•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Da quando Bart Brentjens ha vinto le olimpiadi di Mtb ad Atlanta nel 1996, i freni color giallo neon di Magura rappresentano uno “status symbol”.
Un colore quello di Magura riservato da sempre agli atleti ufficiali, disponibile ora anche per noi comuni mortali.
Magura MT8 e MT7 Raceline per sentirsi ancora più vicino al mondo delle competizioni.

Freni Magura



I Magura HS33 Raceline sono stati i primi freni a tingersi di giallo.
Oggi i Magura MT7 e MT8 Raceline sono la più moderna evoluzione di un freno da sempre capace di vincere.
Loïc Bruni, Danny Hart, Elisabeth Brandau, Yana Belomoina, sono solo alcuni degli atleti che giorno dopo giorno cercano di spingersi al limite con i Freni Magura Raceline.

Sarà possibile acquistare la nuova serie Raceline presso i rivenditori autorizzati o tramite sito Magura.
Un semplice click per ordinare i Magura MT7 o MT8 Raceline e farli arrivare presso il proprio rivenditore di fiducia senza costi aggiuntivi.

Magura MT8 Raceline:
Perfetti per il Cross-country o per i percorsi Marathon.
Grazie al materiale di cui è composto (Carbotecture SL) riesce ad essere leggero e resistente.
Leva del freno in carbonio, regolabile e perfetta per essere azionata con un solo dito.
Pinza a due pistoncini forgiata in un unico pezzo.
Prezzo: 599,80 € (esclusi dischi e adattatori).
Per ulteriori informazioni cliccate qui.

Magura MT7 Raceline:
Perfetti per le discipline più “estreme” come downhill e enduro.
Il materiale di cui sono composti (Carbotecture SL) li rende leggeri e resistenti.
L’azione radiale del pompante riduce gli attriti e rende questo freno sensibile e facile da modulare.
La pinza a 4 pistoncini del Magura MT7 è realizzata in alluminio forgiato.
Questo particolare metodo di costruzione rende la pinza rigida e prestazione.
Prezzo: 479,80 € (esclusi dischi e adattatori)
Per ulteriori informazioni cliccate qui.

Per maggiori informazioni sui prodotti Magura Cliccate qui.

 

Simone Lucchini

Pedalo in bici da quando ero giovanissimo. Bici da strada, Mtb, gravel e ora anche le e-Mtb. Per me le due ruote a pedali non hanno confini e mi esalta impegnarmi nella guida piuttosto che nella ricerca delle prestazioni atletiche. Per me la bici è una passione che è diventata da subito un lavoro, in officina e sulle pagine di MtbCult.it