•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

FRIEDRICHSHAFEN – Le dimensioni ridotte dello stand di Rose a Eurobike tradivano un po’ la qualità dei prodotti che il marchio tedesco sta tirando fuori negli ultimi anni.
All’expo tedesco abbiamo visto diverse novità che danno l’idea di quale impegno Rose metta nello sviluppare le bici, seguendo con oculatezza le tendenze del momento.
La novità più interessante è la nuova Rose Soul Fire che abbandona le ruote da 26” in favore delle 27,5” e introduce anche lo standard posteriore Boost 148, ovvero la battuta del mozzo passa da 142 a 148 mm.
Ciò ha permesso di lasciare più spazio fra copertone e foderi bassi. Questi ultimi in particolare sono da 43,3 cm, un valore di tutto rispetto considerando che il travel della sospensione posteriore può essere di 180 o 190 mm.
La regolazione del travel non modifica gli angoli del telaio che sono di 64,5° per lo sterzo e di 74,5° per il piantone, mentre l’altezza da terra del movimento centrale è di 35,5 cm.
Rispetto alla Soul Fire precedente, quella 2016 è un progetto completamente nuovo che prevede fra l’altro il passaggio esterno dei cavi (per facilitare la manutenzione) in stile The Unchained, asse posteriore Boost 148 e la non compatibilità con il deragliatore.
Ecco le immagini della nuova bici:

_DSC0724 (1)

_DSC0725

Mozzo posteriore con standard Boost 148
Mozzo posteriore con standard Boost 148
Il pivot principale è di dimensioni più che maggiorate. Si accede ai cuscinetti con la chiave per il movimento centrale di qualche anno fa.
Il pivot principale è di dimensioni più che maggiorate. Si accede ai cuscinetti con la chiave per il movimento centrale di qualche anno fa.

_DSC0728

Solo monocorona e al massimo un guidacatena.
Solo monocorona e al massimo un guidacatena.

_DSC0730

_DSC0731

Rock Shox Lyrik di nuova generazione da 180 mm.
Rock Shox Lyrik (qui le prime impressioni) di nuova generazione da 180 mm.

_DSC0733

_DSC0734

_DSC0735

_DSC0736

_DSC0737

Rose sta anche lavorando a una nuova famiglia di bici che non andrà a sostituire alcun modello nella gamma. Si chiama Rose Pikes Peak e al momento è ancora allo stato di prototipo, anche se Rose ha già dichiarato numerose specifiche.

Il prototipo in lega della Rose Pikes Peak. Photo: Irmo Keizer / Rose
Il prototipo in lega della Rose Pikes Peak.
Photo: Irmo Keizer / Rose

Ad esempio, il telaio e gli elementi del carro saranno in fibra di carbonio (e non in lega come mostrato nelle immagini), sarà coniugata in due varianti, All Mountain da 150 mm ed Enduro da 160 mm, avrà un tubo superiore più lungo abbinato ad attacchi manubrio da 30 o 40 mm, la sospensione posteriore ha una cinematica ottimizzata per trasmissioni 1×11, battuta posteriore Boost 148 e, ultimo ma non ultimo, il sistema Progeo per la regolazione della sospensione posteriore.
Il Progeo, studiato da Rose, permette di settare la sospensione in termini di progressività e di modificare la geometria del telaio su 4 posizioni differenti.
Rose dichiara che le 4 modalità sono facilmente selezionabili anche durante l’uscita (occorre fermarsi, ma bastano pochi secondi), senza il rischio di perdere viteria o altri componenti.
In questo modo la Rose Pikes Peak può essere adattata alle necessità del rider in base alle proprie preferenze e al tipo di terreno.
La geometria della Pikes Peak prevede un angolo di sterzo di 66,5 o 65,5 gradi per la Enduro e di 67 o 66 gradi per la All Mountain, un angolo piantone di 75 o 74 gradi per la Enduro e di 75,5 o di 75,4 gradi per la All Mountain.
I foderi bassi hanno una lunghezza di 43 cm, mentre il movimento centrale dista da terra 35,5 o 34,3 cm per la Enduro e 35,2 o 34 cm per la All Mountain.

Un primo piano del sistema Progeo di Rose. Photo: Irmo Keizer / Rose
Un primo piano del sistema Progeo di Rose.
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Passaggio cavi interno. Photo: Irmo Keizer / Rose
Passaggio cavi interno.
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

In campo hardtail ci sono novità interessanti che riguardano la Rose Count Solo (27,5”) e la Rose The Uprising (29”). Le due famiglie di bici hanno in comune lo stesso tipo di tubazioni (Al 6061 T6), adottano un perno passante 142×12, passaggio cavi interno, nuovo disegno dei forcellini e della pinza freno posteriore e soprattutto nuova geometria.
In Rose definiscono le modifiche alla geometria come un aggiornamento con gli standard attuali e quindi vediamo un tubo sterzo più compatto, un movimento centrale più basso di 5 mm per le taglie S e XS della Count Solo, un angolo di sterzo più aperto, un tubo superiore più lungo e un carro di 42,5 cm per la Count Solo e di 43,5 cm per The Uprising.
Di seguito le immagini delle due bici. Iniziamo dalla Count Solo:

Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

Ed ecco la Rose The Uprising:

Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

Nel catalogo Rose 2016 non poteva mancare una proposta di bici a pedalata assistita. Ed ecco infatti la Rose E-mountain bike con motore sviluppato da Continental da 250 Watt e con una coppia di 50 Nm alloggiato su un telaio hardtail in lega leggera specificamente progettato.
La batteria è abilmente nascosta nel tubo obliquo (ovviamente di dimensioni maggiorate) e la geometria prevede un angolo di sterzo di 68° capace di gestire forcelle fino a 120 mm di travel.

Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

Uno degli aspetti più interessanti di questa bici è la compatibilità con ruote 27,5 Plus o 29” e con lo standard Boost 148: questi due accorgimenti ampliano di molto i margini di utilizzo di questa bici, dalle passeggiate alle uscite su sentieri più impegnativi.

Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

E’ stata rinnovata anche la proposta ciclocross di Rose, utilizzabile anche in chiave gravel. Ecco la Rose Team Dx Cross in lega Al 6061 T6 ispirata alla linea delle bici da strada di casa Rose. Il telaio è compatibile solo con freni a disco e fa ricorso a una forcella in fibra di carbonio sulla quale non mancano gli attacchi per i portapacchi o i parafango e la compatibilità con un perno passante da 15 mm.
La Rose Team Dx Cross è una bici che si presta a essere interpretata e usata in base alle proprie necessità.

Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose
Photo: Irmo Keizer / Rose

Qui le altre novità da Eurobike 2015

Per informazioni Rosebikes.it

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti