•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FRIEDRICHSHAFEN – Addio caro vecchio butile.
Schwalbe proprio qualche ora fa ha presentato all’industria della bici una nuova rivoluzionaria camera d’aria, la Schwalbe Evo, realizzata non più in gomma, ma in Aerothan, ovvero un tecnopolimero speciale sviluppato insieme alla Basf, che permette una sensibile riduzione di peso senza perdere in efficienza ed affidabilità.
Anche il corpo della valvola è realizzato nel medesimo materiale, fra l’altro riciclabile al 100%.

_DSC0416

Diamo qualche numero.
Il peso della Schwalbe Evo in versione 26” è di 68 gr.
La 27,5” pesa 72 gr.
La 29” 76 gr.
Può essere utilizzata con coperture da 2,1”-2,4” ed è in grado di resistere alle pressioni di una normale camera d’aria in butile.

_DSC0422

_DSC0418

_DSC0417

La presentazione ufficiale, avvenuta qualche ora fa a Friedrichshafen.
La presentazione ufficiale, avvenuta qualche ora fa a Friedrichshafen.

Il prezzo è di 20€, ma il risparmio di peso è abbastanza interessante.
A conti fatti è uno dei modi più economici per togliere peso a una Mtb, ammesso di utilizzare le camere d’aria.
Ma anche in tasca, sotto la sella o nello zaino il peso diminuisce di qualche etto e questo permette, volendo, di portare anche più di una camera d’aria di scorta.
In caso di foratura, infine, è possibile ripararla con un kit specifico senza colla.
Sul fronte delle camere d’aria tradizionali, invece, Schwalbe ha già iniziato in Germania un’azione di riciclo in collaborazione con i dealer che fungono da punto di raccolta delle camere d’aria usate. Queste poi vengono spedite in Schwalbe per essere riciclate.
In questo modo la produzione di una camera d’aria nuova in butile costa un 25% di energia in meno, salvaguardando maggiormente l’ambiente.

Per informazioni Schwalbe.com

Per scoprire tutte le novità di Eurobike 2015, cliccate qui.

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti