•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

E’ arrivato il momento di annunciare il primo vincitore del concorso dell’MtbCult Garage.
Per la qualità delle foto (in particolare quella in azione) e per la completezza del testo vincono Andrea Tiburzi e la sua Mondraker Foxy.
Ad Andrea spetta il premio Camelbak Kudu 12.

phpThumb_generated_thumbnailjpg-4

Ma non finisce qui.
Dsb, il fornitore del premio, ha voluto mettere a disposizione anche un secondo premio, uno zaino Camelbak Mule di colore nero-verde.

Camelbak Mule nero-verde
Camelbak Mule nero-verde

Fra tutte le schede inserite fra il 2 e il 15 novembre abbiamo deciso di premiare la Storia di Elio intitolata “Io & Lei”.
Elio è riuscito a raccontare con semplicità e passione non solo una delle sue uscite, ma anche il rapporto con la sua nuova amica, la Mtb.

phpThumb_generated_thumbnailjpg-6

Il concorso dell’MtbCult Garage, però, continua e il premio del prossimo concorso è una sella Brooks Cambium C17 messa in palio da Dsb.

Brooks Cambium C17
La sella Brooks Cambium C17

MtbCult l’ha provata qualche mese fa (qui il test) e per chi è in cerca della comodità in bici questa sella è un vero riferimento.
Da oggi quindi parte il secondo concorso che si concluderà il 29 novembre.
Vogliamo segnalare a tutti coloro che avessero partecipato al primo concorso che è possibile partecipare di nuovo: se avete già caricato nel Garage la scheda della vostra bici potete partecipare inserendo una Storia oppure un’altra Bici, se avete più di una bicicletta nel vostro garage.
Qui trovate il regolamento.
Ci rivediamo fra due settimane.

Immagine-facebook-sella

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti