• 549
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Giocare con la Mtb: l’hai mai fatto davvero?
Te lo chiediamo (e ce lo chiediamo) perché capita troppo spesso, soprattutto tra chi pratica Xc e Marathon, di osservare un’enorme attenzione verso le prestazioni (chilometri, dislivello, watt, tempi) e pochissima attenzione verso la tecnica di guida e verso il “gioco”.
Anche in questo periodo in cui non si corre e ci si potrebbe concentrare su altri aspetti
La chiave di questo articolo è racchiusa proprio in questa parolina magica: gioco!
Sì, perché solo imparando a giocare con la Mtb, si impara a guidarla davvero.

transition sentinel, giocare con la Mtb

Ti sei mai chiesto perché chi ha iniziato ad andare in Mtb da bambino sa guidare meglio?
In tenera età è più facile memorizzare i vari schemi motori, questo è vero, ma il secondo “segreto” riguarda proprio il gioco.
Il bambino è curioso e spericolato. Impara presto ad impennare, a scendere e salire le scalinate, ad andare senza mani, a fare surplace, a saltare gli ostacoli…
E pensandoci bene, questi “giochi” si mettono in pratica anche da adulti, in ogni gara e anche nelle uscite tra amici.
Quindi, perché non tornare bambini ogni tanto?
Giocare con la Mtb conviene: ecco qualche dritta per farlo nel modo più proficuo…

Leecougan Rampage 428

Scegli più spesso la Mtb
In Italia soprattutto, la contaminazione tra strada e Mtb è molto forte.
Culturalmente, questo è anche bello, ma chi vuole migliorare la tecnica di guida, deve usare il più possibile la Mtb.
Punto e basta.
Perché solo così si acquisisce veramente il feeling con il mezzo e si impara a capire le reazioni della stessa agli imprevisti.
E’ impossibile pensare di utilizzare la Mtb una volta a settimana e pretendere di guidarla subito forte…
Qui i consigli per conciliare strada e Mtb nel modo giusto.

giocare con la Mtb

Meno lavori, più tecnica
Anche se hai delle velleità agonistiche ricorda di non tralasciare mai la tecnica di guida, concentrandoti sull’esecuzione del gesto tecnico, più che sui tempi veri e propri.
Perché se è vero che le gare (soprattutto Xc e Marathon) spesso si vincono in salita, è anche vero che in discesa si possono perdere.
E sarebbe un peccato, se pensiamo che “giocando” si potrebbe migliorare parecchio…
Le Mtb attuali sono sempre più veloci anche su asfalto e nei trasferimenti, pertanto una buona abitudine potrebbe essere mixare i lavori specifici con qualche discesa tecnica da imboccare senza troppo recupero. Che tra l’altro, è anche più divertente e più simile alla condizione di gara.

novità RockShox 2021

Concentratevi sui punti deboli
Sei carente in curva?
Oppure nel ripido?
Ah, sul bagnato?
O sulle radici?
Focalizzati sulle varie situazioni che ti mettono in difficoltà e creano disagio.
Soffermati sull’azione: ripeti, ripeti e ripeti ancora, fino a quando non sei convinto.
Ma senza innervosirti o spazientirti, con calma e cercando di divertirti.
E non pensare che sia tempo perso, spesso è proprio quello che fa la differenza…

giocare con la Mtb
La caduta fa parte del gioco, ma anche dagli errori si impara parecchio…

NON evitare i tratti difficili
Tutti abbiamo dei tratti di sentiero vicino casa che ci impensieriscono e che proprio non riusciamo a superare.
L’istinto è quello di aggirarli, evitarli a tutti i costi, ma in realtà quei “mostri” bisogna aggredirli e sconfiggerli.
Nulla è impossibile, ma c’è bisogno della giusta predisposizione mentale, per superare certi ostacoli.
Perché non c’è telescopico, full o geometria che tenga, se il vero limite è nella testa
E anche se quel tratto magari in gara non si incontrerà mai, vuoi mettere la soddisfazione di riuscire a superarlo una volta per tutte?

giocare con la Mtb

Impara dai più bravi
Di solito è una questione di movimenti ed automatismi, semplici da mettere in pratica dai più esperti, più difficili da spiegare in linea teorica.
Quindi, la miglior cosa per imparare in fretta è seguire i più bravi e rubare con gli occhi.
Magari anche chiedendo loro di ripetere un passaggio, filmarli con lo smartphone e provare ad imitare i loro movimenti. Pian piano e con calma…
Un po’ come facevamo da piccoli, quando ripetevamo quello che facevano gli adulti.
Anche questo è un gioco, no?

Dolomiti Paganella Area

Rilassati
La chiave è proprio questa: relax!
Sì okay, difficile pensare di rilassarsi mentre si scende da una parete di roccia con pendenze al limite dei ribaltamento e magari con fondo viscido…
Ma in realtà, il segreto per guidare meglio è proprio questo.
La tensione, la paura di sbagliare e la troppa smania di seguire chi ci sta davanti portano ad irrigidirsi.
Di conseguenza si sbaglia con più facilità e quando si cade ci si fa più male.
E qui torniamo allo stesso discorso: per rilassarsi bisogna giocare, divertirsi e lasciarsi andare quanto basta per trovare il “flow”.
Un corpo sciolto è più pronto a reagire agli imprevisti, una mente sgombra permette di gustarsi il sentiero fino in fondo

Nino Schurter, giocare con la Mtb
Nino Schurter è l’esempio perfetto: riesce a “giocare” e divertirsi anche nel bel mezzo di una gara di Coppa. Lui è un fenomeno, okay, ma se lo seguite su Facebook o su Instagram avrete notato che i suoi allenamenti non sono mai monotoni e il gioco fa parte della sua routine.

D’altronde basta un piazzale…
Non c’è bisogno di chissà cosa per giocare con la Mtb.
Basta un piazzale, un parcheggio, un garage, un centro storico…
Le manovre base della Mtb si imparano per prove e tentativi, da soli e con tranquillità.
Impennate, bunny hop, derapate, scalinate, giochi di equilibrio…
Tutte cose che se non hai fatto da piccolo puoi ancora imparare, basta dedicare loro il tempo necessario.
E non pensare che non servano a niente, perché:
– Alzare la ruota anteriore può servire per superare ostacoli in salita o in discesa con più facilità.
– Il bunny hop è utile per saltare al volo un tronco o un masso sul sentiero.
– Derapare in curva, a volte può aiutare ad affrontarla più velocemente.
– Le scalinate simulano le discese sconnesse o le salite con rocce e radici.
– L’equilibrio è fondamentale nei tratti lenti e tecnici, sia in salita che in discesa.

ho trovato un mostro in cantina

Questi sono solo degli esempi, ma fanno intuire come in realtà il gioco sia davvero alla base del nostro sport.
La genetica conta fino a un certo punto, poi subentra la pratica e la voglia di imparare.
E ti assicuriamo che giocando si impara molto!

Lo step successivo potrebbe essere iscriversi ad un corso di guida, ne abbiamo parlato qui:

VIDEO – Corso di guida Mtb? Ecco perché è così importante

Ecco altri spunti sull’abitudine di “giocare con la Mtb”:

VIDEO – Per migliorare la tecnica di guida, mettetevi a giocare…

Qui un tutorial su come affrontare le curve:

VIDEO – Consigli di guida: impariamo ad affrontare le curve

Qui tutti gli altri articoli sulla tecnica di guida.

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia