scritto da Simone Lanciotti in Componenti,Test il 10 Feb 2015

TEST – Roval Control Sl 29 Carbon: un’arma per Xc e marathon

TEST – Roval Control Sl 29 Carbon: un’arma per Xc e marathon
        
Stampa Pagina

Una parte della sua entusiasmante reattività la Specialized S-Works Epic Wc la deve anche alle sue ruote e, in particolare, alla struttura dei cerchi in carbonio.
Una larghezza interna di 22 mm e un profilo alto 24 mm e ben arrotondato li rendono un’arma vera e propria nelle mani di chi, sulla Epic, sa fare i numeri.

_DSC2590

Durante il test di questa Specialized ci avevano favorevolmente impressionato al punto che abbiamo voluto realizzarne un test separato, dato che sono disponibili in aftermarket.
Il marchio che leggete sui cerchi e sui mozzi, però, non è Specialized, ma Roval, ovvero un’emanazione del brand di Morgan Hill focalizzata solo sulle ruote, sia road che Mtb.

La realizzazione di una ruota completa, cioè un’integrazione ottimale di mozzo, raggi, nipples e cerchio, è qualcosa che attira tanti marchi, ma è anche un settore nel quale pochi sono davvero capaci di spiccare.
Specialized da diversi anni lo ha posto come obiettivo (uno dei tanti) e le ruote Roval migliorano stagione dopo stagione fino ad arrivare a un set di ruote che permette di esaltare la guida di una bici.
Obiettivo centrato, quindi?
Di sicuro una buona parte del gap è stata colmata in modo significativo rispetto ai brand che da sempre producono ruote.

_DSC2636 (1)

E’ vero, ad eccezione del cerchio, Specialized, pardon, Roval si appoggia a Dt Swiss per avere la certezza di una meccanica affidabile e precisa.
Quello che conta è il risultato, no?

L’effetto sulla guida
Lo abbiamo spesso detto e vale la pena ribadirlo: tanto più è elevata la rigidità torsionale del cerchio e tanto più se ne avvantaggia la guida in sella a una 29er.
L’effetto che queste ruote fanno sulla guida della Epic è davvero notevole.
Durante il test abbiamo notato l’estrema reattività nella guida e ci siamo concentrati nel comprendere quanto dipendesse da un angolo di sterzo così accentuato e quanto dalla rigidità delle ruote.

_DSC0404

Il telaio della Epic ci mette del suo, senza dubbio, e allora per capire meglio abbiamo provato a montare le Roval Control Sl 29 su una bici ancora più esigente, ossia una Specialized Stumpjumper Fsr.
Non abbiamo volutamente esagerato perché queste ruote nascono per l’Xc e non per l’all mountain, ma il beneficio sulla guida si è avvertito anche in quel caso.
Un piccolo esperimento che ci ha convinto sulla qualità di queste ruote.

22 mm di larghezza: servono?
Sì, e ce ne accorgiamo ogni volta che capita di testare ruote con cerchi di ultimissima generazione.
Ce ne siamo accorti durante il test delle Crossmax Xl, durante il test della Trek Slash 9.8 e siamo certi che continueremo a notarne i benefici anche nei test che verranno.

_DSC2618

Un cerchio più largo migliora la qualità della guida senza, di fatto, introdurre problematiche.
Alla luce delle impressioni ricavate fino ad oggi, i cerchi più larghi si candidano a diventare una delle innovazioni maggiori del 2015 e destinate a diventare uno nuovo standard, effettivamente utile.
Ne riparleremo…

Come sono fatte?
La costruzione prevede 24 raggi sulla ruota anteriore e 28 sulla posteriore, tutti Dt Swiss Revolution, a sezione tonda e a testa dritta.
L’incrocio è radiale davanti sul lato opposto a quello del disco e in 3ª dietro.
In questo modo davanti si ha maggiore leggerezza e reattività, mentre dietro si riesce ad avere qualcosa in più in termini di comfort.

_DSC2613

Le nipples, anch’esse Dt Swiss, hanno il sistema Pro Lock che ne limita lo svitamento durante l’uso. In questo modo le ruote mantengono la corretta tensione dei raggi per più tempo.

Il mozzo anteriore con 24 raggi, tutti a testa dritta.

Il mozzo anteriore con 24 raggi, tutti a testa dritta.

Di Dt Swiss sono anche i mozzi che sfruttano la meccanica dei rinomati 240 con battuta 142 dietro e 100 davanti, entrambe con asse passante.

Un dettaglio cruciale sul cerchio: Zero Bead
Il cerchio in fibra di carbonio adotta un profilo senza uncini: in questo modo la struttura del cerchio stesso diventa più resistente proprio nel punto in cui è più facilmente soggetta a rotture.
Questa soluzione, ripresa dal mondo auto e moto, è stata introdotta da Specialized diverse stagioni fa e ripresa di recente da molti marchi di cerchi in carbonio.

Il profilo Zero Bead della gola del cerchio. Non ci sono i tradizionali uncini per agganciare il copertone.

Il profilo Zero Bead della gola del cerchio. Non ci sono i tradizionali uncini per agganciare il copertone.

Il cerchio Zero Bead (così lo chiama Specialized) non comporta problemi per la tenuta dell’aria in caso di copertoni tubeless, né problemi di stallonamento in curva.
Abbiamo avuto modo di provare lo Zero Bead sia in occasione del test della S-Works Enduro 29 che della S-Works Stumpjumper Fsr.

Quanto pesano le Roval Control Sl 29?
Il peso è molto basso: 1370 gr la coppia. E parliamo di ruote da 29 pollici.
Se le si usa in campo Xc o Marathon sono davvero un aiuto prezioso perché consentono di risparmiare energia nei rilanci e nei cambi di direzione. E tanto più lunga diventa la competizione tanto più si avvertono questi benefici.

La versione venduta in aftermarket ha delle decal leggermente diverse rispetto al modello montato di serie sulle S-Works Epic WC.

La versione venduta in aftermarket ha delle decal leggermente diverse rispetto al modello montato di serie sulle S-Works Epic WC.

Cosa non ci ha convinto?
Verrebbe da dire il prezzo perché 1710€ per la coppia non sono pochi, ma i diretti competitor delle Roval Control Sl Carbon sono anche più esosi.
Quindi, il prezzo è alto, ma se parliamo di ruote con cerchi in carbonio (di reale efficacia) non è poi così alto.

Sul cerchio viene riportato il valore massimo di pressione per il copertone.

Sul cerchio viene riportato il valore massimo di pressione per il copertone.

In conclusione…
Il carbonio ha resistito bene all’uso e nel test non ha evidenziato ammaccature o graffi preoccupanti, anche perché nell’Xc o nelle marathon di rado capita di affrontare pietraie con rocce smosse e, seppure fosse, le velocità sarebbero contenute.
Quindi, per questi utilizzi sono un componenti di grande utilità.
Le finiture sono ben realizzate e si allineano allo standard al quale Specialized ci ha abituato per i suoi prodotti di punta, ma il carbonio del cerchio inevitabilmente è più soggetto ai graffi di un cerchio in alluminio, soprattutto in virtù della finitura leggermente opaca della superficie.
Qualche graffio, quindi, mettetelo in conto.
La versione venduta in aftermarket, però, ha le decal sul cerchio di colore grigio anziché bianco.

Per informazioni Specialized.com

voto:  9,8 / 10

PRO:

Qualità costruttiva, leggerezza, prezzo contenuto (rispetto alla concorrenza), meccanica Dt Swiss, qualità dei fregi sul cerchio, cerchio da 22 mm di larghezza.

CONTRO:

La finitura opaca del cerchio potrebbe resistere meglio ai graffi

Scheda Tecnica

  • Materiali:
    cerchio in fibra di carbonio, mozzo in lega ricavata dal pieno, raggi in acciaio.
  • Raggi:
    Dt Swiss Revolution 24 anteriore e 28 posteriore con incrocio radiale e in 3ª anteriore e in 3ª posteriore.
  • Mozzi:
    anteriore ricavato dal pieno in lega leggera fornito con battute da 28 mm per QR; posteriore con meccanica Dt Swiss 240 con battuta da 142+. Ruota libera compatibile con sistema Sram Xd (corpetto opzionale).
  • Peso:
    1370 gr la coppia
  • Peso massimo del biker:
    108 Kg
  • Prezzo:
    1710€
        
Torna in alto