•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Il Garmin Edge 130 Plus è un dispositivo GPS da bici realizzato e pensato in modo specifico per l’utilizzo fuoristrada, ma predisposto anche per l’utilizzo su strada.
Lo abbiamo presentato un po’ di tempo fa insieme all’Edge 1030 Plus (qui l’articolo), dopodiché lo abbiamo utilizzato per diversi mesi: ecco i pregi, i difetti e le nostre considerazioni finali.
Prima guardatevi questo video di Garmin:



1 – DETTAGLI TECNICI
– Peso: 10
Il Garmin Edge 130 Plus è leggerissimo: 33 grammi “nudo”, 39 grammi con cover in silicone e laccetto anti-caduta (fortemente consigliati nell’uso Mtb).
Sicuramente, uno tra i dispositivi GPS da bici più leggeri sul mercato.

Garmin Edge 130 Plus

– Dimensioni: 10
E’ super compatto, le misure precise sono 41 x 63 x 16 mm.
A primo impatto può sembrare troppo piccolo, soprattutto se siete abituati ai dispositivi di livello superiore come 530, 830 e 1030 Plus, ma vista la sua vocazione fuoristrada, le dimensioni rappresentano uno dei suoi punti di forza, infatti si può fissare in modo diretto anche sugli attacchi manubrio molto corti o sulla piega, senza che sia troppo esposto in caso di cadute o impatti con rami sul sentiero.

Garmin Edge 130 Plus

– Interazione smartphone e Web: 8
Come tutti i dispositivi della serie Edge, dialoga via Bluetooth con tutti gli smartphone, tramite le App Garmin Connect e Garmin IQ. Non è munito di connessione WiFi diretta, ma passando per le applicazioni appena citate si possono personalizzare aspetto e funzionalità del dispositivo, monitorare e scaricare allenamenti, gestire le Mappe e agire su tante altre funzionalità.
A sua volta, poi, Garmin Connect è in grado di dialogare con tante altre piattaforme tipo Training Peaks, Strava, Komoot, Zwift e così via…
C’è da dire, però, che la velocità di sincronizzazione su Garmin Connect da Smartphone, ad oggi la più lenta tra tutti i dispositivi Garmin provati finora, questo aspetto si potrebbe migliorare.
Sempre grazie al Bluetooth, è possibile ricevere notifiche di chiamate, Sms e messaggi Whatsapp.
Per effettuare aggiornamenti e monitorare tutte le impostazioni, infine, si può installare Garmin Express su Pc e Mac.

– Display e pulsanti: 8
Il display misura 1.8” ed ha una risoluzione di 303×230 pixel, quindi è abbastanza piccolo e semplice.
Non è touch screen, ma ha 5 pulsanti molto intuitivi: per il fuoristrada, questa soluzione potrebbe essere anche migliore, ma ne parliamo più avanti…

Garmin Edge 130 Plus

Garmin Edge 130 Plus

– Funzioni: 9
Il Garmin Edge 130 Plus è piccolo, ma ha praticamente tutto, o quasi tutto quello che serve per allenarsi e per programmare un’uscita in Mtb.
Il “vecchio” Edge 130 era già abbastanza completo, ma la versione Plus lo è ancora di più, infatti è stato implementato con funzioni tipo Training Plan, ClimbPro, compatibilità con rulli e smart trainer, dinamiche Mtb (Grit e Flow) e Incident Detection, che lo rendono appetibile a una schiera di utilizzatori più ampia ed evoluta. Per saperne di più su funzioni e differenze rispetto all’Edge 130 cliccate QUI.

Grit e Flow forniscono indicazioni sul percorso e sulla propria “fluidità di guida”. Questi i grafici ottenuti su Garmin Connect dopo un’uscita.

Qui un approfondimento sulle funzioni Grit e Flow, presenti anche su Edge 530 ed Edge 830:

Parlando di navigazione, non è un vero dispositivo cartografico, ma è possibile caricare e seguire una traccia senza problemi.

Garmin Edge 130 Plus

– Personalizzazione menu-display: 8
Il menù è molto simile a quello dei dispositivi di qualità superiore, inoltre il Garmin Edge 130 Plus include ben 8 modalità di sport: Strada, Pendolarismo, Mtb, Gravel, Ciclocross, Indoor, eBike ed eMountain.

In ogni modalità è possibile personalizzare la schermata includendo un massimo di 8 campi dati.
Rispetto ai modelli più pregiati, il numero dei dati visualizzabili “on board” è minore, ma alcuni di essi sono poi visibili scaricando i dati su Connect a fine uscita (come la potenza normalizzata).
Altri, come ad esempio bilanciamento pedalata, TSS e Intensity Factor, non sono disponibili.

Garmin Edge 130 Plus
I dati sulla potenza forniti da Garmin Connect a fine uscita

– Accessori: 10
Nel nostro caso abbiamo ricevuto in test la versione Mtb Bundle, che contiene anche alcuni accessori utili per l’utilizzo fuoristrada, come: cover in silicone, laccetto anti-caduta, supporto classico, staffa per Mtb, sensore di velocità (opzionale) e telecomando Edge.

Si può acquistare anche il solo dispositivo senza accessori, oppure il kit Bundle Frequenza Cardiaca che include la fascia cardio al posto di telecomando e staffa Mtb.
In questa occasione ho scoperto con piacere il telecomando Edge, molto utile in Mtb, soprattutto se si effettuano lavori specifici oppure per cambiare schermata senza togliere le mani dal manubrio.

Garmin Edge 130 Plus
Il telecomando Edge è molto utile in Mtb, ergonomico e leggero. Dialoga anch’esso via Bluetooth e si collega come gli altri sensori.

Oltre a quelli in dotazione, è possibile configurare anche tanti altri accessori, che potete visualizzare QUI.

– Caratteristiche tecniche (Gps e altimetro): 10
E’ munito di un altimetro barometrico, di un accelerometro per le funzioni Mtb, ma anche di antenne Gps, Glonass e Galileo.
L’impermeabilità è di tipo IPX7.
Difficile chiedere di più in questo caso…

– Prezzo: 8
Il kit Bundle Mtb utilizzato per il test costa 269,99€ di listino, il kit Bundle Frequenza Cardiaca costa 249,99€, mentre il solo dispositivo costa 199,99€.
Trattandosi di un Gps molto essenziale, sicuramente in commercio si trovano dei prodotti concorrenti a prezzi più bassi, ma bisogna ammettere che lo standard di connettività, personalizzazioni, funzioni e affidabilità dei prodotti Garmin è davvero molto alto, quindi queste cifre potrebbero essere giustificate.

– Garanzia: 6
Due anni, come previsto dalla legge.
Per altre informazioni sulla garanzia Garmin, cliccate QUI.

Voto finale (da 1 a 10): 8,7

Garmin Edge 130 Plus

2 – PRESTAZIONI
– Fixing satelliti:10
Nonostante sia un modello “base”, il Garmin Edge 130 Plus è molto veloce nel trovare i satelliti a inizio uscita e nel riagganciarli quando si mette in pausa e si ricomincia a pedalare.

– Precisione: 9,5
E’ capitato raramente di perdere il segnale, anche nei sentieri più sperduti e coperti. In ogni caso, dopo un paio di secondi il dispositivo è tornato a funzionare correttamente. Ma questo è ricapitato anche con i dispositivi top di gamma, sia Garmin che non.
La presenza di antenne Gps, Glonass e Galileo permette sicuramente di aumentare la precisione di ricezione, anche se è impossibile attivare tutti e tre i sistemi contemporaneamente, si può attivare il solo Gps, oppure Gps+Glonass oppure Gps+Galileo.

– Durata batteria: 8
La batteria è piccola, quindi sicuramente non tra le più potenti. Ma lo schermo in bianco e nero con un buon contrasto, che non obbliga ad utilizzare una retro illuminazione potente, permette di ottimizzare i consumi.
Garmin dichiara una durata massima di 12 ore, ma attivando i sensori di potenza e frequenza cardiaca, insieme a notifiche telefono, telecomando e Gps + Glonass, l’autonomia diminuisce.

Garmin Edge 130 Plus
Il vano di accesso per il cavetto, che serve sia per ricaricare il Garmin, sia per connetterlo al computer.

Non di molto, però, infatti nel mio caso sono riuscito a portare a termine tre uscite (una di 4 ore, le altre due un po’ più brevi), con una sola carica e con tutti i sensori attivati.
In ogni caso, consiglio di disattivare i sensori che non si utilizzano durante l’uscita, perché la ricerca continua fa scendere oltremodo il livello di carica.
E se siete “in riserva”, spegnete anche il Bluetooth…

Per dialogare con i vari sensori (potenza, cardio e telecomando) il Garmin Edge 130 Plus utilizza il protocollo Ant+, mentre per dialogare con lo smartphone utilizza il Bluetooth.

– Leggibilità display: 7
Se non avete particolari problemi di vista o se non avete bisogno di troppi dati sullo schermo, troverete un’ottima leggibilità dei vari dati.
In caso contrario, o se volete visualizzare tanti dati in un’unica schermata con estrema chiarezza, questo non è il prodotto che fa al caso vostro.
Ovviamente, le prestazioni in questo campo non sono paragonabili a quella dei dispositivi di fascia superiore, che hanno un display molto più grande e chiaro, ma gli spazi sullo schermo sono ottimizzati, la luminosità è regolabile e nel mio caso non ho mai avuto problemi di visualizzazione.

Garmin Edge 130 Plus
Esteticamente non è il massimo, ma le dimensioni ridotte permettono di montarlo anche sulla piega

– Ergonomia display-pulsanti: 9
I pulsanti sono quelli classici dei Garmin Edge senza touch screen, quindi se siete fan del marchio li conoscerete bene. Anche chi non li conosce, comunque, si adatterà in poco tempo perché il loro funzionamento è molto intuitivo.
Ho apprezzato la scelta di evitare il touch screen su questo modello, perché a mio avviso nel fuoristrada non è sempre l’ideale, soprattutto se c’è fango e si suda parecchio, ma anche se si indossano guanti spessi o non specifici per i dispositivi touch.
Durante il test ho usato la cover in silicone fornita da Garmin nel kit Bundle Mtb, ma in alcuni casi ho fatto fatica a spingere bene i tasti, bisogna fare più forza con le dita.
Anche per questo, ho trovato molto utile il comando remoto…

– Funzionamento: 9
Nonostante si tratti di un modello semplice, il Garmin Edge 130 Plus funziona molto bene.
L’accensione è veloce, la risposta all’azionamento dei tasti è immediata, durante il test non ha mai avuto incertezze sotto questo punto di vista.
E’ abbastanza completo ed intuitivo anche nelle funzioni, cosa che sinceramente non mi sarei aspettato da un dispositivo di fascia bassa.

Voto finale (da 1 a 10): 8,75

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,7

In conclusione…
Il Garmin Edge 130 Plus è il dispositivo perfetto per il biker che cerca un prodotto di buon livello, ma allo stesso tempo semplice da utilizzare e non troppo grande.
E’ molto buono per allenarsi, infatti oltre a poter visualizzare e monitorare (quasi) tutti i dati necessari, si possono sfruttare anche i nuovi piani di allenamento Garmin, studiati in modo specifico per le esigenze e il livello atletico dei riders.
Qui trovate altre informazioni in merito.

I piani di allenamento disponibili su Garmin Connect: si possono caricare sul dispositivo per eseguirli sia in bici, sia sui rulli interattivi.

Se proprio dovessi trovare il pelo nell’uovo, direi che avrei voluto visualizzare più dati sulla potenza, durante e dopo l’allenamento, ma in fin dei conti non si può pretendere troppo da un dispositivo “base” come questo…
Da apprezzare anche la compatibilità con i rulli interattivi, sempre più utilizzati negli ultimi anni.
L’Edge 130 Plus è ottimo anche da usare in gara, infatti anche Nino Schurter a volte lo preferisce al posto di 530 e 830 quando attacca il numero.

Garmin Edge 130 Plus

Per contro, se il vostro obiettivo è la navigazione ed i giri molto lunghi, esistono prodotti migliori e più specifici.
Il prezzo? Non è tra i più economici, è vero, ma quando si scoprono tutte le funzionalità, si capisce il reale motivo.

Qui gli altri articoli e test che parlano di Garmin.

Per altre informazioni e per acquistarlo on line visitate il sito Garmin.com

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia