• 107
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Dopo aver testato i modelli H Lite e S Lite, vi parliamo delle gomme Pirelli Scorpion Mtb M e M Lite, ossia le più versatili della famiglia, quelle che vanno a completare una gamma composta da pochi modelli, ma con indicazioni ben precise (qui tutti i dettagli sulla gamma Pirelli da Mtb).

Pirelli Scorpion Mtb M

Ma prima di entrare nei dettagli, guardatevi questo video:




1 – DETTAGLI TECNICI
– Struttura del copertone: 10
Sostanzialmente, la struttura è la stessa delle altre gomme Pirelli Scorpion Mtb.
La carcassa è da 120 TPI sull’intera superficie, con mescola anti-strappo e ulteriore rinforzo sul fianco da 120 TPI per i modelli classici, senza rinforzo per i modelli Lite. Anche in questo caso, a seconda della sezione e quindi del tipo di utilizzo cambia anche la struttura e il tipo di rinforzo.

Pirelli Scorpion Mtb M
Pirelli Scorpion Mtb M
Pirelli Scorpion Mtb M Lite

– Diametri e sezioni disponibili: 9,5
Le Pirelli Scorpion Mtb M e M Lite sono disponibili nel diametro da 29 pollici con sezioni di 2.2”, 2.4” e 2.6”. Con le stesse sezioni le troviamo anche nel diametro da 27.5 pollici. Per i modelli da 29×2.6” e 27.5×2.4” e 2.6”, visto il campo di utilizzo prettamente Gravity, non è prevista la versione Lite. Nel video non abbiamo menzionato questi ultimi modelli, perché sono disponibili da poco e non avevamo ancora ricevuto aggiornamenti in merito.
Le versioni da 2.4” sia tradizionale che Lite, sono pensate principalmente per un utilizzo trail e per questo le carcasse sono irrobustite sul fianco, ma strutturate diversamente: 60 TPI con rinforzo da 120 TPI per la 2.4” classica e 120 TPI con rinforzo da 120 TPI sulla 2.4” Lite.
La Pirelli Scorpion Mtb M nelle sezioni da 2.2” e 2.4” tradizionali è disponibile anche in edizione limitata “Yellow”, ossia con scritte gialle come quelle utilizzate dal Team Trek-Pirelli.

L’intera gamma Scorpion Mtb M e M Lite con caratteristiche tecniche, pesi e prezzi

– Larghezza effettiva in mm: 10
Le Pirelli Scorpion Mtb M da 29×2.2” usate nel test misurano circa 58 mm, su cerchi hookless in carbonio con canale interno di 24 mm. Rispetto alla sezione dichiarata di 55 mm, quindi, sono più larghe, ma parliamo di una misura giusta per il tipo di utilizzo.

– Mescole disponibili: 10
La mescola è unica, anti-strappo e di tipo “SmartGrip”. Questa mescola è pensata per mantenere le prestazioni costanti nel tempo e per adattarsi a tutti i terreni.
La mescola SmartGrip è impiegata su tutta la superficie del battistrada ed è utilizzata sia sui modelli da duro come il Pirelli H (Hardpack), sia sugli altri modelli da misto e da morbido (Mixed, Soft e Rear), con dei “tuning” specifici sulla formula per personalizzarla al tipo di utilizzo. Le Pirelli Scorpion Mtb M e M Lite sono morbide il giusto, realizzate per offrire anche una buona scorrevolezza e per ottimizzare i consumi: quello che serve su una gomma “tuttofare”.

Pirelli Scorpion Mtb M

– Peso: 8,5
Circa 700 grammi per la Scorpion Mtb M tradizionale e 650-660 grammi reali per la Scorpion M Lite, entrambe in versione da 29×2.2”.
I pesi dichiarati, quindi, in linea di massima sono rispettati e a mio avviso rappresentano il giusto compromesso tra prestazioni e affidabilità.
Ovviamente, il peso delle versioni da 2.4” e 2.6” sarà superiore, si arriva oltre il chilo per il modello studiato per usi più intensi.

Il peso della Pirelli Scorpion Mtb M Lite

– Facilità di montaggio tubeless: 10
Montare il modello da 29×2.2” tradizionale è stato facilissimo. Nessuna perdita d’aria o di lattice, è bastato gonfiarle con il compressore senza smontare la valvola.
Così come le H Lite e le S Lite, anche queste girano dritte e non presentano deformazioni particolari della carcassa.

– Prezzo: 9
Le gomme Pirelli Scorpion Mtb M e M Lite da 2.2” e 2.4” hanno un prezzo di listino di 49,90€. La versione Yellow, invece, costa 54,90€: un vezzo estetico che si paga…
Il prezzo sale per quelle da 2.4” tradizionali, che costano 52,90€, mentre quelle da 29×2.6” e 27.5×2.4” e 2.6” costano 58,90€.
L’ampia scelta dei modelli e la qualità dei prodotti potrebbero giustificare queste cifre, che sono più o meno in linea con quelle della concorrenza.
Sul web, comunque, le gomme Pirelli si trovano anche a cifre più basse.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

Pirelli Scorpion Mtb M

2 – PRESTAZIONI
– Scorrevolezza su fondi compatti: 9
I tasselli centrali abbastanza ravvicinati, molto simili a quelli del modello H, fanno sì che le Pirelli Scorpion Mtb M siano molto scorrevoli anche su asfalto, cemento e fondi battuti in generale.
Anche utilizzando pressioni basse, la scorrevolezza è molto buona e i tasselli non si deformano troppo, quindi non ci sono dispersioni di potenza.
Ovviamente, la versione H sarà sicuramente più scorrevole in queste situazioni e solo per questo motivo non ho dato un voto pieno.

Pirelli Scorpion Mtb M

– Scorrevolezza offroad: 10
L’impronta voluminosa e la carcassa più robusta del modello tradizionale che permette di utilizzare delle pressioni medio-basse, garantiscono un’ottima scorrevolezza anche sul fondo sterrato più o meno scassato.
Inoltre, come è giusto che sia, il disegno “allround” dei tasselli dona il giusto feeling un po’ ovunque.

– Trazione in salita: 9,5
A parte sul fango molto abbondante, dove sicuramente il modello S o S Lite ha una marcia in più, la Scorpion M offre delle prestazioni eccellenti.
Sia sui fondi compatti, sia su quelli sconnessi il grip è eccezionale. Anzi, sulle rocce viscide, a mio avviso è addirittura migliore rispetto alla S, perché i tasselli meno aggressivi offrono una superficie di contatto maggiore sul suolo, permettendo alla gomma di lavorare in modo corretto.
La versione tradizionale, che si può utilizzare a pressioni più basse sulla ruota posteriore, garantisce sicuramente un grip migliore in ogni situazione…

Il mix Pirelli Scorpion Mtb M posteriore e S Lite anteriore può essere un’ottima soluzione per la stagione invernale…

– Trazione in frenata: 10
I tasselli centrali ravvicinati, ma non troppo bassi, permettono a questa gomma di generare sicurezza anche in frenata. Ovviamente, il meglio di sé in queste situazioni lo danno sui fondi asciutti o leggermente umidi, in caso di fango abbondante manca quell’aggressività tipica delle coperture specifiche…

– Aderenza in curva: 9,5
Se i tasselli centrali sono studiati per la scorrevolezza, quelli esterni puntano ad offrire il massimo grip in piega. Infatti, oltre ad essere più sporgenti, sono anche più distanti tra loro ed alternati in modo da dare fiducia anche nei cambi di direzione.
Per questi motivi, ma anche grazie alla sezione generosa e alla forma arrotondata della gomma, sui terreni asciutti o umidi e sulle rocce, l’aderenza in curva è veramente molto buona.

Pirelli Scorpion Mtb M

– Comportamento su terreni umidi-fangosi: 8
La Pirelli Scorpion Mtb M non è una gomma da fango, ma fino a quando il terreno non è esageratamente pesante, si comporta abbastanza bene. Sul fango abbondante, ovviamente, è meglio scegliere il modello Soft, soprattutto sulla ruota anteriore, mentre al posteriore (aggiustando le pressioni), la Scorpion M può andare bene al 90 per cento dei casi.

– Resistenza all’usura dei tasselli: 10
Il suo profilo “moderato” e versatile la rende anche molto resistente ai chilometri e alle sollecitazioni.
L’abbiamo utilizzata quasi sempre sulla ruota posteriore, su percorsi di ogni tipo. A fine test, la gomma era ancora in buono stato, senza alcun tassello eccessivamente logorato o saltato e senza consumi anomali.

– Resistenza alle pizzicature e/o forature: 10
Ho scelto la versione classica, con rinforzo sul fianco, con l’intenzione di montarla sulla ruota posteriore.
A mio avviso, infatti, è sempre meglio una gomma posteriore più “corposa”, soprattutto se parliamo di coperture come questa, che invitano ad osare un po’ di più e specialmente se si ha l’intenzione di utilizzarle a pressioni medio-basse.
Nel mio caso (64 chili circa) ho gonfiato la Pirelli Scorpion Mtb M a circa 1.5 bar, scendendo a 1.4 bar sui percorsi con meno rocce esposte, raggiungendo un buon compromesso tra performance e sicurezza. In questo modo, infatti, non ho mai forato (credetemi, qualche jolly l’ho giocato) ed ho sfruttato al meglio le proprietà della gomma.
Sulla ruota anteriore, volendo si può optare anche per la versione Lite, che è più leggera di circa 50 grammi ma ha comunque un peso adeguato al tipo di utilizzo, studiando però una pressione ad hoc.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,5

In conclusione…
La Pirelli Scorpion Mtb M è una gomma davvero tuttofare, scorrevole quando serve, ma anche grippante in curva e nelle situazioni critiche.
Una copertura del genere, volendo si può montare a marzo e smontare a ottobre, utilizzandola su entrambe le ruote nella mezza stagione, solo all’anteriore (magari in versione Lite) d’estate, abbinandola alla H posteriore oppure al posteriore, in inverno, insieme alla S anteriore.
Insomma, ci si può davvero sbizzarrire con gli abbinamenti e le diverse soluzioni, ma in sostanza la Scorpion Mtb M sarà sempre la protagonista dell’intera gamma Pirelli.

Qui gli altri articoli che parlano di Pirelli.

Qui tutti gli altri articoli sulle gomme.

Per informazioni Velo.Pirelli.com



Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia