•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A Coggiola questa settimana il tempo non è stato dei migliori e in generale è una località non proprio nota per il bel tempo…
L’importante, però, è non fermarsi mai e guardare avanti perché il 2014 sarà un anno di grandi impegni per Alex Lupato. Il 2013 è chiuso e adesso l’enduro mondiale si prepara ad alzare ancora di più l’asticella. C’è tanto da lavorare per recuperare il gap con gli stranieri, ma gli italiani, a cominciare dal campione italiano in carica, non si tirano certo indietro.

– Cominciamo dal passato: com’è andato il 2013?
– Non posso dire di essere molto soddisfatto, perché dall’Ews speravo di ottenere di più. Non avevo mai corso all’estero prima di quest’anno e non avevo idea del livello degli avversari. La gara di Finale Ligure mi ha dato più soddisfazioni e anche se il percorso non mi si addiceva sono andato abbastanza bene. Ci vuole ancora molto lavoro, lo so e non sto di certo a guardare. Quest’anno ci sarà anche mio fratello insieme a me e credo che questa cosa mi aiuterà.

Whistler è stata un'esperienza magnifica per Alex Lupato. A prescindere dal risultato.
Whistler è stata un’esperienza magnifica per Alex Lupato. A prescindere dal risultato.

– Preparazione: come sta andando?
– Bene, dai, diciamo che l’inverno è stato buono, abbiamo deciso di partire con più calma rispetto allo scorso anno perché è a giugno-agosto che ci saranno gli impegni più importanti. Lunedì e martedì vado a Follonica da 4Element per fare un po’ di preparazione “al caldo”.
Fino ad ora palestra, uscite e lavori con la bici da enduro, poi a fine febbraio farò un po’ di Dh con i rider di Marzocchi.

– In che modo hai lavorato sulla tecnica?
– Sono riuscito a girare spesso con mio fratello Denny e il livello così aumenta da sé. Ho fatto qualche sessione ad Aosta sulla pista di Bmx e anche un po’ di Dh.
Sono cresciuto, e non tanto per il lavoro di preparazione fatto finora quanto per le esperienze dello scorso anno. Girare per il mondo (Alex Lupato, insieme ad Andrea Bruno, è stato l’unico italiano alle gare americane dell’Ews 2013, ndr), conoscere altri tracciati, altri stili, altri rider, è stato uno stimolo grandioso.

Alex Lupato compirà 25 anni a ottobre.
Alex Lupato compirà 25 anni a ottobre.

– Quali sono gli obiettivi del 2014?
– Confermarmi campione italiano, poi mi piacerebbe entrare nella Top 15 dell’Ews ed essere più competitivo con gli stranieri.
Farò tutta l’Ews, il campionato italiano, quasi certamente le Superenduro Pro e qualche altra gara in giro qua e là. Enduro principalmente, ma anche qualcosa di Dh o Xc se capita l’occasione.

A fianco di Alex Lupato in gara ci sarà anche suo fratello Denny. Eccolo alla Superenduro di Finale Ligure del 2010. Dal prossimo anno si dedicherà full time all'enduro.
A fianco di Alex Lupato in gara ci sarà anche suo fratello Denny. Eccolo alla Superenduro di Finale Ligure del 2010. Dal prossimo anno si dedicherà full time all’enduro.

– Parlami del team e della bici…
– Innanzitutto ci tengo a dire che il mio team è l’unico italiano registrato nel ranking dell’Ews. Lo era anche lo scorso anno e sono contento di essere ancora con loro. Per quanto riguarda la bici, userò in gara una Lapierre Spicy Team 27,5” e anche la Zesty che in pratica ha lo stesso telaio, con componenti Frm e forcella Marzocchi 350. Al momento ho solo la Zesty, perché la Spicy l’allestiremo quando si avvicineranno le gare. Il peso della bici è, comunque, sotto i 13 chili.

Ecco la Lapierre Zesty con la quale Lupato si sta allenando in questi giorni. In gara userà la Spicy Team.
Ecco la Lapierre Zesty con la quale Lupato si sta allenando in questi giorni. In gara userà la Spicy Team.
Alex Lupato è uno dei rider sponsorizzati Marzocchi anche per il 2014. Ecco la forcella 350 montata sulla sua Lapierre.
Alex Lupato è uno dei rider sponsorizzati Marzocchi anche per il 2014. Ecco la forcella 350 montata sulla sua Lapierre.
Le caratteristiche tecniche (note) di Alex Lupato.
Le caratteristiche tecniche (note) di Alex Lupato.

Alex Lupato compirà 25 anni a ottobre ed è, fino ad oggi, l’atleta più promettente del panorama enduro italiano.
Insieme al fratello Denny, anche lui di estrazione Xc e discreto talento nella guida, faranno vedere bei numeri.
Manca poco più di un mese alle prime prove di enduro.
Attenti ai Lupato Bros…

Simone Lanciotti

Salve, mi chiamo Simone Lanciotti... e sono un appassionato di mountain bike come voi. Mi piace talmente tanto raccontare la mia passione per la Mtb che circa 20 anni fa ne ho fatto una professione. MtbCult.it è la stata la prima rivista che ho creato; poi eBikeCult.it e infine BiciDaStrada.it. La bicicletta in generale è stata ed è ancora per me una scuola di vita. Quindi, il viaggio continua e grazie per il contributo che date al nostro lavoro. Di seguito potete trovare tutti gli articoli firmati dal sottoscritto. Simone Lanciotti