scritto da Daniele Concordia in Componenti,Domande il 01 Giu 2018

Il “dilemma” di Leonardo: «Adattatori Boost: cosa ne pensate?»

Il “dilemma” di Leonardo: «Adattatori Boost: cosa ne pensate?»
        
Stampa Pagina

Leonardo Navarra
via e-mail
Salve, vi scrivo perché ho un dilemma: sono in possesso di una Specialized Epic Ht Comp Carbon, per cui standard Boost ma ruote in alluminio. Il peso è di circa 10,7 kg.

Ho una mezza intenzione di sostituire la mia bici con una Specialized Epic Ht S-Works che ho trovato in un negozio a buon prezzo e in ottimo stato.
La S-Works in questione ha solo un problema: per una serie di motivi monta delle Roval SL non Boost, la ruota posteriore è stata modificata con degli adattatori Boost e quella anteriore ha la classica battuta da 100 mm, quindi non Boost, con forcella dedicata. Tutta la bici pesa circa 8,5 kg.
La mia domanda è: con questo allestimento quanto perderei in termini di prestazioni/rigidità rispetto ad una S-Works “classica”?
E quanto guadagnerei rispetto a quella che ho attualmente?
Grazie in anticipo!

Adattatori Boost

Risponde Daniele Concordia
Ciao Leonardo, rispondo con piacere a questa tua domanda, in quanto anche io, sulla mia bici personale (Boost), in questo momento sto utilizzando delle ruote con adattatori Boost.
Prima di arrivare alla risposta, però, ci tengo a spiegare in cosa consistono questi kit di trasformazione.

Adattatori Boost

Uno dei tanti kit di trasformazione ruote per telaio Boost, prodotto da Mrp

In pratica, tra mozzo con perno passante classico (12×142 mm) e mozzo Boost (12×148 mm) corrono 6 mm di differenza.

Adattatori Boost

 

Gli adattatori Boost non fanno altro che sostituire i tappi esterni, che funzionano anche da superficie di appoggio della ruota sul telaio, allargando la battuta di 3 mm da entrambi i lati.
Contemporaneamente, si installa anche uno spessore specifico (sempre di 3 mm) dietro al disco, per far sì che questo lavori in asse e si possa centrare correttamente, fissandolo però con delle viti più lunghe.

Adattatori Boost

Adattatore Boost installato sulla ruota anteriore

Parliamo quindi di un escamotage particolare, spesso provvisorio, che però nella maggior parte dei casi, facendo attenzione alla regolazione del cambio (la linea catena sarà diversa) funziona abbastanza bene.
Ovviamente, i benefici del Boost (battuta del mozzo maggiorata, ruota più rigida e così via) in questo modo non vengono sfruttati del tutto, ma è un compromesso che a volte si può accettare e che potrebbe far risparmiare parecchio denaro…
Nel tuo caso, ad esempio, acquistando la Specialized Epic Ht S-Works avresti un mezzo di oltre due chili più leggero, un vantaggio considerevole soprattutto in salita!

Specialized S-Works Epic Ht Wc, Adattatori Boost

La Specialized S-Works Epic Ht Wc

Analizzando le mie sensazioni personali, posso dirti ad esempio che tra la ruota posteriore “adattata” e quella Boost non si avverte troppa differenza sui pedali, o meglio, a mio avviso i vantaggi che darebbe una Mtb più leggera sarebbero maggiori rispetto a quelli offerti soltanto da una ruota Boost specifica.
Detto questo, quindi, ti consiglio di procedere con l’acquisto e di goderti la nuova hardtail ultraleggera con adattatori Boost.
Successivamente, poi, quando ne avrai la possibilità e se ne sentissi la necessita, potresti fare un upgrade comprando delle ruote e una forcella specifici.
In fin dei conti non sono soltanto quei 6 mm a farti andare più piano o più forte…

Adattatori Boost

Un altro kit di trasformazione (prodotto da Tsunami Carbon Project solo per le proprie ruote). Nella foto si nota lo spessore dietro al disco e le viti più lunghe…

Per saperne di più su come e perché è nato il sistema Boost guardate questo articolo.

Qui, invece, lo short test della Specialized Epic Ht Expert Carbon.



        
Torna in alto