• 5.4K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ore 7 pedale agganciato e via: si parte!
L’aria è frizzantina, ma profuma di conquista.
Il sole si alza pian piano, mentre buona parte del Mondo ancora riposa.
Sei tu, la tua bici e tutta la giornata davanti: è il momento di darsi da fare.

Uscire in bici al mattino presto

Uscire in bici al mattino presto è una grossa opportunità per chi ha poco tempo durante la giornata, alle 7, ma anche prima se siamo in estate.
Non a caso è la mia routine da maggio a settembre…
Chi esce in bici all’alba lo fa per necessità, oppure per piacere, ma anche per entrambe le situazioni.
E pensandoci bene, di vantaggi ce ne sono parecchi: parliamone!

La fatica è più “piacevole”
Al mattino presto ci si allena meglio. Non sempre, ma nella maggior parte dei casi è così.
Si parte riposati, freschi, magari un po’ assonnati alle prime pedalate, ma poi ci si sveglia e tutto passa.
Testa e corpo riposati permettono di affrontare percorsi di ogni tipo con più facilità, anche grazie alle temperature più gradevoli.
Si può approfittare anche per allenarsi a digiuno, massimo una o due volte alla settimana, oppure fare una colazione non troppo pesante e poi uscire.
In ogni caso, l’allenamento è più proficuo ci si sente più “tonici” e si recupera meglio.

Si rischia meno
Meno macchine su strada, meno mezzi agricoli sugli sterrati, quindi meno pericoli.
In generale, al mattino presto c’è meno confusione, più silenzio.
Ci si può concentrare sulla guida e sulla pedalata senza troppe distrazioni.
Assicuratevi, però, di aver dormito abbastanza e di essere sufficientemente svegli e reattivi, altrimenti il pericolo potreste essere voi stessi.
Senza contare, poi, che i vostri amici o familiari staranno ancora dormendo, quindi lo smartphone non squilla! O comunque squilla meno…

Uscire in bici al mattino presto

Fa meno caldo…
Il vero vantaggio, soprattutto nella stagione estiva è proprio questo.
Uscire il bici al mattino presto permette di non bruciare energie inutilmente, perché di suda meno e di conseguenza si buttano meno sali minerali, vitamine, ferro e tutti gli altri elementi indispensabili per l’organismo.
Per chi si allena costantemente durante la settimana, questo aspetto è fondamentale per il rendimento, per il recupero e per il semplice benessere quotidiano.

…E gli insetti
A meno che noi abitiate in montagna, sicuramente d’estate avrete a che fare con tafani e insetti simili.
Dalle 8:30/9 in poi, pedalare in certe zone è impossibile, perché vieni letteralmente assalito da uno sciame affamato di sangue che… Lasciamo stare! 🤦🏻‍♂️
Ecco, uscendo al mattino molto presto si evita in parte questo problema, perché fino ad una certa temperatura i tafani non escono allo scoperto.
Al massimo potrete incontrare qualche cinghiale, ma almeno quelli non pungono 😬
A parte gli scherzi, diciamo che c’è una finestra oraria che può salvarvi l’uscita (e la vita, se siete allergici).
Dopodiché, tornate a casa o cambiate percorso, vi conviene!

Più tempo per lavoro e famiglia
In questo caso la situazione è soggettiva: c’è chi può organizzarsi per uscire in bici al mattino presto, chi invece non può proprio farlo e deve optare per l’ora di pranzo o per la sera.
In ogni caso, chi riesce ad uscire all’alba potrà dedicare il resto della giornata al lavoro, ai propri cari e/o agli amici.
Questo è un fattore molto importante, che permette di “staccare” con la testa e non rubare troppo tempo alle cose più importanti della vita.
Perché la bici è e deve essere solo una parentesi…

Uscire in bici al mattino presto

Più “carichi” (e sereni) durante la giornata
Ormai conoscete bene il ruolo delle endorfine nel ciclismo, ma se non ne avete ancora sentito parlare vi consiglio di leggere questo articolo pubblicato su BiciDaStrada.it
Fare sport stimola la secrezione di queste sostanze chimiche prodotte dal cervello, che forniscono benessere, serenità e senso di “appagamento” non solo nell’immediato, ma anche per le ore successive.
Ecco perché, fare attività al mattino dà una sferzata di energia che dura tutto il giorno e che può aiutare nel lavoro, nello studio e in famiglia.

Potreste scoprire un mondo nuovo
I sentieri, le strade e i paesaggi che percorri sempre, al mattino presto hanno un altro aspetto.
Cambiano i colori, i profumi, i rumori.
Cambia la percezione che ognuno di noi ha di quei scorci in quel determinato momento.
Attraversando i centri abitati si osserva il mondo che si sveglia lentamente, i negozi che alzano le serrande e la vita che riparte per una nuova giornata.
Non so a voi, ma a me tutto questo piace da matti.

Ma c’è un però…
Uscire in bici al mattino presto, però, non è per tutti: a fare la differenza è il “ritmo circadiano”, ossia la predisposizione personale a recepire certi stimoli nel corso della giornata.
In parole povere, c’è chi al mattino presto si sente un leone pieno di energia e chi invece non riesce proprio a carburare. Molto probabilmente, quest’ultimo sarà più predisposto a fare fatica in tarda mattinata oppure la sera.
La situazione, quindi, è molto soggettiva, non esiste una regola fissa.
Bisogna fare un po’ di prove, per capire qual è la fascia oraria in cui ognuno di noi rende al meglio e poi incastrare il tutto con lavoro e altri impegni.

Per concludere, uscire in bici al mattino presto è qualcosa di magico, ma anche molto utile per chi studia o lavora.
A volte alzarsi dal letto è durissima, bisogna ammetterlo, ma quel piccolo sacrificio potrebbe aggiustarvi la giornata, quindi se non lo avete ancora fatto provate.
Non ve ne pentirete!

A proposito di mattino presto, siete mai usciti all’alba in montagna? Noi sì, guardate qui:

Alba in montagna, buongiorno mondo!

Qui tutti gli altri articoli sull’allenamento.

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia