scritto da Daniele Concordia in Storie il 26 Gen 2018

Hardtail da Xc: telaio rigido, 2 ruote, forcella e… tanto fascino

Hardtail da Xc: telaio rigido, 2 ruote, forcella e… tanto fascino
        
Stampa Pagina

E’ andata realmente così.
Durante la sessione fotografica della Trek Procaliber 9.8 SL, Daniele Concordia mi confida che per lui, nonostante le full siano affascinanti e tecnologiche, la hardtail da cross country è la bici più figa che c’è.
E me lo dice come per togliersi un peso dalla coscienza.
Gli chiedo perché, anche se conoscendo la sua estrazione Xc racing già mi immagino la risposta.
E mentre inizia a snocciolare le ragioni, lo fermo e gli dico:
«Scrivilo!»
Ed ecco il risultato.
SL

Hardtail da Xc: telaio rigido, 2 ruote, forcella e… tanto fascino.
Sì, le hardtail da cross country e marathon attuali sono molto di più: carbonio, geometrie al top, cerchi larghi e così via, su questo siamo tutti d’accordo.
Ma in ogni caso si parla sempre di un telaio rigido, due ruote e una forcella. Punto.
Qualche giorno fa, dopo aver provato diverse full suspension da Xc sono risalito sulla hardtail e… ragazzi, che gusto!
Okay, le full sono più moderne, più performanti (a volte), più versatili e più affascinanti, ma ogni volta che salgo sulla hardtail da Xc, poi torno a casa col sorriso.
Sarà un caso?
Forse sì, oppure no.
Ci ho ragionato su, mi sono fatto qualche domanda e mi sono dato delle risposte.
Ora voglio spiegare anche a voi cos’è per me la hardtail.

Trek Procliber 9.8 SL, Hardtail da Xc

 

 

 

Semplicità
Torniamo al discorso di prima, un telaio rigido, due ruote e una forcella.
Ecco, questa essenzialità mi affascina parecchio.
Il solo pensiero che con un mezzo così semplice si possa guidare su ogni tipo di sentiero (manico e fegato permettendo) mi intriga ogni volta.
Le front moderne sono ancora più semplici rispetto a quelle di qualche anno fa, grazie al monocorona soprattutto, ma anche ad altri dettagli che le hanno rese anche più performanti.
Pochi comandi (o nessuno) sul manubrio, niente manutenzione di boccole o cuscinetti, testa sgombra da tarature, sag, compressione, ritorno, token e così via: si pedala, si guida e basta, finché ce la fai e finché ne hai voglia.
E’ stupendo, non credete?

Leggerezza
Ecco un altro punto di forza della hardtail da Xc.
Basta prendere un modello di media gamma, con delle ruote e dei componenti discreti e già si ha una bici abbastanza leggera, pronta a correre.
Sì ok, ben vengano gli upgrade, ma se per avere in mano una full suspension davvero corsaiola bisogna farsi due conti in tasca, questo non accade quasi mai con la hardtail.
La leggerezza ci fa godere in salita (perché ragazzi, la gravità purtroppo ancora conta), ma anche in discesa e nei sentieri più stretti, dove un mezzo meno pesante si guida con più facilità.
Parlo anche di una leggerezza mentale, che in qualche modo si riallaccia al tema della semplicità.

Trek Procaliber 9.8 SL, rilancio, scatto, Hardtail da Xc

Reattività
La hardtail è reattività all’ennesima potenza.
Ti alzi sui pedali e la bici scappa via, scaricando tutta la potenza delle gambe a terra: che spettacolo! La reattività si avverte anche in salita, quando si decide di aumentare un po’ il ritmo e la bici ti segue senza fare nemmeno un fiato.
Ecco, definirei la front anche più “obbediente”: risponde al comando senza frignare.
E, diciamocelo, comandare piace un po’ a tutti…
L’eccessiva reattività a volte può essere un po’ penalizzante, per esempio in discesa, dove un telaio troppo rigido esige più manico e maggior attenzione, ma ai bikers “da frontino” piace anche quella sensazione di precarietà, quella sorta di confusione che dona una scarica di adrenalina incredibile.

Velocità
Ragionando in chilometri orari, la full suspension spesso è più veloce della hardtail da Xc.
Ma in questo momento non voglio parlare di numeri, voglio dare più spazio alle sensazioni e all’istinto.
In sella alla front non si va sempre più veloce, ma sembra di andare il doppio.
Quel telaio ultraleggero e scattante dà una sensazione di velocità allucinante, esige lucidità nelle staccate, a volte complica la vita ma… mi piace!
Spesso, quando pedalo su una hardtail da Xc, scendo e mi domando: ma le full che esistono a fare, se con un “frontino” come questo ci si può andare ovunque?
Il cronometro a volte smentisce queste sensazioni (per esempio nei tratti molto tecnici), ma vale davvero la pena guardare sempre e solo le lancette che scorrono sull’orologio?

Trek Procaliber 9.8 SL, salto, Hardtail da Xc

Soddisfazione
Sì, la hardtail dà davvero tante soddisfazioni.
In salita, nei rilanci, nel pedalato e anche in discesa.
Ma la soddisfazione più grande è affrontare in sella alla front i tratti più tecnici, magari dando uno smacco all’amico “impallinato” secondo il quale senza la full nel 2018 non vai da nessuna parte…
Ragazzi, anche se la tecnologia va avanti e le Mtb moderne sembrano poter fare tutto da sole, quello che conta ancora più di tutti nella guida è il manico (per fortuna) .
Non serve avere una full da 10000€ per scendere ovunque, bisogna applicarsi, lavorare e allenarsi.
E quando, grazie a queste regole, anche con una semplice hardtail da Xc riesci a guidare anche sui sentieri da enduro, allora sì che sono soddisfazioni.

Racing
Sarà perché quando ho iniziato a correre negli anni Novanta, la bici da gara era solo la hardtail da Xc, sarà perché sportivamente parlando mi sento un veterano (anche se ho solo 31 anni, eh, eh) ma per me la bici da gara è le front.
Punto e basta!
Ammetto che in alcune gare una biammortizzata leggera farebbe comodo, ma a mio avviso una front con un setting adeguato è sempre un buon compromesso, soprattutto per l’amatore medio.
La hardtail è racing solo a guardarla: a voi, quando osservate la vostra bici in garage (non negate, lo facciamo tutti) non viene voglia di salirci su e partire a manetta?

Hardtail da Xc, Trek Procaliber 9.8 SL

E con la tecnologia…
Un telaio rigido, un paio di ruote e una forcella.
Sì, ma come dicevo all’inizio, le hardtail da Xc moderne sono molto di più.
I materiali all’avanguardia, le geometrie moderne, i cerchi con canale largo, le gomme di sezione maggiore, anche più attenzione al comfort, il monocorona, le forcelle (veramente) ammortizzate…
Tutti questi dettagli tecnici hanno trasformato le hardtail da Xc moderne in mezzi molto più versatili e performanti.
Salire su una hardtail di ultima concezione dà ancora più gusto e questo in parte è dovuto alla tecnologia, che negli ultimi anni non ha mai rallentato la sua corsa.
E pensate se sulla hardtail ci montassimo un bel reggisella telescopico da Xc: in discesa si potrebbe osare ancora di più (quasi come su una full?) e il peso totale della bici sarebbe comunque accettabile…
Vuoi vedere, allora, che il reggisella telescopico nell’Xc ha davvero senso soprattutto sulle hardtail piuttosto che sulle full?

E voi, siete dei bikers da front o da full?
Fateci sapere…



        
Torna in alto