•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Se avete già letto il test della Giant Reign Advanced noterete che le impressioni ricavate dalla prova della Giant Trance Advanced 27.5 0 sembrano quasi sovrapponibili.
Di fatto le due bici, pur avendo geometrie e impostazioni differenti, hanno un carattere fortemente votato al divertimento.

Più veloce e cattiva la Reign, più sbarazzina e agile la Trance.
Ma la linea di demarcazione fra le due bici è tutta nel valore dell’escursione della sospensione posteriore: 160 mm per la Reign e 140 mm per la Trance.
Quei 20 mm fanno una differenza enorme.

giant trance advanced 27.5 0
La sospensione posteriore è della serie Maestro.

Il test ha messo in luce la versatilità di questa bici, talvolta oscurata dalla maggiore popolarità della Reign (l’enduro, agonistico o meno, ha un grande richiamo in Italia). Però, a pensarci bene, la Giant Trance è la bici che molto più spesso di quanto si creda risponde al meglio alle necessità di una gran fetta di biker.
Perciò, sì, è vero, ha un’escursione ridotta rispetto alla Reign, ma vogliamo scommettere che i suoi 140 mm sono più che sufficienti in una gamma molto vasta di situazioni?
Salita compresa?
SL

giant trance advanced 27.5 0
Stefano Chiri il tester della Giant Trance Advanced indossa baggy short Endura Single Track II, maglia Endura Humvee Lite SS, casco Troy Lee Designs A1 e scarpe Dmt E1.




1 – GEOMETRIA
– Angolo di sterzo: 67° sono un angolo che fa subito intendere la vocazione al divertimento di questa bici.

giant trance advanced 27.5 0
– Angolo piantone: 73,5° sono ideali per pedalare anche per molte ore.
– Lunghezza tubo superiore: parliamo di una taglia M e 600 mm per me che sono alto 1,72 m sono perfetti.

giant trance advanced 27.5 0
– Altezza manubrio da terra: 103 cm
– Altezza movimento centrale da terra: 34 cm
– Lunghezza carro: 440 mm. Certo, potrebbe essere più corto, ma se non altro le conferisce tanta trazione come vedremo sul campo.
– Interasse: 1155 mm, cioè interasse abbastanza contenuto (per la taglia M) le conferisce un’agilità impressionante.

giant trance advanced 27.5 0
– Assetto in sella: sono alto 1,72 m e ho un altezza sella di 70 cm, mi trovo perfettamente dentro la bici.
– Altro e/o eventuali sensazioni: la geometria fa intendere subito che si tratta di una bici da trail che si pedala bene e che permette di osare un po’ in discesa, nel rispetto dei 140 mm di travel al posteriore.

Voto finale (da 1 a 10): 9,0

giant trance advanced 27.5 0

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: tuning M sia per rebound che per compressione per il RockShox Monarch Rt3 DebonAir. E’ un tuning che abbinato al funzionamento della sospensione Maestro rende la Giant Trance Advanced 27.5 0 una bici molto divertente da pedalare.
– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura regolare: la Trance Advanced 0 risulta estremamente pedalabile anche con compressione completamente aperta (posizione Open), chiudendo in posizione Lock è quasi una rigida.

giant trance advanced 27.5 0
– Efficienza sospensione posteriore nell’andatura fuorisella: nonostante la grande sensibilità del sistema di sospensione Maestro anche alzandosi sui pedali la bici risulta sostenuta e pronta a scattare.
– Efficienza sospensione posteriore in salita offroad: si mangia tutto e risponde benissimo ad ogni colpo di pedale, il carro è molto sensibile ai piccoli urti e si ha veramente tanta trazione.

giant trance advanced 27.5 0
– Commenti sui componenti montati sulla bici: il montaggio è veramente al top, mi sono piaciute tantissimo le ruote con cerchi Giant P-TRX 27.5-0 Carbon, reattive e robuste (le ho un po’ maltrattate). L’attacco manubrio Giant Contact SLR (foto in basso), anche se in carbonio e di grande pregio, esteticamente appesantisce un po’ la linea della bici.

giant trance advanced 27.5 0
– Altro e/o eventuali sensazioni: anche nelle salite più ripide e nelle curve più strette mi ha trasmesso una guidabilità superiore anche alla Santa Cruz 5010.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

giant trance advanced 27.5 0

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: confermo quanto detto per la salita: il tuning M-M (per rebound e compressione) abbinato a questa sospensione Maestro da 140 mm di travel dona alla sospensione un comportamento progressivo e sostenuto in maniera molto bilanciata.

giant trance advanced 27.5 0
– Curva di compressione della sospensione (linearità e progressività): la Trance ha un carro che mi piacerebbe ritrovare anche sulla sorella maggiore Reign Advanced, sensibile e molto progressivo, nella parte centrale è veramente ben sostenuto, non sembra di avere una 140 mm di escursione.
– Impatti di piccola entità: come dicevo sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla progressività e questo mi ha spinto ad andare oltre la percentuale di Sag consigliata per questo tipo di bici (trail bike) arrivando a un 30% abbondante. Quindi, per quanto riguarda i piccoli urti, ho sempre avuto la sensazione di galleggiamento sulle asperità.

giant trance advanced 27.5 0
– Impatti di grande entità: l’ottima progressività mi ha dato la sensazione che l’escursione fosse anche maggiore di quella dichiarata. Ti invita a mollare tanto i freni per la confidenza che regala però a certe velocità (cioè a percorrenze più vicine a quelle di una bici da enduro che di una trail bike) diventa molto nervosa e più impegnativa da guidare.
– Rigidità torsionale del carro: ottima, l’ho torturata su curve e sponde entrandoci a tutta e non mi ha mai deluso, né mi ha mai scomposto l’assetto. I cerchi in carbonio Giant (foto in basso) hanno dato un bell’aiuto.

giant trance advanced 27.5 0
– Agilità della bici: impressionante, rispetto anche alla Santa Cruz 5010, quando la velocità sale, però, diventa piuttosto nervosa e qui la 5010 ha un comportamento migliore.
– Efficienza sospensione posteriore in frenata: si ha sempre un’ottima trazione.

giant trance advanced 27.5 0
– Commenti sui componenti montati sulla bici: non male le gomme Schwalbe Nobby Nic SnakeSkin TLR da 2,25” con mescola Trail Star (più morbida) davanti e Pace Star (più dura) dietro. Mi hanno dato confidenza, ma non nascondo che avrei preferito gomme un po’ più cattive per sfruttare davvero bene il potenziale di questa bici.
Molto valide le ruote Giant Trx 0 Composite, reattive e solide.
Freni Sram Guide Ultimate (con dischi 170-160 mm): la leva è molto confortevole da usare e la risposta è bella potente.

giant trance advanced 27.5 0
La leva freno Sram Guide Ultimate e il comando remoto del reggisella Giant.

– Altro e/o eventuali sensazioni: al salire della velocità e avvicinandosi ai livelli di una bici da enduro diventa un po’ troppo nervosa anche chiudendo un po’ il ritorno delle sospensioni. Però è una di quelle bici che ti invita proprio a cercare linee alternative, allargare traiettorie per entrare in curva, saltare blocchi di rocce o radici utilizzando anche solo un ciuffo d’erba come spunto.
E’ una bici interessante, alternativa direi.

Voto finale (da 1 a 10): 9,0

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO
– Tuning scelto per l’ammortizzatore: qui l’ammortizzatore dà il meglio di sé, perché risulta “pieno” proprio quando si tratta di rilanciare.
– Efficienza sospensione posteriore nei rilanci: come detto, è ben sostenuta quando si spinge sui pedali e sui sali-scendi la Giant Trance Advanced 27.5 0 vola.

giant trance advanced 27.5 0
– Agilità della bici: svelta come forse nessuna altra bici che ho provato finora riesce ad essere. Merito di un mix ben riuscito fra angolo di sterzo non apertissimo, interasse abbastanza compatto e tuning dell’ammortizzatore sostenuto.
La sequenza rilancio-salto-curvo-derapo avviene rapidamente e con grande naturalezza.
– Commenti sui componenti montati sulla bici: le ruote anche qui fanno una grande differenza unite al peso complessivo della bici (11,5 Kg senza pedali).

giant trance advanced 27.5 0
Sul pedalato e sui saliscendi emerge la qualità di un altro componente, ossia il reggisella Giant Contact Sl Switch-R (foto sopra) da 125 mm di corsa. Ha il passaggio interno del cavo, un comando al manubrio ergonomico e di dimensioni contenute e un funzionamento davvero fluido e preciso. Insomma, non fa rimpiangere troppo il classico Reverb Stealth…

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

5 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Regolazioni consentite sulla geometria: non sono previste
– Spazio fra gomma posteriore e carro (in caso di fango): spazio c’è anche se il leveraggio (soprattutto quello inferiore) ne soffre quando ci si trova fra pietriccio o fango.
– Cura del passaggio cavi: è veramente ben fatto e comodo da utilizzare in caso di necessità, il triangolo anteriore presenta il passaggio interno dei cavi.

giant trance advanced 27.5 0
– Attacco portaborraccia: sì, c’è ed è facilmente raggiungibile
– Attacco guidacatena: sì, Iscg05
– Compatibilità deragliatore: sì, è previsto quello di tipo directmount.

giant trance advanced 27.5 0

giant trance advanced 27.5 0
– Protezioni sul telaio e sul carro: ci sono tutte, ben fatte e ben posizionate (foto sopra).
– Posizionamento dell’ammortizzatore: la posizione dell’ammortizzatore richiede un periodo di adattamento perché, almeno per la mia statura, risulta abbastanza in basso per la mia altezza di sella. Come posiziona ricorda molto quella della Giant Reign Advanced.

giant trance advanced 27.5 0
– Peso telaio e bici: 11,5 Kg in tg M sono un bel risultato, ma del resto con questo allestimento c’era da aspettarselo.
– Prezzo telaio e/o bici: 6699€ e qui occorre aprire un piccolo ragionamento. In assoluto 6699€ sono tanti, ma se guardiamo le sue concorrenti con l’allestimento di punta (cioè la Specialized S-Works Stumpjumper 650b, la Cannondale Trigger Carbon 1, la Focus Spine C 0.0 e via dicendo), il prezzo di questa Giant è in genere di 1000-1500€ inferiore. E la garanzia sul telaio è a vita.

giant trance advanced 27.5 0
La forcella RockShox Pike Rct3 da 140 mm.

Insomma, un rapporto qualità/prezzo fra i migliori (se non addirittura il migliore) sul mercato delle bici vendute nei negozi.
– Altro e/o eventuali sensazioni: è una bici che si pedala benissimo e che in discesa invita a giocare e cercare le linee più alternative. Un appunto però sento di doverlo fare, anche se legato molto al gusto personale: vista la sua indole giocosa è un peccato che la colorazione scelta sia così seria e poco vivace. Non è per nulla in linea con la gioia che poi questo telaio ti trasmette quando ci sali.

Voto finale (da 1 a 10): 9,0

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,2

giant trance advanced 27.5 0




In conclusione…
Giant ha nascosto un po’ l’appeal di questa bici dietro una colorazione sobria e poco vistosa, ma se si toglie l’apparenza la Giant Trance Advanced 27,5 0 è una bici di assoluto valore.
Agile, reattiva, efficiente e, nell’allestimento di punta, anche leggera, senza dimenticare che è disponibile in 5 taglie (dalla XS alla XL).
Datele una chance e preparatevi a rimanere stupiti per quante cose riesce a farvi fare e con quale disinvoltura…

Qui altre trail bike trattate da MtbCult.

Per informazioni Giant-Bicycles.com/it



Stefano Chiri

Ciao, mi chiamo Stefano Chiri e quello che più mi piace è stare in sella ad una due ruote, ancora di più se è una bici. Mi piace la guida, arrivare al mio limite e trovarlo in tutto quello che ho modo di provare. La bicicletta è diventata la mia vita, l'ho vista e continuo a vederla da ogni punto di vista, da meccanico, tester, maestro e "atleta", cercando di trovare sempre nuovi spunti per andare avanti, migliorarmi e per coinvolgervi nell'universo della Mtb e della bici a 360°. Stefano Chiri