• 825
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

BMC Twostroke 01: si chiama così la nuova hardtail da Xc della casa svizzera.
“Two Stroke”, ovvero “due tempi”, una denominazione che nel mondo dei motori ha sempre avuto a che fare con la semplicità, la leggerezza, la reattività e il massimo divertimento.

BMC Twostroke 01

Abbiamo provato in anteprima la BMC Twostroke 01 (in versione ONE, la più pregiata) per diverse settimane e possiamo dire che il paragone motoristico calza a pennello, per diversi motivi che iniziamo a spiegarvi in questo video:

 

Ora analizziamo le caratteristiche e le sensazioni di guida…

1 – DETTAGLI TECNICI TELAIO
– Geometria: 10
BMC non ha mai troppo timore di “osare” sulle geometrie, l’ha già dimostrato con la full Fourstroke 01.
Anche quelle della Twostroke 01, infatti, sono veramente moderne, bilanciate e pensate per le massime prestazioni su ogni fronte.

Sterzo da 67 gradi con rake forcella di 44 mm, piantone da 75 gradi, carro da 42,5 cm, reach da 44,5 cm in taglia M con top tube da 61,8 cm.
C’è bisogno di aggiungere altro?
Di seguito le geometrie complete di tutte le taglie:

BMC Twostroke 01

– Assetto in sella: 10
Il tubo sella piuttosto verticalizzato dona subito un grande feeling in pedalata, la spinta è efficiente e nonostante il top tube sia abbastanza lungo, la posizione è molto racing.
Per motivi di disponibilità, BMC ci ha inviato una taglia S, un po’ al limite per le mie necessità, calcolando anche che l’attacco manubrio di serie su questa taglia è molto corto (50 mm).

L’attacco di serie sulla taglia S è davvero corto: 50 mm. Una scelta giusta, calcolando il reach abbondante, ma nel mio caso, per adattarmi alla taglia un po’ piccola avrei dovuto allungarlo. Tuttavia, essendo specifico per questa serie sterzo, ho preferito non fare adattamenti e guidarla così…

Con una M (che inoltre monta un attacco da 60 mm) avrei avuto più margine di regolazioni e più “spazio” per caricare l’anteriore durante la guida.
Nonostante ciò, grazie al reach e al top tube “abbondanti” sono riuscito comunque ad utilizzare la bici.
Il consiglio, però, è quello di non farvi ingannare alle lunghezze abbondanti che vedete scritte sulle tabelle: scegliete la taglia che usate di solito, per sfruttare al massimo le caratteristiche del telaio.

BMC Twostroke 01

– Cura costruttiva: 10
Il telaio della BMC Twostroke 01 è realizzato in carbonio Premium, quindi il più pregiato della gamma.
Sul carro posteriore troviamo la tecnologia TCC (Tuned Compliance Concept), già utilizzata in passato su alcune bici da strada BMC e che ha l’obiettivo di migliorare l’assorbimento delle asperità e delle vibrazioni provenienti dal terreno, garantendo più comfort sui sentieri tecnici e sconnessi.

Per amplificare questa “compliance” si utilizza anche un reggisella D-Shape (con sezione a D) che offre anch’esso un’ottima flessibilità. E’ comunque possibile montare un reggisella telescopico da 27.2 mm utilizzando un adattatore fornito dalla casa.

BMC Twostroke 01

Le linee del telaio BMC Twostroke 01 sono molto pulite e filanti anche grazie al design della zona di incrocio tra piantone, top tube e foderi alti del carro. Questa zona si ispira esteticamente alla forma degli aerei da combattimento, per offrire alla struttura una linea molto racing e un’ottima rigidità torsionale, senza rinunciare al comfort.

BMC Twostroke 01

Tra le altre caratteristiche del telaio troviamo il passaggio cavi completamente integrato e guidato, il limitatore di corsa dello sterzo per evitare impatti della piega contro il telaio, le protezioni nella zona sterzo e sul batticatena, la pellicola trasparente nelle zone più esposte, il guidacatena integrato con placca anti risucchio nella zona del movimento centrale, l’attacco della pinza freno di tipo Post Mount e la tolleranza massima delle gomme fino ai 58 mm di larghezza.

BMC Twostroke 01

Nel complesso, quindi, sia i dettagli tecnici, sia quelli estetici e funzionali, sono curati alla perfezione.

– Peso telaio e/o bici: 9
Il telaio della BMC Twostroke 01 pesa 1037 grammi in taglia M.
La bici completa in versione ONE, ossia la più pregiata, pesa 9,5 kg senza pedali e con gomme tubeless latticizzate.
Non sono dei pesi record, okay, ma come sempre BMC pensa a questo dettaglio solo in un secondo momento, dando precedenza alle prestazioni, all’affidabilità e al raggiungimento degli obiettivi desiderati.
Tutto sommato, valutando i componenti montati di serie (ne abbiamo parlato meglio nel video) il peso totale della bici non è per niente male.

BMC Twostroke 01
Forcella, ruote e guarnitura non sono di primissimo livello, ma contribuiscono a far abbassare il prezzo, mantenendo comunque un’affidabilità ottima.

– Prezzo telaio e/o bici: 10
La BMC Twostroke 01 ONE in test costa 3999€: un prezzo davvero super, visto che parliamo del modello più pregiato della gamma…

Twostroke 01 ONE: 3999€. Gruppo Sram X01 Eagle 10-52 con guarnitura X1 Carbon, freni Sram Level Ultimate, ruote DT Swiss XR 1700 Spline e forcella RockShox SID SL Select 2021.

Su prezzi e allestimenti, BMC ha fatto una scelta contro corrente, ma interessante: non ha realizzato un modello super costoso, ma delle bici di buon livello e con prezzi alla portata di tutti, con tutte le potenzialità per effettuare degli eventuali upgrade in futuro.
Basti pensare che la gamma in carbonio parte dai 1999€ della Twostroke 01 FOUR.
E ci sono anche due versioni in alluminio ancora più economiche…
Di seguito le foto degli altri modelli con i rispettivi prezzi:

BMC Twostroke 01
Twostroke o1 FOUR: 1999€
Twostroke 01 THREE: 2499€
BMC Twostroke 01
Twostroke 01 TWO: 2999€
Twostroke AL TWO (alluminio): 1199€
Twostroke AL ONE (alluminio): 1599€

– Garanzia sul telaio: 8,5
BMC fornisce una garanzia di 3 anni su ogni telaio e di 2 anni sui componenti e sulla verniciatura.
Registrando la bicicletta sul sito ufficiale è possibile estendere la garanzia sul telaio fino a 5 anni.
E’ prevista anche una formula Crash Replacement che, in caso di incidente, permette di acquistare (per una sola volta) il telaio con uno sconto del 40% dal prezzo di listino.
Per altre informazioni sulla garanzia BMC cliccate qui.

Voto finale (da 1 a 10): 9,5

BMC Twostroke 01

2 – COMPORTAMENTO IN SALITA: 10
Come ho già detto, l’assetto è molto racing e questo si avverte soprattutto in salita.
Anche sulle pendenze importanti si ha sempre una posizione raccolta ed una pedalata efficace.
Nel mio caso, avendo a disposizione la taglia S, questa sensazione è stata amplificata, la bici era ancora più reattiva, ma forse un po’ troppo raccolta nelle salite lunghe e/o con fondo irregolare.

Con forcella bloccata, i rilanci sono davvero fulminei, ma allo stesso tempo, il carro posteriore ed il reggisella D-Shpe donano un discreto comfort sullo sconnesso.

BMC Twostroke 01
Comando remoto push to lock a due posizioni (aperto o chiuso)

Tra i componenti troviamo la trasmissione Sram X01 Eagle con pacco pignoni 10-52, una soluzione pensata per la massima versatilità, che sulle rampe più ripide in qualche caso aiuta.
Nel complesso, quindi, la BMC Twostroke 01 in salita mi è piaciuta parecchio.

3 – COMPORTAMENTO IN DISCESA: 9,5
La taglia un po’ piccola non mi ha permesso di sfruttare al meglio le caratteristiche del telaio in discesa, ma nonostante ciò sono riuscito a capire le potenzialità e le caratteristiche della bici.
Lo sterzo da 67 gradi offre un grande controllo sia alle alte velocità, sia nel superamento degli ostacoli.
Stesso discorso per il reach abbondante: basti pensare che in taglia S abbiamo 42,3 cm di reach, valore che fino a un paio di anni fa trovavamo sui telai taglia M… Da ciò, deduco che la misura più grande (con reach di 44,5 cm) sarebbe stata ancora più “schiacciasassi”.

BMC Twostroke 01

Nonostante le quote così azzardate, la BMC Twostroke 01 è sempre maneggevole, leggera e reattiva nei sentieri più stretti, inoltre la “compliance” dei foderi si avverte positivamente sullo sconnesso.
Insomma, calcolando anche la presenza dei cerchi in alluminio (non di primissimo livello e con canale di 25 mm), l’ho guidata con piacere e non mi è mai sembrata troppo “esigente” o scorbutica.
Di certo, però, con un paio di cerchi in carbonio a canale largo, questa bici sarebbe ancora più veloce e divertente.
La forcella RockShox SID SL Select 2021 con cartuccia Charger, sebbene non sia il modello top di gamma non ha mai battuto ciglio: precisa e fluida in ogni situazione.

4 – COMPORTAMENTO SUL PEDALATO: 9,5
La prima volta che sono salito sulla BMC Twostroke 01, appena ho imboccato lo sterrato pedalando da seduto mi sembrava di aver bucato la ruota posteriore. Ma la pressione era okay…
Questo la dice lunga sulla flessibilità del carro e del reggisella.
Ecco, questa caratteristica si traduce in un buon comfort sugli sterrati veloci in cui bisogna spingere da seduti, tipo quelli delle granfondo, per intenderci.
Di conseguenza, col passare dei chilometri la bici diventa meno stancante.

BMC Twostroke 01

Allo stesso tempo, su asfalto o sugli sterrati compatti la reattività è massima, nonostante le ruote non siano tra le più leggere (circa 1670 grammi la coppia).
Non ho apprezzato troppo le gomme Vittoria Barzo di serie: troppo scolpite e poco scorrevoli, l’attrito è veramente tanto sui fondi compatti e asciutti. Restando in casa Vittoria, un Mezcal o un Saguaro sarebbero stati più adatti ad una “scheggia” da gara come la BMC Twostroke 01.

VOTO COMPLESSIVO (da 1 a 10): 9,6

BMC Twostroke 01

In conclusione…
La BMC Twostroke 01 è una hardtail moderna ma semplice. E alla portata di tutti…
Non troppo “nervosa” nella guida, comoda anche nelle lunghe distanze e (soprattutto) con un ottimo rapporto qualità-prezzo.
La versione ONE utilizzata nel test, con il suo prezzo di 3999€ darà filo da torcere a parecchie hardtail dei marchi concorrenti, perché va già molto bene di serie, ma ha anche un buon potenziale per migliorare ancora, senza spendere cifre folli.

Qui il test della BMC Fourstroke 01:

VIDEO TEST – BMC Fourstroke 01 Two: una “mini enduro”

Qui tutti gli articoli che parlano di BMC.

Qui tutti gli articoli sulle hardtail da Xc.

Per informazioni Bmc-Switzerland.com

Daniele Concordia

Ciao, mi chiamo Daniele Concordia e sono nato nel fuoristrada! La Mtb e il motocross sono le mie passioni più grandi, amo l'adrenalina, la fatica e le sensazioni che regala lo sterrato in tutte le sue forme. Ho corso tanti anni in mountain bike, tra Xc e Granfondo nelle categorie agonistiche, ma prima di tutto sono un amante del mezzo e della tecnica in generale. Dal 2012, dopo aver ottenuto la Laurea in Scienze Motorie allo IUSM di Roma, ho avuto la fortuna di fare della mia passione il mio lavoro, non solo come biker, ma anche come intermediario tra aziende, atleti e lettori. Seguitemi su Mtb Cult, qui sotto potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Daniele Concordia