VIDEO - Maxxis Aspen 2.25” vs 2.40” WT: tempi e sensazioni a confronto

Daniele Concordia
|

Maxxis Aspen a confronto: 2.25” vs 2.40” WT, chi vincerà?
La Aspen è una delle gomme Maxxis più utilizzate sui campi gara, tra gli amatori e tra i top riders.
Ed è anche la gomma più amata da Nino Schurter, che 9 gare su 10 utilizza le Aspen, sia sull'asciutto che sul bagnato.
Sebbene molte persone l'abbiano ormai catalogata come “troppo scorrevole”, in realtà non è proprio così: provandola e osservando bene il disegno e le caratteristiche, ci si accorge che la Maxxis Aspen è una gomma abbastanza versatile e molto performante.

Maxxis Aspen



Ma c'è una variabile che può cambiare sensibilmente le sensazioni di guida e le prestazioni: la sezione.
Da qualche mese, infatti, Maxxis ha inserito nella gamma una versione da 2.40” WT (Wide Trail), studiata appositamente per i cerchi con canale largo (da 25 a 30 mm), che si affianca alle già presenti 2.10” e 2.25”, cambiando un po' le carte in tavola e creando un po' di indecisione.

Maxxis Aspen

Ma ha senso montare delle gomme così larghe nell'Xc e nelle marathon?
Quanto influisce il peso in più nelle prestazioni?
E' vero che la gomma più stretta è più scorrevole?

Per rispondere a queste (e tante altre) domande, abbiamo realizzato una comparativa sul campo, molto curiosa e piena di sorprese.
Iniziamo con un video:

Ora riassumiamo i dettagli delle Maxxis Aspen e vi diamo qualche info in più sul test effettuato.

DETTAGLI TECNICI

- Struttura del copertone
Entrambe le versioni in test (2.25” e 2.40” WT) sono tubeless ready (TR) ed hanno una carcassa da 120 TPI con rinforzo EXO (solo sui fianchi).
Questa configurazione è la più utilizzata sulle gomme da Xc e marathon. E' molto semplice, ma offre grip e sostegno anche a pressioni basse, oltre ad un'ottima affidabilità in tutte le situazioni.

- Diametri e sezioni disponibili
Le Maxxis Aspen sono disponibili solo nel diametro da 29 pollici e in tre sezioni: 2.10”, 2.25” e 2.40” WT.
Questi tre modelli hanno una carcassa da 120 TPI, mentre la 2.10” è disponibile anche in una versione più economica da 60 TPI.

- Larghezza effettiva in mm
La versione da 29x2.25” misura circa 58-59 mm su cerchio con canale da 30 mm, mentre la 2.40” WT arriva fino a 62 mm di larghezza, sempre su canale da 30 mm. La differenza in millimetri non è esagerata, ma il modello di sezione maggiore ha la forma del fianco ottimizzata per i cerchi a canale largo, quindi lavora meglio se sottoposto a stress.
Inoltre, la versione da 2.40” WT rimane anche leggermente più alta, per assorbire le vibrazioni e copiare meglio le asperità del terreno.

Maxxis Aspen

- Mescole disponibili
Unica mescola a doppia densità: più dura al centro del battistrada (per offrire una minore resistenza al rotolamento e scongiurare l'usura precoce) e più morbida ai lati (per avere più grip in curva e sul bagnato).

- Peso
Il peso dichiarato del modello da 29x2.25” è di 660 grammi, mentre quello reale misurato da noi è di 672 grammi.
Il peso dichiarato del modello da 29x2.40” WT è di 720 grammi, mentre quello reale è di 749 grammi.
Sebbene i pesi reali siano leggermente superiori a quelli dichiarati, di base non sono eccessivi: questi valori garantiscono un giusto compromesso tra affidabilità e prestazioni.

Maxxis Aspen

La versione da 2.40" WT pesa un po' di più, ma offre più volume e più sostegno, anche senza utilizzare gli inserti antiforatura...

- Facilità di montaggio tubeless
Tra un test e l'altro le abbiamo smontate e rimontate a mano (senza leve caccia gomme) e fatte tallonare con una semplice pompa, senza compressore!
Bisogna aggiungere altro?

- Prezzo
Il prezzo ufficiale di entrambi i modelli (e anche di quello da 2.10” con 120 TPI) è di 57,90€ a gomma.
La versione da 2.10” con 60 TPI costa 44,90€.
In generale, quindi, siamo in linea con la concorrenza.

Maxxis Aspen

SENSAZIONI

Come vanno, in generale, le Maxxis Aspen?
Si sente davvero la differenza tra il modello da 2.25” e quello da 2.40” WT?
Come ho accennato precedentemente, questa gomma offre il giusto mix tra scorrevolezza, grip e sostegno. Chi utilizza un canale largo (dai 25 ai 30-31 mm), di solito non ha bisogno di troppo tassello e una gomma come la Aspen può essere la giusta soluzione al 90 per cento dei casi.
Ovviamente parlo di contesti racing, marathon o Xc, perché se il vostro obiettivo è il bike park o i sentieri “sporchi” di alta montagna, allora sarebbe meglio optare per gomme più scolpite.

In questa immagine il modello da 29x2.25": come vedete, sul cerchio da 30 sviluppa giù un buon volume. La differenza principale è sull'altezza della gomma e soprattutto sulla maggiore aggressività laterale.

Detto ciò, la Aspen mi è piaciuta sin da subito, perché oltre ad essere abbastanza completa a livello di disegno (scorrevole al centro ma con buon grip laterale) e mescola, ha anche un'ottima carcassa, che sostiene ed offre sicurezza. D'altronde, tutte le gomme Maxxis da Mtb si contraddistinguono per questa caratteristica.
Parlando delle sezioni, mi sono trovato bene sia con il modello da 2.25” che con le 2.40” WT, ma queste ultime mi hanno offerto quel feeling in più che ho avvertito sin da subito.

Nello specifico, le differenze principali le ho avvertite nelle curve scivolose senza appoggio e nei tratti molto sconnessi e sassosi, dove la gomma più ampia permette di avere più grip e di copiare meglio le asperità del terreno.
In salita?
A primo impatto non ho avvertito particolari differenze tra i due modelli, ma i tempi analizzati dopo il test hanno detto altro...

Maxxis Aspen

Qui la Aspen da 2.40" WT montata sempre sul canale da 30 mm. Visivamente, la differenza non è eccessiva, ma sul campo si nota

TEMPI

Veniamo al sodo: con quale sezione si va più forte?
Per avere un quadro completo della situazione ho fatto due tipi di test: il primo su un circuito Xc di circa 2,2 km che include tutte le situazioni più frequenti in gara e il secondo su una salita regolare di 1,5 km, tipica di una granfondo.

Nel circuito Xc ho girato a tutta (ritmo gara), mentre sulla salita regolare ho pedalato a un wattaggio costante, prossimo alla mia FTP (soglia funzionale).
Per analizzare le prestazioni sul circuito Xc ho usato il Garmin Edge 530 e il Crossbox, un dispositivo che analizza in modo ancora più preciso tempi e segmenti.
Per analizzare le prestazioni sulla salita mi sono bastati i dati del Garmin.

Ovviamente ho utilizzato la stessa bici e gli stessi cerchi, adattando le pressioni delle gomme in base alla sezione utilizzata. Nello specifico, ho gonfiato a 1.5 bar posteriori/1.3 bar anteriori le 2.25” e 1.4 bar posteriori/1.2 bar anteriori le 2.40 WT.
Peso 63-64 kg, ma in generale non amo le pressioni molto basse...

Maxxis Aspen

Dai risultati dei test ho avuto sia conferme che sorprese.
Con le Maxxis Aspen da 2.40” WT, non solo ho girato più forte sul circuito Xc, ma ho sprecato anche meno energie, infatti dai dati del Garmin ho notato una potenza normalizzata sul giro di 10 watt inferiore.

In verde, i dati di potenza dei due giri Xc: come vedete, nel primo (gomme da 2.25") ho espresso un wattaggio normalizzato di 340 watt, mentre nel secondo (gomme da 2.40" WT) la potenza normalizzata è stata di 331 watt. Quindi sono andato più forte, faticando meno.

Nello specifico, con le gomme da 2.25” ho girato 7 secondi più piano, che su un giro così breve non sono pochi. I dati forniti dal Crossbox mi hanno fatto capire che la differenza maggiore l'ho fatta in discesa, ma in salita le prestazioni sono state paragonabili, con picchi a favore delle 2.40”, quindi sono riuscito a mantenere il vantaggio accumulato in discesa.
Di seguito gli screenshot dei due giri ricavati dalla App di Crossbox:

Maxxis Aspen

L'analisi del giro effettuato con le gomme da 2.25"

I dati del giro effettuato con le gomme da 2.40" WT. Come vedete, in quasi tutti i segmenti sono andato più forte, ma ci sono delle eccezioni. Nella sezione 3 (pianeggiante-vallonata) ho girato 2" più lento, una differenza davvero minima che può essere causata anche da una traiettoria leggermente diversa. Sono stato più lento anche nella sezione 5, ossia l'ultimo strappo prima dell'arrivo: in questo caso, credo che la differenza l'abbiano fatta le gambe un po' stanche, in quanto quest'ultimo test è stato eseguito a fine giornata e nelle ore più calde.

Se sul circuito Xc mi sarei potuto aspettare un risultato del genere, sulla salita “tipo granfondo” sono rimasto stupito.
Infatti, anche qui le Maxxis Aspen da 2.40” WT si sono dimostrate la scelta vincente, nonostante il peso e l'impronta a terra maggiori...

Maxxis Aspen

In questo caso la differenza sui tempi è stata meno marcata, soli 3 secondi che però fanno intuire come la gomma più larga non crei disagi sul pedalato. Anzi, semmai potrebbe essere un aiuto, perché offre più grip, copia meglio il terreno e permette di effettuare un gesto più economico.

Maxxis Aspen

Da sottolineare che il wattaggio tra le due salite è stato identico e mentre pedalavo ho cercato di scegliere la stessa traiettoria, quindi il risultato del test è molto affidabile e realistico.

In verde, i tempi e qualche altro dato sulle due salite costanti

Qui sotto l'attività di Garmin Connect con tutti gli altri dati analizzati durante il test:

IN CONCLUSIONE...

Se eravate scettici sull'utilizzo delle gomme abbondanti nell'Xc e nelle granfondo/marathon, ora avete qualche risposta in più.
Ormai è chiaro quanto i benefici derivati dalla sezione maggiore, abbinata ai cerchi di canale largo, siano maggiori degli svantaggi che potrebbero causare quei 150-200 grammi in più sulle gomme.
Solo in casi particolari di gare molto lunghe, scorrevoli e con parecchio dislivello (tipo Hero o DSB), se l'obiettivo è il risultato "puro" si potrebbe valutare l'utilizzo di una gomma più stretta per andare a limare anche il minimo peso in più. Ma in questo caso, il beneficio sarebbe più psicologico che reale...
In tutte le altre situazioni i tempi e le sensazioni parlano chiaro: con la gomma larga si va più forte, si rischia meno e, soprattutto, ci si diverte di più!
Provare per credere...

Qui qualche consiglio sulla pressione delle gomme:

https://www.mtbcult.it/tecnica/video-pressione-gomme-da-mtb-consigli/

Se invece siete indecisi su quale disegno scegliere, cliccate qui:

https://www.mtbcult.it/tecnica/scegliere-il-disegno-delle-gomme-da-xc/

Qui tutte le altre comparative di MtbCult.

Per altre informazioni sulle gomme Maxxis visitate il sito Maxxis.com oppure quello del distributore italiano Ciclo Promo Components.

Condividi con
Sull'autore
Daniele Concordia

Mi piacciono il cross country e le marathon, specialità per le quali ho un'esperienza decennale. Ho avuto un passato agonistico sin da giovanissimo, ho una laurea in scienze motorie e altri trascorsi professionali nell’ambito editoriale della bici.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
[sibwp_form id=1]
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right