•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Così forte, in questa stagione, non era mai andato. La tappa di Finale Ligure ha esaltato Davide Sottocornola. Non solo per il 25° posto in classifica, di gran lunga il miglior risultato dell’anno in Enduro World Series dopo il 43° di Valloire e il 44° di La Thuile. Ma soprattutto per quello che il rider di Cicobikes Dsb Ion ha fatto vedere sulle Speciali, e in particolare, in alcune sezioni, dove ha guidato alla pari dei mostri sacri. Come nella Ps5, la prima di domenica mattina, in cui il piemontese ha staccato il 10° tempo assoluto.

Davide Sottocornola durante le ricognizioni a Finale Ligure.
Davide Sottocornola durante le ricognizioni a Finale Ligure.

«Mi sentivo in forma già a Sauze d’Oulx per l’ultima del Superenduro, sia dal punto di vista fisico che psicologico – afferma Davide – Nessuno dei due aspetti può mancare per centrare delle prestazioni di rilievo e in questo finale di stagione ho ritrovato una serenità che non avvertivo da mesi. A Sauze, purtroppo, una foratura aveva rovinato la mia gara. E a Finale sono arrivato molto carico».

– Raccontaci il tuo weekend.
– Andare così forte è stata una sorpresa. Non me l’aspettavo, a maggior ragione dopo il cambio di bicicletta (è passato dalla Santa Cruz Bronson C alla Rocky Mountain Altitude). Sono felice di essere entrato nella Top 15 di alcune Ps. L’unico rammarico è per la quarta Speciale. Stavo facendo un grande tempo, ma una foratura mi ha frenato. Nella sesta e ultima run, invece, ho perso diverse posizioni per la generale. Era una Speciale fisica, tutta da pedalare, senza un metro di recupero. Una prova non adatta alle mie caratteristiche e alla mia potenza. La fatica di due giorni a tutta si è fatta sentire.

15264949128_1c0806bb02_o (1)

– Ti sei divertito sui sentieri?
– Moltissimo. Finalmente una gara dove non si è provato all’inverosimile. Sentieri nuovi e svelati alla vigilia. E appena due giretti per focalizzare i punti cruciali. Diciamo che è stato un passo importante per avvicinarsi al format europeo dell’enduro. Se si vuole che un italiano ottenga dei risultati all’estero, occorre organizzare le gare in questa maniera e far valere la capacità di improvvisare, che è l’arma per eccellenza dell’endurista. Il rider deve interpretare il sentiero e avere buon occhio. Guardate i più forti: tutta gente con esperienza, che viene dalla Dh e ha un campo visivo superiore agli altri. Io sono arrivato tardi a questa disciplina, ho già 35 anni. Ma ai giovani dico di acquisire in fretta la mentalità dell’enduro e di andare a correre in Francia come ho fatto io in questa stagione. Pochi passaggi tecnici a mente e il resto è improvvisazione.

– Il feeling con la Rocky Mountain Altitude è stato immediato…
– Ci sono salito quindici giorni fa. Il primissimo impatto mi ha un po’ spiazzato. Ma sono bastati pochi giri per capire che con questa bici si va davvero forte.

La nuova bici di Davide Sottocornola, una Rocky Mountain Altitude 770 Msl con allestimento personalizzato. Guardate la galleria fotografica per le specifiche tecniche.
La nuova bici di Davide Sottocornola, una Rocky Mountain Altitude 770 Msl con allestimento personalizzato. Guardate le foto in basso per tutte le specifiche tecniche.

– Com’è rispetto alla Bronson?
– La Bronson ha una vocazione più da all mountain. E’ una bici che devi guidare sempre, senti di starci sopra, non ti perdona il minimo errore. La Rocky è per certi versi più facile, essendo più specifica per l’enduro. Ti senti “incassato” dentro, ti stanca di meno, ti permette di stare più arretrato e la curva di sospensione è decisamente più morbida. Rispetto alla Bronson, mi dà più sicurezza.

_DSC4162

– Ti aspettavi di vedere Barel sul gradino più alto del podio?
– Conosciamo tutti Fabien, è una macchina, appartiene alla categoria dei marziani. Ma dopo tutto quello che ha passato, no, non mi aspettavo la sua vittoria. L’ho appena rivisto in video. E’ un ballerino, sembrava danzare sui sentieri di Finale. Chapeau.

– La tua stagione è finita.
– Sì, finalmente un po’ di stacco. E per il 2015 mi auguro di ripartire proprio dal gas che ho saputo tirar fuori a Finale.

Non poteva esserci un epilogo migliore per Davide Sottocornola. Aveva iniziato il 2014 spiegandoci che gli serviva un cambio di mentalità (ricordate questa intervista?). Più serenità e, aggiungiamo noi, più convinzione nei propri mezzi.
Il 2015 deve ripartire proprio da qui.

E adesso parliamo della nuova bici di Sottocornola, la Rocky Mountain Altitude Msl con allestimento personalizzato. Foto e didascalie di Davide Ferrigno.

Il cuore del sistema di sospensione Smoothlink con l’ammortizzatore Fox Float X e il sistema Ride9, un sistema ideato da Rocky Mountain per modificare la geometrie e il comportamento della sospensione in base alle proprie esigenze. Qui trovate altri dettagli.
Il cuore del sistema di sospensione Smoothlink con l’ammortizzatore Fox Float X e il sistema Ride9, un sistema ideato da Rocky Mountain per modificare la geometrie e il comportamento della sospensione in base alle proprie esigenze. Qui trovate altri dettagli.
Cambio Sram X01.
Cambio Sram X01.

DSCN2483

La guarnitura completa Race Face Next SL con corona da 34 o da 32 denti a seconda dei percorsi.
La guarnitura completa Race Face Next SL con corona da 34 o da 32 denti a seconda dei percorsi.
I pedali Time Mx8
I pedali Time Mx8
La sella Sdg Fly montata su reggisella Thomson Elite Dropper Covert.
La sella Sdg Fly montata su reggisella Thomson Elite Dropper (qui il test).
Dietro la tabella porta numero (ripiegata per essere meno fastidiosa da un punto di vista aerodinamico): piega manubrio Race Face Next 35 da 760mm e rise di 10mm.
Dietro la tabella porta numero (ripiegata per essere meno fastidiosa da un punto di vista aerodinamico): piega manubrio Race Face Next 35 da 760 mm e rise di 10mm (qui il test).
La tabella oraria: tempi risicati da rispettare per le risalite pedalate
La tabella oraria: tempi risicati da rispettare per le risalite pedalate
Inconfondibili i freni Hope con pinze a 4 pistoncini in lega anodizzata.
Inconfondibili i freni Hope con pinze a 4 pistoncini in lega anodizzata.
La ruota anteriore della bici di Sottocornola: Ruote Industry Nine con cerchi Enduro da 26 mm di sezione, pneumatico Maxxis Minion DHF TR EXO 3C. E… non notate niente di strano?
La ruota anteriore della bici di Sottocornola: Ruote Industry Nine con cerchi Enduro da 26 mm di sezione, pneumatico Maxxis Minion DHF TR EXO 3C.
E… non notate niente di strano?
Vi diamo un aiuto...
Vi diamo un aiuto…
Il sistema a doppia camera con brevetto italiano rielaborato e proposto con due valvole diametralmente opposte. Qui altri dettagli.
Il sistema a doppia camera con brevetto italiano rielaborato e proposto con due valvole diametralmente opposte. Qui altri dettagli.
La forcella Formula 35 è stata sottoposta ad un tuning specifico per renderla più rigida e contribuire al “galleggiamento” nei tratti di sentiero più scassati.
La forcella Formula 35 è stata sottoposta ad un tuning specifico per renderla più rigida e contribuire al “galleggiamento” nei tratti di sentiero più scassati.

DSCN2487

Perno passante e dischi freno by Corsa Estrema
Perno passante e dischi freno by Corsa Estrema

Piccolo flashback: vi ricordate il confronto Santa Cruz Bronson vs Santa Cruz Nomad (quella da 26″)? Ecco che cosa ne pensava Davide Sottocornola.