scritto da Simone Lanciotti in Tecnica il 03 Ago 2015

VIDEO – Cannondale Habit: “solo” 120 mm di travel ma feeling da enduro

VIDEO – Cannondale Habit: “solo” 120 mm di travel ma feeling da enduro
        
Stampa Pagina

FRIBURGO – Ricordate la Cannondale Rize? Ebbene, la Cannondale Habit si è ispirata a lei e, per alcuni dettagli della sospensione, alla Scalpel, ma con tutti gli adeguamenti del caso.
Obiettivi?
Semplicità, facilità d’uso e divertimento.
Quindi, sospensione posteriore Zero Pivot da 120 mm, pivot Ecs-Tc (come su Scalpel, Trigger e Jekyll), ruote da 27,5”, asse passante posteriore da 142×12 e geometria “svelta”.

_DSC9963

Jerome Clementz in sella alla nuova Cannondale Habit.

Jerome Clementz in sella alla nuova Cannondale Habit.

La Cannondale Habit si candida a diventare una bici di grande versatilità, ma ben lontana dalla sua “progenitrice”, cioè la Rize.
L’angolo di sterzo è ben più aperto, 68°, il carro è più corto, 429 mm, il movimento centrale è più basso, 334 mm per tutte le taglie, e l’angolo piantone è più in piedi, 74º.

Niente battuta posteriore da 148 mm. Cannondale ha preferito la classica 142x12 per la nuova Boost con ruote da 27,5".

Niente battuta posteriore da 148 mm. Cannondale ha preferito la classica 142×12 per la nuova Boost con ruote da 27,5″.

Geometria Cannondale Habit (cliccate per ingrandire).

Geometria Cannondale Habit (cliccate per ingrandire).

Ovvero è ispirata alle bici di travel maggiore, ma mantiene doti di maneggevolezza e versatilità a loro sconosciute.
Se vogliamo, possiamo definirla come il nuovo corso delle trail bike.

Semplice, ma non banale
A prima vista, guardando la sospensione posteriore, verrebbe da dire che la Cannondale Habit abbia scelto un indirizzo non da prima della classe, ma la scelta di adottare una sospensione Zero Pivot non è casuale.
L’obiettivo di Cannondale, infatti, è arrivare a una bici facile, efficace, precisa e che richieda poca manutenzione. Cioè semplice come una hardtail, ma divertente come una full.

C16 Habit SHockLink

Parlando di Zero Pivot, quindi, vengono chiamati in ballo i foderi alti integrati in una struttura monolitica che include anche i foderi bassi.
Con questa conformazione il carro impone che i foderi alti flettano di qualche mm (20 per la precisione) per consentire il funzionamento della sospensione.
Questa flessione si verifica in modo controllato (e testato) tanto con i foderi alti in lega leggera Smart Formed quanto con quelli in fibra di carbonio BallisTec.

_DSC9972

La sospensione viene gestita da un ammortizzatore Rock Shox Monarch XX DebonAir (sulla Habit Carbon 1, foto sopra) che non ha richiesto alcun intervento di personalizzazione da parte di RockShox.

Il link dell'ammortizzatore è in fibra di carbonio e ha un peso di soli 66 grammi.

Il link dell’ammortizzatore è in fibra di carbonio e ha un peso di soli 66 grammi.

Due materiali utilizzati
La Cannondale Habit è disponibile sia in versione Carbon che in lega Smart Formed. Le versioni disponibili della Habit sono svariate e prevedono un telaio interamente in fibra di carbonio BallisTec con link dell’ammortizzatore in carbonio (dal peso di soli 66 gr!!!), un telaio in carbonio con carro in lega Smart Formed e link in carbonio oppure un telaio e un link interamente in lega Smart Formed.

La lega Smart Formed mantiene tutto il suo fascino

La lega Smart Formed mantiene tutto il suo fascino

Alta rigidità torsionale
Fra i pregi della sospensione Zero Pivot, oltre alla leggerezza, c’è anche la rigidità torsionale, esaltata dall’adozione di pivot con assi oversize Ecs-Tc e con un sistema chiamato LockR (lo stesso di Gt) che tiene i cuscinetti saldamente in posizione.

L'asse del pivot è di tipo passante e presenta un sistema a expander per restare nella posizione corretta. Ha esordito sulle Gt qualche stagione fa.

L’asse del pivot è di tipo passante e presenta un sistema a expander per restare nella posizione corretta. Ha esordito sulle Gt qualche stagione fa.

Il LockR viene applicato su questo pivot.

Il LockR viene applicato su questo pivot.

Davanti troviamo una forcella Lefty 2.0 da 120 mm con asse del mozzo avanzato di 50 mm. Come potrete leggere nelle prime impressioni di uso, questa versione della Lefty (abbiamo provato Habit Carbon 1 con la Lefty 2.0 Carbon da 120 mm) è particolarmente a punto per taratura sia della parte pneumatica (con una taratura apposita) che di quella idraulica.

La nuova forcella Lefty 2.0 Carbon 120 Xlr con tuning Trail Plus e sistema di lock-out RockShox Full Sprint. E' montata sulla Habit Carbon Black Inc e Carbon 1 (nella foto).

La nuova forcella Lefty 2.0 Carbon 120 Xlr con tuning Trail Plus e sistema di lock-out RockShox Full Sprint. E’ montata sulla Habit Carbon Black Inc e Carbon 1 (nella foto).

Sulla Habit Carbon 1 è previsto il controllo simultaneo dei lock-out degli ammortizzatori tramite il comando Full Sprint di RockShox.
Questo dispositivo rende la Habit molto efficace offroad, specie quando servono massima efficienza di pedalata o massime prestazioni su terreni accidentati.
Per quanto concerne il peso del telaio, Cannondale ha dichiarato un valore di 1996 gr, mentre la Habit Carbon 1 (in versione pre-produzione) ha un peso che si aggira sugli 11,3 Kg.

La gamma Cannondale Habit
Come detto questa bici avrà sia un telaio in carbonio BallisTec che un telaio in lega leggera Smart Formed.
Far i dettagli che accomunano tutta la gamma segnaliamo l’adozione di manubri da 76 cm di larghezza, attacchi manubrio da 60 mm, dischi freno da 180 mm e cerchi più larghi.
Vi presentiamo i dettagli della gamma con il relativo prezzo al pubblico.

Cannondale Habit Hi-Mod Black Inc
Prezzo al pubblico: 10999€

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit Carbon 1
Prezzo al pubblico: 6999€

Habit Hi-Mod 1

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit Carbon 2
Prezzo al pubblico: 4999€

Habit Carbon 2

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit Carbon SE
Prezzo al pubblico: 4199€
Questa versione prevede una forcella Lefty 2.0 Alloy Opi Pbr da 130 mm e gomme di sezione maggiorata, in particolare l’anteriore. Troviamo infatti una Schwalbe Nobby Nic Performance da 2,35” e una da 2,25” all’anteriore.
La sospensione posteriore non muta, ma cambia l’angolo di sterzo che scende a 67,5°.

_DSC0014

Il nuovo pomello di gestione del Pbr, ridisegnato da Jeremiah Boobar.

Il nuovo pomello di gestione del Pbr, ridisegnato da Jeremiah Boobar, passato da RockShox a Cannondale.

_DSC0018

_DSC0022

_DSC0026

_DSC0028

_DSC0030

_DSC0031

_DSC0035

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit Carbon 3
Prezzo al pubblico: 3499€

Habit Carbon 3

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit 4
Prezzo al pubblico: 2999€

Habit 4

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit 5
Prezzo al pubblico: 2299€

Habit Carbon 5

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit 6
Prezzo al pubblico: 1899€

Habit Carbon 6

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit Carbon 1 Women’s
Prezzo al pubblico: 3499€
Ci saranno anche i modelli da donna della Habit con le seguenti variazioni per la geometria del telaio:

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Habit Women's 1

Habit Women's 1 HERO

Cliccate per ingrandire

Cliccate per ingrandire

Cannondale Habit 2 Women’s
Prezzo al pubblico: 1899€

Habit Women's 2

Habit Women's 2 (2)

Schermata 2015-08-02 alle 23.41.54

Per quanto riguarda la disponibilità sul mercato, Cannondale ha dichiarato che i modelli in lega leggera saranno disponibili a partire da agosto, mentre quelli in carbonio da ottobre.

Qui il test in anteprima della Cannondale Habit Carbon 1.

        
Torna in alto