•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

MONTEREY – La Specialized S-Works Epic Ht Wc, una delle hardtail da Xc più attese del 2017, è finalmente arrivata.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Il telaio è leggerissimo, 900 gr in taglia M con collarino reggisella, viteria, attacco del cambio e protezioni (sul batticatena e sotto al tubo obliquo): ve lo abbiamo mostrato in anteprima in questo articolo.

Specialized S-Works Epic Ht Wc
I bumper sotto il tubo obliquo evitano che la forcella urti sul telaio
Specialized S-Works Epic Ht Wc
Protezione del batticatena leggera e ben posizionata
Specialized S-Works Epic Ht Wc
Passaggio del cavo del cambio sotto al movimento centrale. La nuova Epic Ht utilizza un passaggio cavo del cambio con guaina spezzata

Adesso è arrivata anche la bici completa e abbiamo avuto modo di provarla alla Sea Otter Classic con una colorazione differente rispetto alla versione disponibile in Italia che vi mostriamo in basso.

Specialized S-Works Epic Ht Wc
La colorazione italiana della Specialized S-Works Epic Ht World Cup
Specialized S-Works Epic Ht Wc
Le due Specialized S-Works Epic Ht Wc che abbiamo avuto modo di provare. Una taglia M e una taglia L

Nel video le prime impressioni a caldo dopo esserci spremuti per qualche giro sul tracciato Xc della Sea Otter Classic:

La bici da noi provata, montata con Sram Eagle e freni Sram Level Ult, si fa apprezzare subito per la leggerezza.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

La bici completa ha un peso poco superiore agli 8 kg (senza pedali) e si sente: è facile acquistare velocità quando si fanno dei repentini cambi di ritmo. Il telaio è molto preciso nella guida e con un carro così compatto e rigido la Specialized S-Works Epic Ht Wc risulta essere agile e scattante.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Nei tratti più tecnici in salita o veloci con buche ravvicinate si sente che il carro è rigido, perdendo un po’ di comfort rispetto la precedente Stumpjumper Ht.

Specialized S-Works Epic Ht Wc
Il tubo orizzontale lungo permette una guida più aggressiva in discesa aiutata dalla reattività del telaio e un carro così corto.

Non a caso troviamo una gomma di sezione maggiore, da 2.1” al posteriore (c’è spazio anche per gomme da 2.2” o 2.3”), che, unita all’anteriore da 2.3”, riesce a trasmettere una confidenza nella guida in discesa poco comune alle bici da Xc.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

La geometria rinnovata con tubo orizzontale piuttosto lungo (595 mm in taglia M) e angolo di sterzo più aperto (69,8°) ribadiscono le ottime doti di questa Epic Ht nei tratti più guidati.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Da considerare a parte le nuove ruote Roval Control Sl. Il comportamento della bici cambierebbe enormemente senza di esse.
Le nuove Roval con canale interno da 25 mm hanno un cerchio in carbonio completamente nuovo, con un profilo più squadrato che unito allo standard Boost le conferiscono una rigidità, reattività e precisione di guida di assoluto livello. Quello che le manca è un po’ di flessibilità che avrebbe giovato al comfort in sella.

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

Specialized S-Works Epic Ht Wc

La prova effettuata alla Sea Otter Classic, per quanto breve, ci ha dato modo di confermare le ottime sensazioni ricavate in sella durante il test più prolungato avvenuto in occasione della Roc d’Azur (qui l’articolo a riguardo).
In quell’occasione avevamo provato la versione Pro e le caratteristiche che più spiccano nel confronto fra quest’ultima e la S-Works sono la leggerezza e la reattività del telaio e delle ruote.
Contiamo di approfondire quanto prima queste sensazioni con un test più dettagliato.

I report dalla Sea Otter Classic continuano…

Per informazioni Specialized.com

Redazione MtbCult

Ecco tutti gli articoli realizzati dallo staff di MtbCult. Resoconti, video, comunicati ufficiali e tutto ciò che può attirare la vostra attenzione. La redazione di MtbCult.it