scritto da Daniele Concordia in Biciclette,Test,Video il 19 Giu 2019

VIDEO TEST – BMC Fourstroke 01 Two: una “mini enduro”

VIDEO TEST – BMC Fourstroke 01 Two: una “mini enduro”
        
Stampa Pagina

La BMC Fourstroke 01 Two è il modello di media gamma della nuova full da Xc e Marathon del marchio elvetico, ma guardando l’allestimento e i dettagli tecnici ci si accorge che il termine “media gamma” le sta parecchio stretto.
Parliamo di un mezzo pronto per correre, non ultraleggero, ma performante in ogni situazione.

BMC Fourstroke 01 Two




Non ci soffermiamo troppo sui dettagli tecnici, che abbiamo già menzionato in occasione del lancio ufficiale, ma anche in un approfondimento fatto al Bike Connection Winter di Massa Marittima dal nostro direttore, Simone Lanciotti.
Ma avevamo parlato anche del peso e delle sensazioni iniziali durante la prima uscita con la BMC Fourstroke 01 Two (guardate qui).

BMC Fourstroke 01 Two

A questo punto, quindi, non resta che raccontarvi come si è comportata questa fuoriserie da Xc dopo diverse settimane di utilizzo.
Iniziamo con un video:

1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria: 10
C’è poco da dire: la geometria della BMC Fourstroke 01 è tra le più moderne e performanti del segmento Xc/marathon. Il brand svizzero ha osato parecchio con gli angoli e con alcune soluzioni tecniche ispirate al mondo Gravity.

BMC Fourstroke 01 Two

Sterzo da 67,5 gradi, piantone da 75,6 gradi, carro da 42,9 cm, reach di 44,5 cm in taglia M, stem di serie molto corto (60 mm in taglia M), front center abbondante (72,6 cm in taglia M), rake della forcella da 44 mm

attacco manubrio

Stem molto corto per tutte le taglie, sulla M misura 60 mm. Da notare il fatto che si tratta di un componente di casa Bmc, compatto e con un design particolare.

Insomma, questi pochi dettagli fanno già capire che questa full ha un bel “caratterino” sia in salita che in discesa.

BMC Fourstroke 01 Two

– Assetto in sella: 10
Le geometrie ad hoc trasmettono subito le giuste sensazioni appena si sale in sella.
Il piantone molto verticale permette di avere una posizione efficace in pedalata senza avanzare troppo la sella, allo stesso tempo l’assetto è compensato dal reach e dal top tube piuttosto distesi, quindi nel complesso ci si sente raccolti ma non troppo sacrificati.

BMC Fourstroke 01 Two

Lo sterzo molto aperto si avverte sin da subito, infatti la ruota anteriore è incollata a terra e a primo impatto sembra di guidare una bici da enduro.
Lo sterzo compatto permette di ottenere il giusto dislivello sella-manubrio anche sulle taglie medie e piccole senza utilizzare per forza un attacco manubrio molto negativo.

BMC Fourstroke 01 Two

– Cura costruttiva: 10
BMC ci ha abituati da sempre ad una grossa cura dei particolari, ma con la Fourstroke 01 Two si è davvero superata.
Il dettaglio più interessante è senz’altro il reggisella telescopico RAD (Race Application Dropper) integrato nel telaio e quasi invisibile, con sezione ovale dello stelo (per una maggiori rigidità e un minor peso), escursione da 80 mm specifica per l’Xc e peso di 345 grammi (senza comando remoto).

BMC Fourstroke 01 Two

BMC Fourstroke 01 Two

Sulla parte sinistra del manubrio troviamo due comandi remoti: in basso quello del reggisella telescopico (che non ha posizioni intermedie, ma funziona solo da tutto esteso o da tutto abbassato) e in alto quello delle sospensioni.

BMC Fourstroke 01 Two

Come si fa a regolare l’altezza sella? Tramite questa brugola posizionata sul piantone: basta allentarla, impostare l’altezza desiderata e stringerla di nuovo. Semplice.

La BMC Fourstroke 01 Two, nonostante abbia un carro molto compatto, è stata progettata per utilizzare gomme di sezione generosa, fino ai 58 mm di larghezza.
Lo schema sospensivo è l’APS di BMC, rivisto per le esigenze agonistiche insieme all’intero telaio, con un occhio al peso, ma dando maggiore importanza alle prestazioni e all’affidabilità.

BMC Fourstroke 01 Two

Lo schema sospensivo APS di BMC prevede due triangoli in carboni collegati da una bielletta inferiore molto compatta e da un link superiore (anch’essa in carbonio) che si fissa all’estremità superiore dell’ammortizzatore.

BMC Fourstroke 01 Two

BMC Fourstroke 01 Two

Il telaio Foustroke 01, infatti, non è ultraleggero: pesa circa 2575 grammi con ammortizzatore e reggisella telescopico inclusi. Quest’ultimo, infatti, è parte integrante del pacchetto e non è possibile utilizzare questa Mtb con un reggisella tradizionale.
Ecco, forse questo è l’unico “neo” che i bikers più tradizionalisti potrebbero non apprezzare.
Senza reggisella telescopico, il telaio peserebbe circa 2150 grammi.

BMC Fourstroke 01 Two

In questa foto si nota lo spazio tra gomma posteriore e carro, ma anche il piccolo parafango in plastica che evita ai detriti di sporcare il link inferiore della sospensione.

Molto interessanti anche le protezioni del telaio, il parafango che protegge il link inferiore del carro, il guidacatena di serie, il sistema “fork stopper” e il passaggio cavi completamente integrato e guidato.

BMC Fourstroke 01 Two

Il sistema “fork stopper” protegge il telaio da eventuali impatti con la forcella nelle cadute, inoltre fa da guida per il passaggio dei cavi. E’ prevista anche una serie sterzo specifica che limita l’escursione del manubrio.

BMC Fourstroke 01 Two

– Tuning ammortizzatore: 9
Il Fox DPS Performance Elite presente di serie, sebbene non sia il modello di vertice con trattamento Kashima è veramente un ottimo punto di partenza.
Si può regolare da remoto la compressione in tre posizioni (Open, Medium, Firm), un dettaglio non sempre scontato sulle full da Xc di serie, ma che a mio avviso è indispensabile e rende la bici più versatile e performante in ogni situazione. Presente anche la regolazione del ritorno (pomello rosso).

BMC Fourstroke 01 Two

C’è da dire, inoltre, che lo schema sospensivo APS permette di non esagerare con la pressione (per il mio peso di 63 chili l’ho gonfiato a 150-160 psi), semplificando la fase di regolazione e sfruttando al meglio tutti i 100 mm di escursione.

BMC Fourstroke 01 Two

La posizione intermedia (freno in compressione) è già abbastanza efficace senza effettuare personalizzazioni, ma potrebbe migliorare con un tuning che renda l’idraulica più sostenuta. In tal modo sarebbe possibile utilizzare ancora meno aria e sfruttare meglio l’ammortizzatore da aperto.
Con lockout attivato, la sospensione è completamente chiusa e il telaio è super rigido.
Interessante è la presenza di un indicatore di Sag sul fodero alto destro, che insieme all’o-ring sullo stelo permette una regolazione ancora più fine di questo parametro.

BMC Fourstroke 01 Two

– Posizionamento ammortizzatore: 9
Per quanto riguarda il funzionamento, il design dello schema APS con ammortizzatore verticale è un’ottima soluzione, a livello pratico, però, obbliga ad accettare dei compromessi.
Non è possibile, ad esempio, montare due portaborraccia sul telaio, un particolare che potrebbe far storcere il naso a chi ama le lunghe distanze.
L’ammortizzatore ha un attacco Trunnion, ma la zona di fissaggio forma una sorta di “vaschetta” che raccoglie parecchio fango nelle uscite bagnate. La pulizia è molto semplice, basta un po’ di acqua a pressione, ma è un particolare che va menzionato.

BMC Fourstroke 01 Two

– Peso telaio e/o bici: 7,5
La BMC Fourstroke 01 Two non è leggerissima, parliamo di 11 chili spaccati con pedali Shimano XTR inclusi e gomme tubeless.
Il telaio pesa 2575 grammi con reggisella telescopico, ammortizzatore, serie sterzo e protezioni incluse.

vittoria barzo

Le gomme Vittoria Barzo TNT sono abbinate a dei cerchi DT Swiss in alluminio con canale interno da 25 mm.

Bisogna ricordarsi, però, che parliamo di un mezzo con reggisella telescopico integrato e soluzioni tecniche di altissimo livello.
Inoltre, le ruote DT Swiss XR 1501 Spline One in alluminio e la forcella Fox 32 SC Performance non sono ultraleggere, quindi c’è del margine di miglioramento.
Tuttavia, trattandosi di un mezzo da gara, nemmeno troppo economico, ci aspettavamo qualche grammo in meno.

BMC Fourstroke 01 Two

– Prezzo telaio e/o bici: 8
La BMC Fourstroke 01 Two costa 7699€ di listino.
Non è di certo un mezzo economico, ma calcolando l’enorme ricerca che c’è dietro, i particolari tecnici di primissimo livello e l’allestimento con gruppo Shimano XTR 12v, la cifra è in parte giustificata. Ecco, magari un paio di ruote in carbonio più leggere…

BMC Fourstroke 01 Two

Ricordiamo che la gamma Fourstroke 01 è composta anche dai modelli One (9999€) e Three (5999€).
E’ disponibile anche il kit telaio + ammortizzatore Fox Kashima + reggisella telescopico al prezzo di 3999€.

BMC Fourstroke 01 One

BMC Fourstroke 01 One: 9999€

BMC Fourstroke 01 Three

BMC Fourstroke 01 Three: 5999€

BMC Fourstroke 01 kit telaio

BMC Fourstroke 01 kit telaio: 3999€

– Garanzia sul telaio: 8,5
BMC fornisce una garanzia di 3 anni su ogni telaio e di 2 anni sui componenti e sulla verniciatura BMC.
Registrando la bicicletta sul sito ufficiale è possibile estendere la garanzia sul telaio fino a 5 anni.
E’ prevista anche una formula Crash Replacement che, in caso di incidente, permette di acquistare (per una sola volta) il telaio con uno sconto del 40% dal prezzo di listino.
Per altre informazioni sulla garanzia BMC cliccate qui.

Voto finale (da 1 a 10): 9

BMC Fourstroke 01 Two

 

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA: 8,5
Come detto in precedenza, l’assetto in salita è veramente ottimo, soprattutto grazie al piantone molto in piedi e allo sterzo compatto che permette di stare bassi con il busto anche nelle pendenze più ripide.

BMC Fourstroke 01 Two

La BMC Fourstroke 01 Two non è leggerissima, ma salendo in sella ci si accorge che i pesi sono ben distribuiti e la pedalabilità è ottima, anche nelle salite più lunghe.
Sulle salite battute, con lockout attivato, il telaio è veramente rigido e la bici è scattante.
La posizione intermedia dell’ammortizzatore, invece, aiuta a mantenere un ottimo grip sui tratti sconnessi e/o scivolosi.

BMC Fourstroke 01 Two

Il comando delle sospensioni è integrato a tre posizioni. Nonostante le sospensioni siano Fox, viene utilizzato un comando DT Swiss, che non va in conflitto con quello del reggisella telescopico, inoltre è molto funzionale e preciso.

Inoltre, la sezione ovale del reggisella telescopico elimina i giochi e lo rende molto rigido, non ci si accorge della sua presenza mentre si pedala.
La rapportatura del gruppo Shimano XTR 12v con 34 denti anteriori e pacco pignoni 10-51 si è rivelata molto versatile, ma c’è voluta qualche uscita per abituarsi alla nuova scala.
Certo, qualche grammo in meno avrebbe reso la BMC Fourstroke 01 Two ancora più performante in salita, ma già di serie le prestazioni in salita sono soddisfacenti.

shimano xtr 10-51

shimano xtr 12v comando

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA: 10
La BMC Fourstroke 01 Two in discesa si trasforma in una “mini enduro”.
Le geometrie aggressive, unite al reggisella telescopico da Xc e allo schema sospensivo APS offrono delle prestazioni molto elevate e donano una grande sicurezza anche nei tratti che con alcune bici da Xc potrebbero sembrare “estremi”.

BMC Fourstroke 01 Two

In particolare, questa Mtb mi ha stupito sui salti, sui drop e nei tratti molto rocciosi: il feeling è immediato e la stabilità è disarmante. Merito soprattutto dello sterzo così aperto, ma anche di tutti gli altri dettagli tecnici studiati proprio per offrire queste sensazioni.
Allo stesso tempo, nello stretto la BMC Fourstroke 01 Two è abbastanza maneggevole, ma bisogna prenderci un attimo la mano nelle prime uscite, anticipando un po’ le curve.
Poi viene tutto facile…

freni shimano xtr 2019

I freni Shimano XTR offrono sempre delle grandi prestazioni e allo stesso tempo sono abbastanza modulabili…

shimano Xtr dischi

Buono il comportamento dell’ammortizzatore di serie: con questo schema sospensivo è veramente difficile portarlo a fine corsa, anche negli atterraggi dai salti più violenti…
Non mi ha convinto la presenza dei cerchi DT Swiss in alluminio, che nonostante siano abbastanza pesanti, si sono rivelati un po’ troppo delicati: un paio di volte ho battuto contro una roccia in discesa, pizzicando anche il copertone e causando un piccolo bozzo.

BMC Fourstroke 01 Two



4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO: 9
Ottimo il feeling nei tratti asfaltati o su sterrato battuto dove si bloccano del tutto le sospensioni.
Sui trail pedalati dove serve che l’ammortizzatore lavori un minimo, a volte la posizione intermedia ci è sembrata troppo aperta, ma non sempre.
A mio avviso, comunque, un freno in compressione più robusto avrebbe reso la BMC Fourstroke 01 Two ancora più performante nei tratti pedalati.

BMC Foustroke 01 Two

Nulla da dire sulla stabilità e sulla maneggevolezza alle alte velocità: le sensazioni sono state soddisfacenti un po’ ovunque.
Le gomme Vittoria Barzo TNT hanno parecchio grip, ma sono poco scorrevoli ed hanno un fianco molto rigido: per trovare il giusto feeling nel guidato bisogna utilizzare pressioni più basse del solito, soprattutto all’anteriore.

Vittoria Barzo TNT, gomma, tasselli

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,1

BMC Fourstroke 01 Two

In conclusione…
Per concludere, quindi, posso affermare che la BMC Fourstroke 01 Two sia una delle full da Xc/marathon più versatili e performanti che abbia mai provato.
Stupisce il grande bilanciamento e la sicurezza che dona quando si sale in sella anche sui terreni più severi.

BMC Fourstroke 01 Two

In salita offre delle ottime prestazioni senza fare troppe personalizzazioni, nonostante il peso non troppo leggero e le sospensioni di serie.
Parliamo di un mezzo di primissimo livello e adatto ai bikers più esigenti, che cercano un mezzo “totale” con il quale divertirsi senza tralasciare il risultato agonistico.

BMC Fourstroke 01 Two

Per informazioni Bmc-Switzerland.com



voto:  9,1 / 10

PRO:

Assetto, prestazioni in ogni situazione, ammortizzatore a tre posizioni, setup sospensioni già buono di serie, funzionamento reggisella telescopico RAD, allestimento race ready.

CONTRO:

Peso, prezzo, non è possibile utilizzare un reggisella tradizionale, cerchi in alluminio di serie, tuning posizione intermedia dell'ammortizzatore migliorabile.

Scheda Tecnica

  • Caratteristiche del telaio:
    Tubazioni 01 Premium Carbon, schema Advanced Pivot System, movimento centrale PF92, perno posteriore Boost 12 x 148 mm, passaggio interno e guidato dei cavi, reggisella telescopico integrato, fork stopper e protezioni integrate. Quattro taglie: S, M, L e XL.
  • Travel:
    100 mm anteriore e posteriore
  • Diametro ruote:
    29 pollici
  • Peso bici completa:
    11 chili con pedali e gomme tubeless con liquido antiforatura (taglia M)
  • Angolo di sterzo:
    67,5 gradi
  • Angolo sella:
    75,6 gradi
  • Tubo orizzontale:
    60,7 cm in taglia M
  • Carro:
    42,9 cm
  • Interasse:
    115,5 cm
  • Prezzo:
    7699€
        
Torna in alto