PRIMO CONTATTO - Evil The Wreckoning, "bestia strana"

Simone Lanciotti
|

La Evil The Wreckoning è una bici strana, possente, affascinante e a giudicare da come è stata considerata da “sua madre”, cioè Evil Bikes, sembra quasi una figliastra.
La The Wreckoning non è ancora stata presentata ufficialmente e sul sito del marchio americano non figura ancora.
Strano, vero?
Eppure, quando si parla di Evil, di un marchio che da un anno a questa parte è diventato “osservato speciale” dai marchi più forti e famosi, è così.
Un po’ artisti, un po’ pazzi, un po’ dediti a birre e gozzovigli vari, ma soprattutto capaci di inventare bici fuori dalle mode e di lasciare un segno, grande o piccolo che sia.
E lo stupore non riguarda solo l’estetica (de gustibus, no?), ma le sensazioni in sella.
MtbCult ha avuto la possibilità di essere fra le prime riviste al mondo ad avere una Evil The Wreckoning per un test e appena tirata fuori dalla scatola, visto il montaggio, l’impatto estetico, il peso (provate a indovinare...), beh, personalmente non nascondo che mi ha fatto un certo effetto.
Era tardo pomeriggio quando l’ho tirata fuori dalla scatola.
Luce dorata, momento magico del giorno (fotograficamente parlando) ed emozioni a non finire.
Difficile restare indifferenti davanti a una bici con questo montaggio e con questo abbinamento cromatico.
Quindi, ho cercato con questo video di trasmettervi le emozioni che ha suscitato in me.
Ammetto, da appassionato di Mtb, di essermi fatto prendere la mano…

Per quanto riguarda i dettagli tecnici della bici, di seguito trovate la geometria.

evil the wreckoning

CLICCATE PER INGRANDIRE

L’escursione sulla ruota posteriore dovrebbe essere di 152 mm (non esiste ancora il dato ufficiale, ma conto di aggiornarvi a breve), le ruote sono da 29” e il montaggio di questa bici è pensato per privilegiare le doti discesistiche della bici (vedi ammortizzatore RockShox Vivid Air) e allo stesso tempo rendere quanto più leggera e solida possibile questa bici.

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

evil the wreckoning

Adesso, dopo averla guardate per bene, considerando il peso delle "sorelle" The Following e The Insurgentprovate a indovinare il peso di questa bici…

Qui l’articolo di presentazione della bici

Condividi con
Sull'autore
Simone Lanciotti

Sono il direttore e fondatore di MtbCult (nonché di eBikeCult.it e BiciDaStrada.it) e sono giornalista da 20 anni nel settore delle ruote grasse e del ciclismo in generale. Siamo molto focalizzati sui video e il canale YouTube MtbCult è un riferimento in Italia soprattutto per quanto riguarda i test.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right