Assetto per l'enduro: «Quanti spessori sotto l'attacco manubrio?»

Daniele Concordia
|

Christian
Via email
Buongiorno, avrei bisogno di un aiuto: ho appena acquistato una nuova forcella RockShox Lyrik 2020, mi é arrivata con il cannotto lunghissimo e adesso dovrei tagliarlo, ma quanti spessori dovrei lasciare sotto l'attacco?
Meglio un manubrio un più alto o più basso?

La monto su una e-Mtb Mondraker Crafty R 29” modello 2020 in taglia M, la forcella ha un offset di 42 mm.
Quella originale era un Fox 36 Float Fit Grip EVOL Rhythm, sempre da 160 mm (cambiata perché non mi piaceva come idraulica), montata con 3 spessori (due spessori da 10 mm e un spessore da 2,5 mm) per un totale di 22,5 mm.
Dovrei tenere la stessa altezza? A sensazione mi era sembrata un po' troppo alta...
Poi, visto che Mondraker ha un Reach di 470 mm, molto lungo rispetto ad altri marchi, è meglio un’attacco manubrio più basso per caricare l’anteriore?
Un buon compromesso potrebbe essere lasciare uno spessore da 15 mm?
Sono alto 1,73 metri, con cavallo di 83 cm, altezza sella 73 cm, lunghezza pedivelle 165 mm, attacco manubrio 30 mm e gomma Schwalbe Magic Mary 29X2.6”
Grazie per l’aiuto!

Assetto per l'enduro

La domanda di Christian si riferisce ad una e-Mtb Mondraker, ma il principio in linea di massima vale per tutti i mezzi da enduro o trail riding, con o senza motore... Ecco perché abbiamo decido di rispondere in questa sede e non su eBikeCult.it



Risponde Daniele Concordia
Ciao Christian, l’altezza manubrio della e-Mtb, ma anche della Mtb da enduro tradizionale è molto soggettiva. Dipende da tanti fattori, in primis dallo stile di guida e il livello tecnico, poi anche dalle misure antropometriche (per esempio chi ha le braccia lunghe, di solito tende ad avere un anteriore più basso, e viceversa) e così via...
In generale, ti consigliamo di non tagliare troppo il tubo forcella per due motivi...
Il primo è la rivendibilità della bici/o della forcella: se in futuro dovesse acquistarli una persona più alta di te o con altre necessità rispetto alle tue, potrebbe avere dei problemi di adattamento.
Il secondo è il fatto che tagliandolo troppo preciso, potresti trovarti in difficoltà nel caso in cui volessi un anteriore più alto dopo le dovute prove.

Tuttavia, se l’assetto della bici con la Fox non ti piaceva, premesso che l'escursione e l'altezza della forcella siano le stesse, potresti iniziare togliendo mezzo cm dai 22,5 cm originali, spostando lo spessore sopra l'attacco (senza tagliare nulla) e fare delle prove.
Se non ti soddisfa ancora, togli altri 5 mm e riprova.
Ti consiglio di andare per gradi, fino a quando non avrai trovato il tuo equilibrio.

Assetto per l'enduro

Le Mtb di ultima concezione, più lunghe e con sterzo più aperto, invitano a guidare caricando di più il peso sulla ruota anteriore...

A questo punto, se lo scarto superiore è eccessivo (diciamo sopra i 2-3 cm), allora potresti tagliare un po' il tubo, sia per questioni estetiche, ma anche per evitare sporgenze pericolose in caso di caduta. Ma lascia sempre quel centimetro/centimetro e mezzo di “gioco” sopra l'attacco, che tra l'altro potresti sfruttare sui tracciati molto ripidi alzando l'avantreno, ad esempio.
Le aziende utilizzano sempre delle misure standard che offrono delle possibilità di personalizzazione, poi sta al biker trovare il compromesso per le proprie necessità.

Assetto per l'enduro

Lasciare un po di "gioco" sul tubo di sterzo, utilizzando dei semplici spessori, è una buona abitudine per evitare di tagliare troppo il tubo forcella. In questo modo, oltre ad avere più range di regolazione, sarà più facile vendere la bici o la forcella in futuro.

Parlando delle geometrie Mondraker, come hai già detto tu stesso, il reach allungato e lo sterzo aperto con rake ridotto impongono una guida più aggressiva, che invita ad imprimere maggior carico sull’anteriore, quindi potrebbe sorgere spontanea la necessità di abbassare un po’ di più lo sterzo. Questo, in linea di massima, accade con parecchie bici da enduro di concezione moderna...
Ma ripeto, prima fai un po’ di prove, perché la regolazione del manubrio è sempre molto soggettiva.
Poi facci sapere com’è andata.

Qui un approfondimento sull'attacco manubrio e la sua importanza nella guida.

Qui un articolo sul dislivello sella-manubrio nell'Xc e Marathon.

Qui tutti gli articoli sull'assetto in sella.

Condividi con
Tags
Sull'autore
Daniele Concordia

Mi piacciono il cross country e le marathon, specialità per le quali ho un'esperienza decennale. Ho avuto un passato agonistico sin da giovanissimo, ho una laurea in scienze motorie e altri trascorsi professionali nell’ambito editoriale della bici.

Iscriviti alla nostra newsletter

... E rimani sempre aggiornato sulle ultime notizie!
Logo MTBCult Dark
Newsletter Background Image MTBCult
arrow-leftarrow-right