•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Abbiamo avuto modo di testare a lungo il top delle gomme Michelin da enduro sviluppate con i più famosi piloti dell’Enduro World Series (fra tutti Jerome Clementz e Remy Absalon), ovvero la Michelin Wild Rock’R2 Advanced Reinforced (montata sull’anteriore) e la Wild Grip’R Advanced Reinforced (montata sul posteriore), entrambe con mescola Magi-X Series, ossia la mescola specifica per utilizzo enduro di casa Michelin, ed entrambe nella sezione di 2,35″.

gomme michelin da enduro
Le gomme Michelin da enduro sono state provate su una Giant Reign Advanced custom (qui il test).

Fra i tester delle gomme Michelin, però, non possiamo dimenticare Cam Zink…

Parliamo di gomme tubeless ready con la struttura Advanced Reinforced che permette alla gomma una resistenza maggiore alle pizzicature e una struttura laterale ancora più solida e robusta.
Il test che state per leggere si riferisce a gomme dotate di mescola Magi-X, cioè quella più morbida, da utilizzare soprattutto all’anteriore, mentre la mescola Gum-X è dedicata alla ruota posteriore, permettendo migliore scorrevolezza e una più lunga durata.

Gomme Michelin da enduro
La Michelin Wild Rock’R2 montata all’anteriore (a sinistra) e la Michelin Wild Grip’R montata al posteriore (a destra).

A noi però è stata data la possibilità di saggiare l’abbinata Wild Grip’R e Wild Rock’R2 con la tassellatura più soffice e il voto finale di questo test si riferisce appunto all’abbinata Wild Grip’R-Wild Rock’R2.

Gomme Michelin da enduro

1 – DETTAGLI TECNICI

– Struttura del copertone: sia all’anteriore che al posteriore abbiamo gomme prettamente sviluppate per sentieri davvero in stile gravity (la Dh diventa molto vicina), molto rocciosi e a bassa aderenza.
La mescola è morbidissima, la carcassa è da 30 tpi e il peso è di 1050 gr per la Michelin Rock’r 2 e di 1070 gr per la Grip’r (entrambe in versione da 27,5×2,35”).
Sono dati che fanno capire che si tratta di una gomma da enduro estremo, molto vicino al downhill, ma nonostante ciò la struttura è di tipo pieghevole e compatibile tubeless.

Gomme Michelin da enduro
La Michelin Wild Rock’R2

– Diametri e sezioni disponibili: le tecnologie suddette sono disponibili solo con sezione di 2,35” e ben 3 diametri: 26, 27,5 e 29”.
– Larghezza effettiva in mm: la misura ETRTO dice 58-584, ovvero 58 mm di larghezza. E’ una misura di larghezza effettiva superiore rispetto a quella di altri marchi che dichiarano sezioni appena inferiori.

Gomme Michelin da enduro
La mescola Magi-X è su entrambe le gomme

– Mescole disponibili: ci sono diverse opzioni tra cui quella senza lo strato di extra rinforzo (quindi senza la scritta Reinforced) e senza le Advanced Technology.
Fra le opzioni segnaliamo anche la mescola Gum-X.

– Peso: 1050 gr per la Rock’r 2 e 1070 gr per la Grip’r.
Sono dei pesi non proprio contenuti, ma in linea, ad esempio, con quelli di una Schwalbe Hans Dampf SuperGravity da 2,35”, anch’essa con struttura rinforzata, tubeless ready e mescola morbida. Fa eccezione la Maxxis Minion Dhf 3C Maxx Terra da 2,3” con un peso di 870 gr.

Gomme Michelin da enduro
Un dettaglio del battistrada delle Michelin Wild Grip’R
Gomme Michelin da enduro
Un dettaglio dei fianchi della Michelin Wild Rock’R2

– Facilità di montaggio tubeless: ottima. La gomma rinforzata e molto morbida fa agganciare il tallone al cerchio con facilità anche senza l’utilizzo del compressore. Per il test il sottoscritto ha utilizzato solo la pompa da officina.
– Prezzo: Michelin non ci ha comunicato il prezzo ufficiale, ma sul web è possibile trovare la Michelin Wild Rock’r2 Advanced Reinforced Magi-X da 2,35” a 44,90€ mentre la Michelin Wildgrip’R Advanced Reinforced Magi-X da 2,35” a 48,90€, ovvero dei prezzi allineati a quelli della concorrenza.

Voto finale (da 1 a 10): 9,0

Gomme Michelin da enduro

2 – PRESTAZIONI
– Scorrevolezza su fondi compatti: le due gomme hanno un battistrada direzionale, ma i loro obiettivi sono garantire trazione (praticamente sempre), aderenza in curva e resistenza. La scorrevolezza non è sicuramente il loro forte e questo le connota maggiormente come gomme gravity. Per l’enduro sarebbe preferibile un po’ di leggerezza in più.

Gomme Michelin da enduro

– Scorrevolezza offroad: in questo frangente la situazione migliora, ma il peso non aiuta ad avere il miglior spunto tra un ostacolo e l’altro.

– Trazione in salita: notevole, grazie a una tassellatura da “gomma da motocross”. La trazione non manca mai e se avete la gamba di sicuro riuscite a salire in qualunque condizione.
– Trazione in frenata: stesso discorso di sopra: la frenata riceve benefici non indifferenti usando queste gomme. Gli spazi di arresto si accorciano.
– Aderenza in curva: l’altezza dei tasselli è notevole per entrambe le coperture e quando la pendenza diventa negativa preparatevi a sensazioni mai provate.
L’aderenza in curva è sorprendente, ma bisogna andare in palestra un paio di mesi per resistere alle forze che si generano quando si curva e si spinge sugli appoggi.
Il grip offerto è praticamente fuori scala e non solo per un copertone da enduro, ma in generale per un copertone da Mtb!

Gomme Michelin da enduro
Il battistrada delle Michelin Wild Rock’R2

– Comportamento su terreni umidi-fangosi: la spaziatura fra i tasselli è abbastanza ampia e permette di liberare il tassello rendendolo nuovamente pronto a mordere il terreno. Sui terreni umidi se la cavano bene e non vanno in crisi, ma sul fango estremo hanno una sezione troppo larga e si ha la sensazione di perdita di controllo.
La cosa che mi ha stupito, però, è che il loro comportamento su rocce bagnate e asciutte praticamente non cambia.
– Resistenza all’usura dei tasselli: la mescola è morbida e risente dell’uso che se ne fa in discesa. Nel complesso l’usura non è più rapida rispetto a quella di altre gomme super specialistiche a mescola morbida.

Gomme Michelin da enduro

– Resistenza alle pizzicature e/o forature: le gomme sono state provate in modalità tubeless con liquido sigillante e non ho mai forato o riscontrato perdite di pressione durante un’uscita (stallonatura in curva) o fra la fine di un’uscita e l’inizio di un’altra. La struttura è degna di nota.

Voto finale (da 1 a 10): 7,5

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 8,25

gomme michelin da enduro
La Michelin Wild Grip’R Advanced Reinforced

In conclusione…
La cosa da tenere bene a mente prima di acquistarle è questa: sono gomme per un uso intensivo e che danno il loro meglio sui terreni più sconnessi, ripidi, rocciosi e scivolosi (ma non troppo fangosi).
Il grip è davvero impressionante.
Lo scotto da pagare, però, riguarda il peso e la scorrevolezza che in una disciplina come l’enduro (almeno quello italiano, dove in salita si pedala) sono dettagli significativi.
Dopo averle testate a lungo ho maturato l’idea che siano gomme anche sovradimensionate per un uso “enduro all’italiana” e che vengono apprezzate maggiormente se si cercano gomme da bike park per la vostra bici da enduro, per tracciati estremamente impegnativi e molto ripidi oppure, ultimo ma non ultimo, per quelle gare di enduro dove la risalita è meccanizzata.

Per informazioni Bicicletta.Michelin.it

Stefano Chiri

Ciao, mi chiamo Stefano Chiri e quello che più mi piace è stare in sella ad una due ruote, ancora di più se è una bici. Mi piace la guida, arrivare al mio limite e trovarlo in tutto quello che ho modo di provare. La bicicletta è diventata la mia vita, l'ho vista e continuo a vederla da ogni punto di vista, da meccanico, tester, maestro e "atleta", cercando di trovare sempre nuovi spunti per andare avanti, migliorarmi e per coinvolgervi nell'universo della Mtb e della bici a 360°. Stefano Chiri