Sospensioni elettroniche RockShox AXS in arrivo? Guardate qui...

Simone Lanciotti
|

ARTICOLO AGGIORNATO IL 21 SETTEMBRE 2021

All'EWS di Crans Montana si sono viste le immagini della versione (quasi) definitiva delle sospensioni elettroniche RockShox AXS (il nome lo abbiamo inventato noi).
Il sistema, a giudicare da come è stato montato sulla Specialized S-Works Enduro di Charlie Murray, dovrebbe garantire al biker un controllo "intelligente" delle sospensioni stesse in base alle condizioni del terreno e/o alle impostazioni fornite al sistema.
Che, immaginiamo, utilizzi il protocollo di comunicazione AXS di Sram.
In sostanza dovrebbe essere la risposta di RockShox al Fox Live Valve (che abbiamo testato lo scorso anno), salvo che in questo caso non ci sono cavi, né una batteria centralizzata.

Sospensioni elettroniche RockShox AXS
Sospensioni elettroniche RockShox AXS

Esteticamente parlando il sistema ha un ingombro tutto sommato ridotto e sarà soprattutto la sua validità di funzionamento a stabilire quando sia davvero opportuno "sacrificare" un po' l'estetica nel nome della funzionalità.
Al momento non abbiamo informazioni ufficiali da Sram o RockShox, ma a giudicare dalle immagini e dalla scritta Blackbox (che RockShox e Sram utilizzano sui componenti destinati ai pro') c'è da credere che a breve arriveranno sul mercato.
Quanto a breve, però, non lo sappiamo ancora.
Di seguito il testo dell'articolo del 9 agosto scorso.


Qualcosa di nuovo e (almeno in apparenza) molto interessante sta per arrivare da Sram.
Che si tratti delle sospensioni a controllo elettronico di RockShox?
A giudicare dalle immagini che WheelBased.com ha condiviso in un post su Instagram sembrerebbe che RockShox e Sram stiano per presentare un sistema AXS che controlli in modalità wireless le sospensioni, anteriori e posteriori delle Mtb.
Oppure (e questa opzione sembra la più interessante) questo sistema permette a forcella e ammortizzatore di regolarsi automaticamente in base alle condizioni del percorso e allo stile di guida del biker, dialogando fra di loro tramite il protocollo wireless AXS.
In fondo RockShox, qualche anno fa, aveva già provato a fare qualcosa di simile (ricordate il sistema E:i Shock?), ma con risultati, sì, teoricamente promettenti, ma solo modesti all'atto pratico.
I tempi ora sono maturi per qualcosa che si annuncia più raffinato ed efficace.
E soprattutto (ma siamo sempre nel campo delle ipotesi) applicabile alle sospensioni RockShox di ultima generazione.
Intanto, guardate queste immagini:

Sospensioni elettroniche RockShox AXS
Il manuale di uso di questo nuovo sistema mostra dettagli molto interessanti: c'è un indicatore led sulla sommità destra della forcella che segnala la modalità utilizzata. Ci saranno anche i bottoni + e - (indicati con le lettere "e" e "d") per modificare il parametro della velocità di compressione (è una nostra deduzione) e la batteria del sistema non dovrebbe essere la medesima già adottata sui cambi AXS di casa Sram per motivi di ingombro.
Sospensioni elettroniche RockShox AXS
Ecco il modulo di controllo wireless senza la batteria installato su una forcella. E' possibile che sarà compatibile con le forcelle più recenti di casa RockShox.
Sospensioni elettroniche RockShox AXS
Ecco il modulo di controllo separato dalla forcella
Sospensioni elettroniche RockShox AXS
Un'opzione di controllo remoto tramite sistema AXS è stata pensata anche per l'ammortizzatore, ma il disegno sopra farebbe capire che la batteria avrà dimensioni più compatte di quelle dei cambi Sram AXS. E in effetti dovendo essere collocata in quella posizione è necessario che sia molto compatta.
Sospensioni elettroniche RockShox AXS



Infine c'è un sensore per il pedale, anch'esso connesso tramite il protocollo AXS, il cui ruolo e funzioni non sono ben chiari. Si installa tramite un expander o una vite e potrebbe integrare il misuratore di potenza al suo interno. Alla stregua di quanto accade con i pedali Garmin Rally testati di recente. Vi ricordiamo che Sram ha acquisito Time, noto produttore di pedali sia road che Mtb. Staremo a vedere...

Per il momento non abbiamo conferme ufficiali da parte di RockShox o di Sram perciò dovremo attendere eventuali comunicazioni ufficiali.
Certo, a giudicare dalla qualità dei rendering si direbbe che queste novità siano ben più che prototipi e se effettivamente entrasse sul mercato significherebbe aggiungere tanti sensori alle Mtb.

Fateci cosa ne pensate commentando questo post su Facebook



Condividi con
Sull'autore
Simone Lanciotti

Sono il direttore e fondatore di MtbCult (nonché di eBikeCult.it e BiciDaStrada.it) e sono giornalista da 20 anni nel settore delle ruote grasse e del ciclismo in generale. Siamo molto focalizzati sui video e il canale YouTube MtbCult è un riferimento in Italia soprattutto per quanto riguarda i test.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
[sibwp_form id=1]
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right