xa
Tito Tomasi in azione con le nuove ruote Mavic Xa Pro Carbon. Foto Jeremie Reuiller

Disponibili da 27,5” e 29”
Le nuove Mavic Xa Pro Carbon saranno disponibili a partire dal mese di settembre e saranno prodotte con diametro di 27,5” e 29” con 24 raggi a testa dritta in acciaio, sia davanti che dietro, incrociati in seconda, compatibili con le battute 15×100 e 15×110 davanti e 142×12 e 148×12 dietro e con le cassette Shimano e Sram 10 e 11v e Sram Xd (compreso il nuovo Sram Eagle).

mavic xa
Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
Foto Jeremie Reuiller

Mavic ha inoltre previsto di offrire in opzione la compatibilità con il sistema Torque Caps di RockShox e con le forcelle Lefty Supermax.
Il peso della coppia da 27,5” è di 1490 gr (senza gomme), mentre la coppia da 29” pesa 1535 gr (senza gomme) e hanno un costo di 1700€, comprensivi delle gomme Mavic Quest Pro.
Di seguito le specifiche complete delle ruote Mavic Xa Pro Carbon:

mavic xa

Mavic Xa Elite, cioè con cerchio in alluminio
A fianco delle prestigiose Xa Pro Carbon, Mavic ha deciso di mettere in produzione anche una variante con cerchio in lega d’alluminio Maxtal.
Il cerchio in questo caso ha delle lavorazione Ism4D che ne riducono il peso e la larghezza interna è di 25 mm anziché 26 come su quelle in carbonio.

mavic xa
Le Mavic Xa Elite sono disponibili con colorazione celeste, nera e verde. Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
Foto Jeremie Reuiller
mavic xa
Foto Jeremie Reuiller

Confermata la compatibilità Ust (con un nastro sigillante all’interno del cerchio), 24 raggi a testa dritta in acciaio, cerchio con profilo hookless, disponibili in versione 27,5” (dal peso di 1695 gr senza gomme) e 29” (dal peso di 1770 gr senza gomme) al prezzo di 600€ a partire dal primo luglio prossimo.
Di seguito tutte le specifiche delle Mavic Xa Elite:

mavic xa

Qui l’articolo con le prime impressioni d’uso delle nuove Mavic Xa Pro Carbon.

Per informazioni Mavic.it

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che oltre 15 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult è la mia ultima creazione ed è anche la più emozionante ed impegnativa. La bicicletta in generale è stata ed è per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti